Storie

di Roberto Signori

UCRAINA - “Abbiamo bisogno soprattutto di pace oltre che di cibo”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Qui la vita scorre senza panico, le fabbriche lavorano, il bombardamento dell’aeroporto non ha causato vittime, hanno colpito un vecchio magazzino in disuso, e nessuno sa il perché. Ormai ci siamo abituati a correre sottoterra nei rifugi”. Sono questi alcuni degli aggiornamenti riportati da padre Mikola Orach, OFM conv., a Leopoli.

“Da noi passano i profughi che poi vanno in stazione, in genere rimangono una o due notti – prosegue il sacerdote che è parroco della chiesa di Sant’Antonio da Padova nella città ucraina -. Abbiamo una realtà di accoglienza per i profughi che rimangono in città, tra queste un convento francescano fuori Leopoli dove, in una grande casa, ospitiamo 80 profughi, di cui la metà sono bambini. Lì abbiamo organizzato una scuola online e i nostri frati, a quelli che lo vogliono, danno anche sostegno spirituale e fanno catechesi. Stiamo ricevendo tanto aiuto da Romania, Polonia e Ungheria. Ci portano vestiti, coperte, cibo. Con gli aiuti che riceviamo aiutiamo anche altre zone di guerra.”
Nella sua testimonianza padre Mikola tuttavia ha esaltato a gran voce il valore della pace: “noi però qui non abbiamo solo bisogno di cibo, ma abbiamo bisogno di pace! In città, qui a Leopoli, non sentiamo tanto la fame, ci manca la pace, la nostra vita è tanto cambiata e non abbiamo più la tranquillità. Tante persone non riescono più a dormire per gli allarmi aerei. Non c’è mai un momenti di serenità. La guerra non è romantica…”
Padre Mikola è un osservatore privilegiato del conflitto. Vive a Leopoli, città di snodo per profughi che scappano e per arrivo di volontari e armi. Nella sua testimonianza offerta a Fides il frate vuole promuovere il valore della pace e l’assoluta mancanza di romanticismo della guerra, in linea con Papa Francesco e come risposta a chi parla di guerra metafisica.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/03/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Summorum pontificum: dieci anni dopo

È stato uno dei provvedimenti più discussi e avversati del pontificato ratzingeriano: dal punto di vista canonico, dal punto di vista teologico e liturgico, diverse obiezioni si erano levate vibranti. Poi è seguita l’applicazione, e ora il tempo per una prima ricognizione sembra maturo: il cardinal Sarah ha impreziosito un dossier per comprendere questa “opportuna restaurazione”

Leggi tutto

Chiesa

Ecco-i-nuovi-otto candidati agli altari

Tre decreti su altrettanti miracoli, due sul martirio, tre sulle virtù eroiche, per otto candidati agli altari. È quanto emerge dal Bollettino della Sala Stampa vaticana,

Leggi tutto

Società

Manco al cinema posso andare

29 milioni di italiani continuano a vivere regolarmente sposati, allevano 15 milioni di figli minorenni o maggiorenni non autosufficienti, si fanno carico di 3,8 milioni di disabili, degli anziani che non possono più vivere da soli. Questa è l’Italia, nella sua stragrande ottimizzato. Raccontarla, mai?

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ai giudici argentini: non c’è democrazia con la fame

In un videomessaggio, inviato a magistrati del Capitolo argentino , il Pontefice ricorda che la ricchezza nel mondo è sempre di più a vantaggio di pochi

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e Biden, 75 minuti di colloquio

Lungo dialogo a porte chiuse nella Biblioteca Apostolica: ribadito il comune impegno per la lotta alla pandemia e alla salvaguardia del pianeta, con una speciale attenzione all’attualità internazionale alla luce del G20

Leggi tutto

Chiesa

Eventi per la giornata pro orantibus

Tradizionalmente celebrata nella memoria liturgica della Presentazione della Beata Vergine Maria, quest’anno la Giornata pro orantibus, che ricorda la presenza della vita contemplativa nella Chiesa, prevede due momenti sabato e domenica prossimi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano