Politica

di la redazione

PdF Marche: un Reddito di Maternità di 300 euro al mese

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La nota del PDF Marche riguardante la richiesta di sostegno per famiglia e genitorialità presentata in Regione Marche.

“Si è riunita il 16 marzo 2022 la IV commissione permanente (sanità e politiche sociali) della Regione Marche per le audizioni riguardanti le proposte di legge n. 20/21 e n. 67/21 per il sostegno alla famiglia e alla genitorialità. Non abbiamo avuto accesso all’udienza come partito, per cui ringraziamo l’associazione Pro Vita e Famiglia per aver raccolto e fatti suoi alcuni nostri spunti, anche in virtù della presenza di Clara Ferranti, nostra dirigente maceratese, e attivista di Pro Vita e Famiglia”.

Sono le dichiarazioni di Fabio Sebastianelli, coordinatore regionale, per le Marche, del Popolo della Famiglia: “Il testo unico con le due proposte prevede, in modo generico, il sostegno alla natalità e la nostra proposta, inserita tra le osservazioni dell’associazione, concretizza questo proposito: un Reddito di Maternità regionale di 300 euro al mese, assegnato, dalla nascita, per i primi 3 anni del bambino rinnovabile, nel tempo, ad ogni nuovo figlio nato. Il reddito, compatibile col bilancio regionale, verrà erogato dalla Regione Marche come indennità e non sarà tassabile e, sommandosi a quanto già erogato dallo Stato con l’assegno unico, contribuirà a dare maggior respiro al bilancio familiare. In totale alla famiglia entreranno 10.800 euro nei primi tre anni del bambino. Naturalmente questa cifra non è paragonabile ai 96000 euro in 8 anni previsti dalla proposta di legge di iniziativa popolare che abbiamo presentato in Parlamento nel 2018; sarebbe però un inizio basato sulle possibilità della Regione Marche.

Come già accennato il progetto in esame tiene conto delle coperture finanziarie che possono essere ragionevolmente trovate all’interno di un bilancio regionale che prevede per il prossimo triennio spese complessive per quasi 14 miliardi di euro; in particolare le necessità connesse alla nostra proposta rappresenterebbero lo 0,6% delle spese previste dalla Regione per l’anno 2022 e appena lo 0,44% di quanto speso nel 2021. A questo proposito appare rilevante come il bilancio previsionale 2022 preveda investimenti complessivi verso le famiglie per soli 33 milioni di euro, un decimo di quanto viene speso per il funzionamento della macchina amministrativa.

Sottolineo che stiamo parlando di investimenti e non di spesa, perché ogni euro destinato alle famiglie rappresenta davvero, oggi, il miglior investimento possibile. Non siamo solo noi a dirlo, ma tutta la letteratura economico-scientifica ci sostiene nell’affermare che nessun altro settore presenta un valore moltiplicativo come gli investimenti a favore delle famiglie e dei bambini, anche in termini di PIL e di maggiore sostenibilità a lungo termine del bilancio amministrativo. In estrema sintesi, richiediamo che, da un punto di vista economico, nel bilancio sia raddoppiata la voce destinata alle famiglie, passando da 35 a 70 milioni di euro circa, ovvero dallo 0,6% all’1,2% del totale; alla luce di quanto previsto dal Documento di Economia e Finanza Regionale 2022-2024 (DEFR), l’investimento nel triennio assumerebbe comunque carattere di sostenibilità. Confidiamo che questa nostra proposta possa diventare legge. In tal senso continua il nostro impegno”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/03/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Libero Stato in libera Chiesa

Pare che il tema sia questo: i giorni che ci separano dal 30 e dalla manifestazione di uno smisurato orgoglio popolare, forte e tenero come mamma e papà per i loro bambini, saranno minati da una capillare campagna di delegittimazione (di chi di quel popolo si è ritrovato ad essere voce e parola) e da un parallelo tentativo di addomesticare il cuore indomito di quella piazza. Soltanto tra una settimana si potrà sapere chi avrà vinto, o se avranno perso tutti.

Leggi tutto

Società

La Cassazione contro il matrimonio

Non ci sarà più obbligo di mantenere la controparte del contratto nuziale, una volta che sia stata verificata l’abilità di quest’ultima a lavorare. Incredibile silenzio delle femministe, a fronte di una legge che abolisce alcune tutele per le donne impegnate nella cura della casa e dell’educazione primaria. L’effetto sarà l’aumento del numero dei divorzî, dell’impegno sano e generoso dei carismi.

Leggi tutto

Società

Partendo da un fumetto di Zerocalcare

Abbandonare l’inconsistenza. Ecco l’obiettivo che dovremmo porci, noi tutti, ogni giorno. E dopo averlo posto, sforzarci di vederlo proposto agli altri, in particolare ai giovani che altrimenti vivranno sempre in condizione sradicata, da canne esposte ad ogni vento.

Leggi tutto

Politica

CODICE DI CAMALDOLI: STATO E FAMIGLIA

La Costituzione repubblicana deve moltissimo al Codice di Camaldoli e la sua riscoperta serve a tornare alle radici e alle ragioni di un tempo in cui un soggetto politico autonomo di ispirazione cristiana riusciva a essere sostanzialmente egemone, perché partiva da uno studio analitico delle esigenze del Paese, fornendo risposte chiarissime anche quando queste risposte dovevano essere necessariamente complesse.

Leggi tutto

Politica

Alcuni passaggi importanti

#PdF verso una svolta di qualità Per la storia del Popolo della Famiglia si apre una nuova fase, che non è più fatta solo di aspri contrasti col fuoco amico o con le lobby ideologizzate, ma di conquista concreta di un nuovo mercato elettorale. Non più solo reattività indotta dagli avversari, ma proattività dei temi del Popolarismo nella costruzione di una realtà italiana ed europea fondata sulle radici cristiane della nostra cultura.

Leggi tutto

Società

Il collasso del ruolo genitoriale

Affinché questa tragedia non sia vana ne vanno indicate le cause. Esse sono il consumo di sostanze alteranti da parte del guidatore, ma più ancora la follia di chi ha dato in mano a un ventenne plurisegnalato per droga con patente ritirata e restituita il 3 dicembre un Suv da 40mila euro in una notte come quella: praticamente un’arma carica. Il collasso del ruolo genitoriale, specie nelle zone opulente delle nostre città, è la causa vera di questa immane tragedia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano