Politica

di Raffaele Dicembrino

Terence Hill e l’addio a Don Matteo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo ben 13 stagioni infatti l’attore ha detto addio al personaggio che gli ha regalato enorme successo e popolarità.

“Ci pensavo già da un po’ a lasciare la serie. In realtà non volevo smettere di fare Don Matteo ma avrei solo voluto farlo in maniera diversa perché i tempi del set erano molto impegnativi”, ha dichiarato.

Al suo posto subentrerà in maniera graduale il personaggio interpretato da Raoul Bova, un giovane prete francescano.

“Avevo proposto di fare quattro film all’anno, sul modello de Il commissario Montalbano. Purtroppo la mia idea non è stata accettata dalla Rai”, ha confidato.

La proposta sarebbe stata bocciata dalla produzione a causa dei costi.

“Per ottimizzare i costi ha bisogno della serie lunga”, ha precisato.

L’82enne ha poi raccontato che la cosa più difficile è stata dover salutare per sempre la troupe che in tutti questi anni ha lavorato insieme a lui.

“Mi sono affezionato alla troupe: col tempo quelle persone che si sono sempre prese cura di me, sono diventate come una famiglia. Abbiamo vissuto anni di grande amicizia: il dolore più grande è stato lasciare loro”,

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/03/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Un caso per riflettere sulla dignità

Neanche una domanda puntuta all’aspirante paladina dei diritti femminili fuori tempo massimo. Il caso Bianca Berlinguer, Asia Argento

Leggi tutto

Società

Sanremo val bene un Referendum

Giuseppe Bruno è chiaro: “Accolgo e rilancio chiedendo l’appoggio di tutti quelli che riescono a far da Megafono l’appello del Vescovo di Sanremo e propongo di lottare per non pagare più il canone ad un servizio pubblico che non rappresenta più il pubblico italiano, ma un’elite che si è costruito un pubblico su misura costringendolo pia piano, gioco forza, ad apprezzare la progressiva stupidità propostagli”.

Leggi tutto

Storie

Prete rapito in Nigeria: chiesto un riscatto?

L’ultimo rapimento di un prete in Africa a scopo di estorsione risale a qualche giorno fa. E’ l’ennesimo preoccupante sequestro da parte di bande criminali o di gruppi spesso collegati al radicalismo islamico che sta penetrando velocemente in molte regioni africane

Leggi tutto

Politica

Il mero fare di governo e sedicente opposizione: una stessa banalità

La cultura della ragione astratta, del conseguente mero fare, spogliato di vissuta ricerca umana integrale, è ormai giunta al capolinea. Si manifesta concretamente che su tali vie restano solo il potere, il denaro, l’apparenza: il mero fare appunto.

Leggi tutto

Politica

FARSI NEUTRALI PER ARRIVARE ALLA PACE

In tv, in radio, nel dibattito pubblico ho provato a portare un po’ di ragionevolezza ripetendo che questa guerra ha un’origine nelle malefatte naziste compiute prevalentemente dagli ucraini nel Donbass, colpevoli quanto il Putin invasore del 2022. Non ci sono i buoni e i cattivi. Ci sono due autocrati che lottano per l’affermazione del proprio potere

Leggi tutto

Storie

Il Papa ricorda il sacerdote arso vivo in Nigeria

Corpi arsi vivi, spari alla gente, bombe in Chiesa, persecuzioni contro innocenti. La brutalità della violenza assume forme diverse in luoghi differenti dell’Africa, ma il dolore è uno solo. Francesco gli dà voce al termine dell’udienza generale, dicendosi vicino alle vittime degli attacchi, spesso di matrice persecutoria, che feriscono da mesi o da giorni - se non da anni - il volto della Nigeria e della Repubblica Democratica del Congo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano