Storie

di Raffaele Dicembrino

Italia – Armi negli aerei al posto degli aiuti umanitari

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le armi verso l’Ucraina partono anche dall’aeroporto Galileo Galilei di Pisa mascherate da “aiuti umanitari”! A riportare l’episodio è il Sindacato Usb di Livorno.

“Alcuni lavoratori dell’aeroporto civile Galileo Galilei di Pisa – scrivono – ci hanno informato di un fatto gravissimo: dal Cargo Village sito presso l’Aeroporto civile partono voli “umanitari”, che dovrebbero essere riempiti di vettovaglie, viveri, medicinali e quant’altro utile per le popolazioni ucraine tormentate da settimane da bombardamenti e combattimenti. Ma non è così!”

Secondo la testimonianza dei lavoratori addetti al carico, al momento di presentarsi sotto l’ aereo, hanno trovato casse piene di armi di vario tipo, munizioni ed esplosivi.

“Un’amara e terribile sorpresa, che conferma il clima di guerra nel quale ci sta trascinando il governo Draghi. Di fronte a questo fatto gravissimo i lavoratori si sono rifiutati di caricare il cargo”.

Si tratta di aerei che atterrano prima in basi USA/NATO in Polonia, poi vengono inviati in Ucraina.

“Denunciamo con forza questa vera e propria falsificazione, che usa cinicamente la copertura “umanitaria” per continuare ad alimentare la guerra in Ucraina”.
Ha sollecitato i lavoratori di “rifiutarsi di caricare armi ed esplosivi che vanno ad alimentare una spirale di guerra che potremo fermare solo con un immediato cessate il fuoco e il rilancio di dialoghi di pace”.

Il sindacato ha chiesto alle strutture di controllo del traffico aereo dell’aeroporto civile di bloccare immediatamente questi voli di morte mascherati da aiuti “umanitari”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/03/2022
2909/2022
Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

UCRAINA - “Abbiamo bisogno soprattutto di pace oltre che di cibo”

“Qui la vita scorre senza panico, le fabbriche lavorano, il bombardamento dell’aeroporto non ha causato vittime, hanno colpito un vecchio magazzino in disuso, e nessuno sa il perché. Ormai ci siamo abituati a correre sottoterra nei rifugi”. Sono questi alcuni degli aggiornamenti riportati da padre Mikola Orach, OFM conv., a Leopoli.

Leggi tutto

Storie

Ucraina - Kiev, saccheggiato il seminario

Bombardato due volte dall’inizio della guerra, il seminario cattolico di Vorzel è stato oggetto di una razzia. Portato via di tutto: dalle pentole al calice con cui Giovanni Paolo II celebrò la Messa nel 2001 in Ucraina. Padre Ruslan Mykhalkiv: “Penso che siamo stati derubati anche da gente che vive in zona. Hanno fame ed è tutto chiuso, qui c’era cibo e si sono sfamati. Questo è giusto, il resto no”

Leggi tutto

Storie

Famiglia britannica accoglie rifugiata ucraina: il padre scappa con lei

Famiglia britannica accoglie rifugiata ucraina: il padre scappa con lei 10 giorni dopo mollando moglie e figli

Leggi tutto

Politica

Draghi al Quirinale, il M5s non vota la fiducia sul Dl Aiuti

Il presidente del Consiglio Mario Draghi è salito al Colle dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella dopo il mancato voto del M5s sulla fiducia

Leggi tutto

Politica

Famiglia vuol dire lavoro

Con la paghetta di papà e una mancetta dalla pensione di nonna, il giovane italiano si forma in un contesto deresponsabilizzante in cui la politica sta dando il colpo di grazia: puoi fare il premier a caso raccolto per strada in una riffa, il vicepremier senza uno straccio di laurea che ti chiedono ormai pure per fare l’impiegato di quinto livello, spiegare agli studenti come affrontare l’esame di maturità senza aver mai fatto manco l’esame di maturità. In campagna elettorale ti prometto ottocento euro al mese per il tuo non fare niente e io gioco è fatto, l’area territoriale del Paese dove c’è il 47% di disoccupazione giovanile ti darà il 47% dei voti.

Leggi tutto

Società

Rapporto 2021 Caritas - In Italia meno stranieri e meno vaccinati

Presentato a Roma il 30.mo Rapporto Immigrazione di Caritas italiana e Fondazione Migrantes, dal titolo “Verso un noi sempre più grande”. Gli stranieri regolari nella Penisola sono oggi poco più di 5 milioni, quasi 300mila in meno rispetto ad un anno fa.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano