Politica

di Raffaele Dicembrino

Terence Hill e l’addio a Don Matteo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo ben 13 stagioni infatti l’attore ha detto addio al personaggio che gli ha regalato enorme successo e popolarità.

“Ci pensavo già da un po’ a lasciare la serie. In realtà non volevo smettere di fare Don Matteo ma avrei solo voluto farlo in maniera diversa perché i tempi del set erano molto impegnativi”, ha dichiarato.

Al suo posto subentrerà in maniera graduale il personaggio interpretato da Raoul Bova, un giovane prete francescano.

“Avevo proposto di fare quattro film all’anno, sul modello de Il commissario Montalbano. Purtroppo la mia idea non è stata accettata dalla Rai”, ha confidato.

La proposta sarebbe stata bocciata dalla produzione a causa dei costi.

“Per ottimizzare i costi ha bisogno della serie lunga”, ha precisato.

L’82enne ha poi raccontato che la cosa più difficile è stata dover salutare per sempre la troupe che in tutti questi anni ha lavorato insieme a lui.

“Mi sono affezionato alla troupe: col tempo quelle persone che si sono sempre prese cura di me, sono diventate come una famiglia. Abbiamo vissuto anni di grande amicizia: il dolore più grande è stato lasciare loro”,

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/03/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Un caso per riflettere sulla dignità

Neanche una domanda puntuta all’aspirante paladina dei diritti femminili fuori tempo massimo. Il caso Bianca Berlinguer, Asia Argento

Leggi tutto

Società

Sanremo val bene un Referendum

Giuseppe Bruno è chiaro: “Accolgo e rilancio chiedendo l’appoggio di tutti quelli che riescono a far da Megafono l’appello del Vescovo di Sanremo e propongo di lottare per non pagare più il canone ad un servizio pubblico che non rappresenta più il pubblico italiano, ma un’elite che si è costruito un pubblico su misura costringendolo pia piano, gioco forza, ad apprezzare la progressiva stupidità propostagli”.

Leggi tutto

Storie

Prete rapito in Nigeria: chiesto un riscatto?

L’ultimo rapimento di un prete in Africa a scopo di estorsione risale a qualche giorno fa. E’ l’ennesimo preoccupante sequestro da parte di bande criminali o di gruppi spesso collegati al radicalismo islamico che sta penetrando velocemente in molte regioni africane

Leggi tutto

Chiesa

RELIGIOUS ITINERARIES - CHIESA DI SAN BONIFACIO A POMEZIA

Monaco di nome Vinfrido, giunto a Roma dall’Inghilterra fu ordinato vescovo dal papa san Gregorio II e, preso il nome di Bonifacio, fu mandato in Germania ad annunciare la fede di Cristo a quelle genti, guadagnando moltitudini alla religione cristiana; resse la sede di Magonza e da ultimo a Dokkum tra i Frisoni, nell’odierna Olanda, trafitto con la spada dalla furia dei pagani, portò a compimento il martirio.

Leggi tutto

Media

Il premio padre Jaques Hamel diventa internazionale

Cercate la pace ad ogni costo. Così Roselyne Hamel, sorella del prete martire in occasione della presentazione della prima edizione internazionale del premio giornalistico intitolato a padre Jaques Hamel.

Leggi tutto

Politica

Il mero fare di governo e sedicente opposizione: una stessa banalità

La cultura della ragione astratta, del conseguente mero fare, spogliato di vissuta ricerca umana integrale, è ormai giunta al capolinea. Si manifesta concretamente che su tali vie restano solo il potere, il denaro, l’apparenza: il mero fare appunto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano