Storie

di la redazione

MAMMA ANNA E RICCARDO, DUE VITE TENUTE LONTANE DAL GREEN PASS

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Questa è la storia di mamma Anna e Riccardo (nomi di fantasia), separati ingiustamente da una misura governativa chiamata “green pass”. Ci troviamo nella provincia di Cagliari.

Anna, parlaci di tuo figlio Riccardo

“A causa di un trauma subìto alla nascita, a Riccardo viene diagnosticata una tetra paresi spastica. Il bambino, purtroppo, è stato per anni soggetto a crisi convulsive. Da piccolo, venne ricoverato all’ospedale Gaslini di Genova e, successivamente, in un centro specializzato di Marsiglia. Le crisi terminarono, credo miracolosamente, dopo che accompagnai Riccardo a Is Molas, nel Santuario Nostra Signora della Consolazione”.

Riccardo ora è diventato un ragazzo. Quanti anni ha?

“Ora ha 43 anni e vive in una struttura specializzata in provincia di Cagliari. Sino a 35 Riccardo ha vissuto sempre con noi in famiglia, anche se la patologia della quale è affetto lo portava ad essere violento, soprattutto nei miei confronti e, finchè mi è stato possibile, lo ho amorevolmente accudito in casa”.

Ora Riccardo si trova in una struttura privata, giusto?

“Esatto. Per anni ho potuto visitare mio figlio, stargli vicino e fargli sentire la mia presenza. Quando è iniziata la pandemia, ho deciso di non vaccinarmi, per motivi di salute, ma potevo vedere Riccardo solo grazie ai tamponi che eseguivo regolarmente e che garantivano un’elevata sicurezza. Sino a quando il governo italiano non ha deciso, purtroppo, di introdurre il super green pass che non mi ha più consentito di accedere alla struttura. L’unico modo che ho ora di vedere e comunicare con Riccardo, è la videochiamata”.

Come ti senti Anna? Posso chiederti qual’ è oggi il tuo stato d’animo?

“Il fatto di non poter stare vicina a mio figlio e poterlo abbracciare, mi fa stare male. Gli antidepressivi che assumo, oramai, non bastano più. La rabbia è tanta”.

Chi credi sia il colpevole di tutta questa situazione?

“Me la prendo soprattutto con la politica alla quale chiedo, con forza, se questa situazione sia da considerare normale. Continuo a chiedermi cosa farebbero gli stessi politici che hanno introdotto una misura così ingiusta, se venisse negato anche a loro il diritto di stare con il proprio figlio”.

Anna, posso chiederti perché hai deciso di non vaccinarti?

“Da quando è iniziata la pandemia, ho sempre avuto timore a vaccinarmi. Sono affetta da fibromialgia e da altre patologie e temo seriamente per gli effetti indesiderati che il vaccino potrebbe procurarmi”.

Il pensiero di Anna è sempre per il suo Riccardo. Vorrebbe tanto portarlo con sé in un posto isolato e protetto da qualsiasi contagio, ma questa possibilità le viene negata.

Non ha paura di definire tutte queste ingiustizie causate dal governo una “Dittatura” e spera, con tutto il cuore, che i genitori come lei che stanno vivendo un’esperienza simile alla sua, possano presto tornare a riabbracciare i propri figli. Com’è giusto che sia.

Fonte: Il Popolo della Famiglia Sardegna

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/03/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Marco Tarquinio parliamone….

Caro Marco, ci conosciamo da un quarto di secolo e i miei primi anni di vita professionale li ho condotti apprezzando le tue doti di collega accorto e ligio, aiutando credo in maniera decisiva la tua scalata alla direzione di Avvenire. Mi permetterò dunque la franchezza per una volta spoglia dalle ipocrisie del cattolichese, a cui il tuo giornale quotidianamente ci abitua. Il riferimento è alla lettera di Valeria Fedeli e alla tua risposta pubblicate il 20 dicembre 2016 sotto il titolo “Fedeli: il mio impegno per educare alla parità tra uomo e donna”. Il Popolo della Famiglia, movimento che presiedo, non chiama la signora ministro o ministra o che dir si voglia, è indegnamente seduta a viale Trastevere avendo mentito sui suoi titoli di studio, millantato una laurea mai posseduta, addirittura non ha mai sostenuto neanche l’esame di maturità. Abbiamo dimostrato questi fatti con evidenza, colei che noi chiamiamo “pinocchia” li ha candidamente ammessi, con arroganza non ha presentato le dimissioni che sarebbero state considerate naturali e ovvie in qualsiasi paese del mondo. Anzi, cerca legittimazione venendo a scrivere una lettera densa di bugie proprio al direttore di Avvenire, che non ritiene di menzionare l’incidente del titolo di studio inventato (per non dover menzionare il Popolo della Famiglia), mentre nello scritto della signora riscontra “lineare chiarezza

Leggi tutto

Politica

In politica pazienti come i contadini: il seme del PDF è germogliato

Il Segretario nazionale del Popolo della Famiglia racconta la propria riflessione mentre si consolidava il positivo risultato elettorale di Ostia: «Mi è capitato tra le mani uno scritto di don Giussani che spiega che il fare non deve avere limiti di tempo preventivati e qualsiasi gesto impegna tutta la persona come tale. Occorre una pazienza di sviluppo lunga come la pazienza del Signore»

Leggi tutto

Società

Miseria dell’identitarismo di destra e di sinistra

Anche in Chiesa si trovano quanti spezzano il legame vitale tra dovere e interesse. Ed implodono.

Leggi tutto

Società

Guardando “The Affair”

..... mentre guardavo The Affair in questi anni mi chiedevo se “un cambiamento del cambiamento” non fosse ormai alle porte. Avendo sperimentato io sulla mia pelle tutto quello che la serie televisiva raccontava ed avendone accertato l’estremo realismo nella descrizione psicologica del concatenarsi delle varie decisioni caotiche, mi sono davvero interrogato se dagli Stati Uniti non stia arrivando finalmente un vento opposto rispetto a quello libertario che da mezzo secolo ha devastato le nostre vite

Leggi tutto

Storie

NEL NOME DI MINO

La summa del pensiero martinazzoliano è il discorso del febbraio 1989 a quello che nessuno avrebbe mai immaginato essere l’ultimo congresso della Democrazia Cristiana. Prendetevi mezz’ora di tempo e ascoltatelo tutto: è il discorso di uno sconfitto, parla da capo dell’area Zac (ex morotei) che ha appena perso la segreteria nazionale del partito, ceduta proprio a quel congresso da De Mita a Forlani. Eppure il catino del Palaeur acclama il suo nome, non lo fa cominciare a parlare, lui che è febbricitante e non ha davanti neanche un appunto. Seguiranno trenta minuti di analisi politica affilata come una lama, interamente a braccio e molto complessi, ma di una chiarezza che non ho mai più ascoltato. Sì perché c’ero, da giovanissimo dirigente del Mgdc, al Palaeur quel giorno. E capii la lezione fondamentale. Profetica allora, verissima oggi.

Leggi tutto

Politica

NOI O LORO: LA SCELTA È FACILE

Il 3 e 4 ottobre la scelta è semplice: noi o loro. Loro vanno di moda, hanno partiti grandi e ricchi e potenti e ipercitati dai media, ma sono attraversati da una fragilità valoriale che ormai sfocia nell’insensatezza esistenziale, non sanno neanche più perché stanno insieme se non per la caccia al potere. Loro o noi. Noi siamo piccoli ma sapete perfettamente chi siamo, cosa vogliamo, cosa ci anima, noi abbiamo una faccia sola e di questi tempi è il bene più prezioso. Non ci interessa il potere per il potere, non puntiamo alle poltrone, lo abbiamo dimostrato. Noi puntiamo al governo delle comunità e del Paese solo alle nostre condizioni, solo per realizzare quel che promettiamo, per portare in Italia quella cultura della famiglia e della vita che sola può sconfiggere i cinici nichilisti mortiferi che tanto di moda vanno in questo momento nel nostro Paese. Ma le mode passano. La famiglia resta: è l’ancoraggio vero, per tutti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano