Politica

di Mario Adinolfi

CHE FASTIDIO CHE PROVO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Che fastidio che provo per questi pacifinti che vanno in piazza con la bandiera arcobaleno e intanto godono per ogni immagine di tank russo in fiamme con attorno ucraini esultanti con gli Ak47 da noi forniti innalzati al cielo a sparare raffiche di gioia.

Che fastidio che provo per questo Zelenski che da straordinario capocomico ha ormai stregato il mondo intero e con tempi teatrali perfetti fa battere i cuori del senso di colpa occidentale, ma intanto ammette serenamente che “i morti russi sono dieci volte i nostri” e allora per chi dovrei piangere di più signor attore?

Che fastidio che provo per Putin che ha voluto trasformare una guerra regionale che dura da otto anni che a nessuno interessava in un preludio della terza guerra mondiale per misurare i limiti di ciascuno. Il fastidio è doppio perché a morire in terra ucraina ci ha mandato i soldati di leva, cioè i ragazzini ancora teenagers, che io non riesco a distinguere tanto dai 79 bambini morti tra i civili. Gli ucraini parlano di 12mila soldati russi uccisi e 18mila feriti, gli USA dimezzano la cifra che resta enorme per appena 18 giorni di guerra. È una strage di giovanissimi russi. Il fastidio è triplo dopo che Putin ha fatto arrestare due vertici dei servizi di sicurezza per la questione dei soldati di leva: che cavolo di autocrate sei se prendono decisioni del genere sotto il tuo naso?

Che fastidio che provo per coloro che hanno solo voluto irridere e disprezzare, senza fare lo sforzo di leggere davvero il discorso del patriarca Kirill che invece spiega molto delle ragioni profonde di questo conflitto: “Se l’umanità riconosce che il peccato non è una violazione della legge di Dio, se l’umanità concorda sul fatto che il peccato è una delle opzioni per il comportamento umano, è la fine della civiltà. Chi sta attaccando l’Ucraina oggi, dove la repressione e lo sterminio delle persone nel Donbass va avanti da otto anni? Siamo entrati in una lotta che non ha un significato fisico, ma metafisico”. Da decenni subiamo senza reagire in Occidente l’avanzata di una cultura vuota che ha spazzato via Dio e reso illegittima l’idea stessa di peccato: tutto deve essere accettabile, nulla è giudicabile, persino l’autodistruzione ormai la invochiamo a colpi di leggi che la rendano solamente poco dolorosa. Ci siamo venduti Dio e le ragioni fondanti, per ottenere in cambio una società profondamente infelice e atterrita, che va avanti a psicofarmaci e psicopolizia del pensiero unico. E il pazzo è Kirill che propone “una lotta dal significato metafisico”? C’è tanta distanza con Francesco che definisce quel che sta accadendo “una follia” senza attribuire colpe prioritarie all’uno o all’altro dei contendenti e con il vescovo Ricchiuti di Pax Christi che dice che è sbagliato fornire armi agli ucraini? Io una lotta vera contro una proposta di società che renderà infelicissimi perché sradicati i nostri figli, nella poltiglia somministrata del politicamente corretto, la pretendo anche dalla Chiesa Cattolica. Altro che additare Kirill: Francesco lo prenda sotto braccio e insieme conducano seri tentativi di arrivare alla pace.

Che fastidio che provo per tutti voi che gridate “pace, pace” senza dire come fare, anzi istigando la guerra perché vi piace tanto fare like dal divano alle immagini della “resistenza ucraina” specie se composta da donne col kalashnikov e vecchine che fabbricano le molotov con cui avvolgere nelle fiamme i tank russi. Insomma gridate pace ma volete la guerra e che i russi muoiano. Invece io voglio che non muoia più nessuno, che ci si incontri a Roma o Gerusalemme per riconoscere che Dombass è territorio russo, che l’Ucraina ha diritto a esistere come territorio indipendente ma neutrale rispetto a Nato e Unione Europea. Credo che su queste basi Putin accetterebbe la pace domani mattina e credo di non essere l’ unico a saperlo.

Che fastidio che provo per coloro che pensano di piegare la Russia con le sanzioni, senza capire che la storia del popolo russo è la storia di un popolo che sa resistere alle privazioni più intense, ai sacrifici più immani, alle ristrettezze più impensabili. Sono secoli che ne danno prova: né Napoleone, né Hitler, né le recentissime e meno recenti sanzioni sanzioni occidentali antiputiniane hanno mai piegato i russi. Che hanno risorse naturali infinite, su uno spazio territoriale immenso, con una banca nazionale che stampa moneta, con migliaia di testate nucleari che affiancano un esercito potentissimo per armamenti, con una società che fa figli ed è molto giovane, culturalmente dedita al combattimento. I russi non si abbattono, i russi vanno convinti facendosi aprire la strada dai loro stessi interessi e conducendoli sulla strada delle trattative. Lo racconta la storia. Che ci dice anche che quando i russi si fecero sovietici l’unica arma per disarticolare quella pericolosa involuzione fu l’arma spirituale brandita efficacemente da San Giovanni Paolo II, che consacrò la Russia al Sacro Cuore Immacolato di Maria nel 1984, come richiesto dalla Madonna di Fatima nel 1917. Sette anni dopo la bandiera rossa con la falce e martello veniva definitivamente ammainata al Cremlino.

Di questi miei fastidi e delle soluzioni possibili alla guerra parlerò stasera in tv, come è già accaduto sere fa e come accadrà in altre sere. Per provare a far prevalere un minimo di raziocinio sulla sciocca propaganda a senso unico che dalla tv piove nelle nostre case, anche a costo di apparire sempre quello che guida contromano.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/03/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

“Io ritornerò”: pubblicate le lettere di Eugenio Corti dalla Russia

Sulla scorta dei ricordi personali (l’autore ha avuto il privilegio di conoscere e frequentare familiarmente Corti), vengono presentate le “lettere dalla Russia 1942-1943”, a cura di Alessandro Rivali

Leggi tutto

Società

Hanno ucciso Charlie Gard

Il caso Charlie Gard è un punto di non ritorno, ma anche un punto di partenza se vogliamo rendere efficace la difesa di un diritto alla vita che altrimenti sarà sempre più circoscritto al campo opinabile dei “sani e produttivi”. Ma ci sarà occasione per parlare e scrivere di questo. Oggi non possiamo che pregare Dio di accogliere questo bambino innocente ucciso da mani che sapevano quel che facevano e che Maria gli canti materna la ninna nanna, facendolo dormire libero, ora che sicuramente libero è.

Leggi tutto

Società

Partito il processo a Cappato: perderà comunque il diritto

L’esponente radicale gioca una carta win-win: o dentro o fuori sarà lui il vincitore morale del gioco

Leggi tutto

Società

Partendo da un fumetto di Zerocalcare

Abbandonare l’inconsistenza. Ecco l’obiettivo che dovremmo porci, noi tutti, ogni giorno. E dopo averlo posto, sforzarci di vederlo proposto agli altri, in particolare ai giovani che altrimenti vivranno sempre in condizione sradicata, da canne esposte ad ogni vento.

Leggi tutto

Politica

Riflessioni a mente fredda

Ora la domanda è: perché? Perché passano i giorni e ancora sembra essere ossessiva l’attenzione nei nostri confronti, nei confronti del nostro risultato? Se fosse stato così trascurabile come qualcuno a caldo ha provato a dire, non saremmo finiti subito nel dimenticatoio con una prece e un fiore sulla tomba? Riflettendo a mente fredda possiamo provare a darci alcune spiegazioni.

Leggi tutto

Politica

L’Italia del Gattopardo

....io non avrei bocciato Savona, li avrei mandati a governare. Ma ci sono ragioni di altri che dicono che il presidente della Repubblica ha fatto bene. Altri ancora gridano all’alto tradimento e sono pronti a mettere in stato di accusa il Capo dello Stato “asservito ai poteri forti stranieri”. Lo hanno detto dai palchi della campagna elettorale per le amministrative Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista e sorprendentemente Giorgia Meloni. Matteo Salvini più intelligentemente si è tenuto alla larga da questa inutile benzina lanciata intempestivamente sul fuoco e utilizzerà l’arma del possibile voto favorevole della Lega a una procedura di impeachment per ottenere dal Quirinale una data certa per le elezioni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano