Media

di Raffaele Dicembrino

Alla Gregoriana nuovo volume dell’Opera Omnia di papa Ratzinger

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ha assunto un carattere itinerante la presentazione dell’ultimo volume dell’opera omnia di Joseph Ratzinger, dal titolo “La Chiesa: segno tra i popoli” edito dalla Libreria Editrice Vaticana (LEV). Oggi a Roma l’ottavo capitolo della collana - il primo di due libri che lo compongono, appena pubblicato in italiano - è al centro di una sessione di studio presso la Pontificia Università Gregoriana organizzata assieme alla Fondazione Ratzinger. “Un momento ampio dedicato interamente allo studio di un grande teologo del Novecento come Benedetto XVI”, dice il responsabile della LEV Lorenzo Fazzini ricordando che il testo raccoglie gli scritti sul tema della Chiesa, e più in generale dell’ecumenismo, lungo un arco di cinquant’anni.

“L’ecclesiologia – aggiunge – rappresenta una questione di base nella teologia, perché naturalmente affronta il mistero della Chiesa e il mistero della vita di Cristo nella storia”. Un pezzo di storia importante che giustifica la scelta di un appuntamento di riflessione ad hoc in un contesto accademico, dopo la presentazione ufficiale avvenuta nelle settimane scorse in Vaticano. Fazzini sottolinea che “è un testo poderoso, di circa 900 pagine, sul rinnovamento della teologia e dell’ecclesiologia del Concilio Vaticano II che ha messo ancora più a fuoco la centralità del paradigma della Chiesa come popolo Dio”.

Sono tanti gli spunti per chiunque abbia interesse di accostarsi all’opera, che precede quella prodotta durante il magistero di Benedetto XVI. “Fino ad ora è stata positiva l’accoglienza da parte della stampa”, osserva ancora Fazzini aggiungendo che all’interno di questo volume ci sono due scritti proposti per la prima volta in italiano. Il primo è testo, risalente al 1969, verte sulla figura di san Francesco d’Assisi “visto come l’emblema di colui che vive un carisma personale al servizio della Comunità, al punto tale da spossessarsi di sé”. Il secondo, invece, è un’omelia pronunciata nel 1977 durante una celebrazione per Paolo VI che in quel momento veniva pubblicamente criticato anche all’interno del perimetro ecclesiale. “Ratzinger in quella occasione affermò alcune verità umane, come ad esempio il fatto che Gesù Cristo non ha promesso alla Chiesa che i suoi successori sarebbero stati perfetti, ma semplicemente degli uomini che avrebbero rappresentato e costituito il principio dell’unità della Chiesa”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/03/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ecco chi c’era al “sinodo-ombra” di maggio

Esce un libro in cui i “docenti di teologia” del conciliabolo in Gregoriana vengono allo scoperto, con nomi (sconosciuti),
numeri (risibili) e tesi (le solite). E le minacciose ombre proiettate sul cinematografo di Repubblica svaniscono d’incanto

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il populismo

Non mi sento un uomo eccezionale sono un peccatore, un uomo che fa quello che può, “comune”. Sento che “non mi fanno giustizia con le aspettative”, “esagerano. “Non si dimentichi - precisa - che l’idealizzazione di una persona è una forma sottile di aggressione” e “quando mi idealizzano mi sento aggredito”.
Dal momento che sono stato eletto Papa non ho perso la pace. Capisco che a qualcuno non piaccia il mio modo di agire, ma lo giustifico, ci sono tanti modi di pensare, è legittimo ed è anche umano, è una ricchezza.

Leggi tutto

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Chiesa

Un sito ed una scuola alla sequela di San Benedetto

Lo scopo dell’insegnamento di San Benedetto è di dar vita ad una comunità che incarni il Vangelo nella azioni di tutti i giorni: «Venite, figli, ascoltatemi; vi insegnerò il timore del Signore» [Sal 33,12] (Regola, Prologo). La sua, perciò, non è una teologia teorica, bensì una sapienza rivolta a governare santamente la vita umana. E poiché gli uomini vivono sempre insieme, San Benedetto, al seguito degli apostoli, intende plasmare secondo una forma divina la vita quotidiana di una comunità.

Leggi tutto

Società

Giuseppe Noia ginecologo contro l’aborto

Giuseppe Noia nasce a Terranova da Sibari il 14 Gennaio 1951.
Nel 1975 si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Nel 1980 consegue la specializzazione in Ginecologia e Ostetricia e nel 1988 quella in Urologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
E’ docente di Medicina dell’Età Prenatale presso la facoltà di Medicina e Chirurgia, Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia, Scuola di Specializzazione in Genetica e diploma di laurea di Ostetricia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. E’ docente dei corsi di Perfezionamento e dei Master in Bioetica presso il Pontificio Consiglio per gli studi sulla famiglia Istituto Giovanni Paolo II.
E’ Presidente dell’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (AIGOC).

Leggi tutto

Chiesa

Santa Giacinta veggente di Fatima

La breve vita di Giacinta trascorse legata da un’identica serenità spirituale grazie al clima di profonda Fede che si respirava in casa. Il suo temperamento era però forte e volitivo e aveva una predisposizione per il ballo e la poesia. Era il numero uno dell’entusiasmo e della spensieratezza. Saranno gli accadimenti del 1917 a mutare i suoi interessi e più non ballerà, assumendo un aspetto serio, modesto, amabile. Il profilo che Lucia tratteggia della cuginetta è straordinario: è il ritratto dei puri di cuore, i cui occhi parlano di Dio.
Giacinta era insaziabile nella pratica del sacrificio e delle mortificazioni. Le penitenze più aspre per Lucia erano invece dettate dalle ostilità familiari e in particolare di sua madre, che la considerava una bugiarda e un’impostora. Lucia, essendo la più grande, fu la veggente più vessata e più interrogata (fino allo sfinimento) sia dalle autorità religiose che civili. A coronare questo clima intriso di tensioni e diffide c’era pure la situazione economica precaria dei dos Santos, provocata anche dal fatto che nel luogo delle apparizioni mariane, di proprietà della famiglia, non era più possibile coltivare nulla: la gente andava con asini e cavalli, calpestando tutto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano