{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Ucraina: la guerra e le madri surrogate

Politica

di Giuseppe Udinov

Ucraina: la guerra e le madri surrogate

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Victoria non lo farà mai più. Lunedì mattina aveva avvolto al caldo il piccolino di sette giorni partorito tra le sirene che suonavano fuori dall’ospedale ed era stata caricata su un furgone: l’autista aveva quindi iniziato a guidare all’impazzata per schivare spari e superare posti di blocco, direzione un bunker della Biotexcom, una manciata di chilometri fuori Irpin. È lì che il colosso della maternità surrogata con sede a Kiev trasferisce i bambini nati su commissione ed è lì che Victoria doveva “consegnare” il suo bambino.

Là sotto Victoria aveva iniziato a piangere all’idea di lasciare il bambino solo, «quando riusciranno a portarlo via i suoi genitori?», si era chiesta in lacrime davanti al giornalista della Cnn, «dicono che stanno per arrivare, ma quando e quanto tempo ci vorrà nessuno può dirlo». Pensava sarebbe stato facile fare la surrogata, portare in grembo l’embrione di una coppia straniera: aveva affrontato tutto per sua figlia, partorita a soli 17 anni. Ma ora, lontana da lei (era riuscita a farla scappare in Bulgaria all’inizio dell’invasione), dopo aver passato gran parte della gravidanza a letto a causa di complicazioni, ora che era giunto il momento di dover abbandonare questo piccolo bambino e affrontare «il trauma di rinunciare a lui», Victoria aveva deciso che non avrebbe mai più fatto una cosa del genere.

Le telecamere della Cnn mostrano cullettine di plastica e copertine che avvolgono 21 neonati, un pediatra che ricorda quanto sono pagate le surrogate come Victoria (tra le 17.500 e 25 mila sterline) e sei tate che cercano di placare il loro pianto, allattarli, addormentarli cullandoli, «le bombe cadono sempre più vicino. I bambini sentono la paura e l’angoscia nella stanza», spiega Antonina. «Vorrei andarmene, perché anche io ho una famiglia. Ma non abbiamo nessuno a cui lasciare questi bambini»

Un dramma nel dramma perchè la guerra è un dramma ma la compravendita dei bimbi è una drammatica vergogna!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/03/2022
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Mobilitazione contro l’utero in affitto

“Il solco della propaganda dei festival condotti da Carlo Conti è tracciato – spiega il comunicato -. Nel 2015, ospite della seconda serata è stato Conchita Wurst, all’anagrafe Thomas Neuwirth, uomo vestito da donna che si definisce trans e che solo per questo – senza alcun merito artistico – è stato chiamato. Sempre lo stesso anno, Conti ha dato spazio a due uomini che, in diretta sul primo canale del servizio pubblico, hanno raccontato “il loro amore”, e al duo comico Luca e Paolo che hanno “celebrato” un matrimonio al grido di “Essere gay è ok”.

Leggi tutto

Politica

Siria: riapre l’ambasciata ungherese

In Siria si cerca la fine della guerra da anni. Troppi gli interessi di’potenti’ in un Paese martoriato da una guerra che si trascina inesorabilmente. Giunge, in queste ore, la notizia di un passo importante proveniente dall’Europa: Orban fa riaprire l’ambasciata Ungherese!

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: accompagniamo il popolo ucraino che soffre

All’udienza generale, nel giorno in cui comincia il cammino quaresimale, si eleva la supplica per l’Ucraina: chiediamo intensamente al Signore il dono della pace.

Leggi tutto

Storie

La lettera di suor Rosalina a Mario Draghi

La ferma lettera di Suor Rosalina a Mario Draghi contro l’invio di armi in Ucraina

Leggi tutto

Politica

USA e lotta per la vita

Secondo i dati diffusi dal Guttmacher Institute, nel 2022 sono state introdotte 536 misure legislative pro-vita in 42 stati

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il mondo senza armi nucleari

Papa Francesco ha inviato un messaggio alla riunione degli 86 Paesi che hanno sottoscritto il Trattato Onu per la messa al bando di tutti gli ordigni atomici. “Anche nel contesto attuale dobbiamo rimanere consapevoli dei pericoli di approcci miopi alla sicurezza nazionale e internazionale. Immorale il possesso di queste armi. L’equilibrio del terrore avvelena i rapporti tra i popoli.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano