Società

di Roberto Signori

Guatemala: annullata la nuova legge che proibiva l’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Con un’improvvisa giravolta, il Parlamento del Guatemala ha deciso l’annullamento e l’archiviazione di una legge, approvata appena una settimana fa durante la Giornata internazionale della donna, che proibiva completamente l’aborto e i matrimoni omosessuali.

Denominato ‘Legge per la tutela della vita e della famiglia’, il provvedimento era stato approvato con 101 voti favorevoli e otto contrari. La decisione aveva ricevuto numerose critiche, e spinto movimenti sociali e femministi a inscenare molteplici proteste, al punto che il presidente della repubblica, Alejandro Giammattei, aveva avvertito che avrebbe posto un veto perché secondo lui questa legge violava la Costituzione e numerose convenzioni firmate dal Paese a livello internazionale.

Come riportato dal quotidiano Prensa Libre, di fronte a questa situazione la presidente del Parlamento, Shirley Rivera, ha presentato alla Giunta dei capigruppo delle forze politiche una iniziativa legislativa governativa che proponeva l’annullamento e l’archiviazione della legge. Fra le proteste dell’opposizione il nuovo provvedimento è stato sottoposto al voto ed approvato con 119 voti favorevoli.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/03/2022
0112/2022
Sant'Ansano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Libero Stato in libera Chiesa

Pare che il tema sia questo: i giorni che ci separano dal 30 e dalla manifestazione di uno smisurato orgoglio popolare, forte e tenero come mamma e papà per i loro bambini, saranno minati da una capillare campagna di delegittimazione (di chi di quel popolo si è ritrovato ad essere voce e parola) e da un parallelo tentativo di addomesticare il cuore indomito di quella piazza. Soltanto tra una settimana si potrà sapere chi avrà vinto, o se avranno perso tutti.

Leggi tutto

Politica

Eppure Péguy aveva seppellito per sempre il moderatismo….

Il “moderatista” avversa quella grandezza d’animo che è il solo distintivo della vera nobiltà.

Leggi tutto

Società

Obiettivo 100 per cento medici obiettori

Silvio Viale si è vantato, “da medico”, di uccidere bambini. Un approccio contraddittorio consente la soppressione della vita umana nel grembo materno in nome di altri diritti. L’Italia in questo senso è un
avamposto: la stessa legge 194, all’articolo 9, riconosce il diritto all’obiezione di coscienza per il medico che non voglia praticare aborti. Già oggi per la maggioranza sono fedeli al giuramento di Ippocrate.

Leggi tutto

Politica

Ursula, non sei il mio presidente

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: aborto e eutanasia e l’abitudine a uccidere

Il Papa: l’aborto è omicidio, la Chiesa sia vicina e compassionevole non politica A questo grido, il Papa aggiunge quello delle tante “vittime della cultura dello scarto”: “C’è lo scarto dei bambini che non vogliamo ricevere, con quella legge dell’aborto che li manda al mittente e li uccide direttamente. E oggi questo è diventato un modo ‘normale’, una abitudine che è bruttissima, è proprio un omicidio”,

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano