Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco incontra il primo ministro slovacco

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ogni giorno, ci sono 12 mila profughi che dall’Ucraina varcano la frontiera verso la Slovacchia, per un totale di 200 mila dall’inizio della guerra. E ogni giorno, centinaia di volontari slovacchi vanno a dare una mano al confine, per accoglierli. Gente comune, ma anche il vescovo ausiliare di Bratislava Jozef Hal’ko o il vescovo greco-cattolico di Kosice Cyril Vasil’. Si è parlato anche di questo nell’incontro del Primo Ministro slovacco Eduard Heger con Papa Francesco prima e con la Segreteria di Stato poi.

Il comunicato della Sala Stampa della Santa Sede si riferisce solo ai colloqui con il Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato vaticano, e con l’arcivescovo Paul Richard Gallagher, segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati. Nel comunicato si legge, in particolare, che “dopo aver ricordato il Viaggio Apostolico in Slovacchia del settembre scorso, è stata espressa soddisfazione per le buone relazioni bilaterali e per il ruolo della Chiesa nella società”, e che poi “nel prosieguo dei colloqui, ci si è soffermati approfonditamente sulla Guerra in Ucraina e sul suo impatto a livello regionale e internazionale, con particolare attenzione alla situazione umanitaria e all’accoglienza dei profughi di guerra”.

Di certo, il tema ha toccato anche l’incontro con il Papa. Si è trattato di un colloquio privato di trenta minuti. Papa Francesco, come di consueto, ha donato la Dichiarazione di Abu Dhabi, il messaggio per la Giornata Mondiale della Pace del 2022, altri documenti del Magistero e un bassorilievo della Madonna della Scala.

Da parte sua, il Primo Ministro Heger ha donato una campana raffigurante i Santi Cirillo e Metodio realizzata da un artista slovacco contemporaneo per il Papa.

La campana porta la scritta: “Dal cuore dell’Europa, della Repubblica Slovacca. Coraggiosi portatori del Messaggio”.

Parlando con i giornalisti dopo la visita in Vaticano, Heger ha detto che lui e il Papa hanno convenuto che “l’umanità deve intraprendere la strada della pace, della solidarietà reciproca, del rispetto e dell’aiuto disinteressato”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/03/2022
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Chiesa

PAPA FRANCESCO SANTA MESSA CONCLUSIVA DEL 52.mo CONGRESSO EUCARISTICO INTERNAZIONALE

Innanzi ad oltre centomila fedeli, Francesco celebra la Statio Orbis per concludere il 52.mo Congresso eucaristico internazionale di Budapest. Nell’omelia invita ad aprirsi “alla novità scandalosa” di Dio, “servo crocifisso” e non “messia potente”.

Leggi tutto

Chiesa

Il cardinale Bassetti: l’ascolto non è un gesto strategico

Il presidente della Cei introduce a Roma i lavori della 75.ma assemblea generale in corso fino al 25 novembre: serve un “surplus” di responsabilità da parte di tutti per uscire della pandemia.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: operiamo fianco a fianco nella carità

Nel discorso al Sinodo ortodosso nella cattedrale di Nicosia, accanto al “fratello” arcivescovo Chrysostomos, il papa ha chiesto ai cristiani delle due confessioni di non assecondare quella “inconciliabilità delle differenze” che nel Vangelo non c’è e di andare pur nelle diversità “lì dove la Chiesa è madre”

Leggi tutto

Chiesa

Canonizzata la religiosa Maria Rivier

La fondatrice della Congregazione delle Suore della Presentazione di Maria diventerà santa: nell’udienza concessa al cardinale Semeraro, il Papa ha autorizzato la promulgazione del relativo decreto

Leggi tutto

Chiesa

Ecuador, i vescovi criticano il disegno di legge sull’aborto

L’interruzione di gravidanza non è un diritto ma un crimine. Così la presidenza della Conferenza episcopale ecuadoriana che invita la Commissione Giustizia dell’Assemblea Nazionale a rivedere il disegno di legge che consente l’aborto in caso di stupro, o a minori o donne con disabilità, perché si tuteli la vita e venga garantita l’obiezione di coscienza dei medici

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano