Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Diocesi Helsinki: “Entrare nella Nato sarebbe un errore”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La chiesa cattolica, in Finlandia, rappresenta lo 0,2% della popolazione. Ma si sta fortemente impegnando - insieme alla Caritas e alle altre confessioni religiose - per assistere e accogliere i profughi ucraini arrivati a Helsinki e nelle altre citt della Penisola.

Don Marco Pasinato, amministratore diocesano della Diocesi di Helsinki, racconta: “La chiesa Cattolica in Finlandia, lo 0,2% della popolazione, attraverso la Caritas sta raccogliendo fondi da mandare alla Caritas internazionale per i loro progetti di aiuto in Ucraina. Ci siamo messi in contatto anche con l’Associazione Ucraina locale per offrire ospitalità ai rifugiati che stanno arrivando qui in Finlandia per offrire ospitalità agli Ucraina, non solo con i canali istituzionali ma anche con le persone che vanno a prendere i profughi al confine”. Don Marco spiega che l’ingresso della Finlandia nella Nato sarebbe un errore. “Questo è un dibattito in questo momento molto attuale qui in Finlandia. La paura c’è che arrivi questo conflitto arrivi fino in noi. La domanda è se entrare nella Nato o meno: io assolutamente spero vivamente di no e come chiesa locale stiamo pregando che questo non avvenga e che il conflitto possa fermarsi già in Ucraina il prima possibile”. La preghiera, resta, per don Marco l’unica arma per riconciliare russi e ucraini: “In moltissime parrocchie ci sono adorazioni e momenti di preghiera, con ucraini e anche russi, cattolici che si sono sentiti a pregare con noi. Momenti anche toccanti”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/03/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Quer pasticciaccio brutto de li castighi divini

Nelle parole del saggio Benedetto c’è calore umano, c’è il mistero del dolore innocente associato, in maniera altrettanto misteriosa, alla Croce di Cristo. Su tutto regna la fiducia nella costitutiva bontà di Dio, un Padre buono che ama i propri figli. Una sola cosa non c’è nella risposta di papa Benedetto: un sistema di risposte a tutto, una FAQ teologica a misura della ragione umana. Ci sono invece appelli alla meditazione, inviti alla preghiera. Pregare, ce lo dice l’etimologia, implica il riconoscimento della propria precarietà: è un’esortazione ad affidarsi, atto antipelagiano per eccellenza.

Leggi tutto

Chiesa

La mattinata americana e l’udienza di Papa Francesco

Dopo l’incontro con la famiglia presidenziale Usa, il Santo Padre ha incontrato il popolo in Piazza.

Leggi tutto

Politica

Come può uno scoglio arginare il mare?

Diciamo banalità e davvero non capisco perché facciano tanta paura a prelati politicizzati e giovani liberticidi, o meglio lo capisco e bene ma non mi ci rassegno. Continueremo a parlare…...

Leggi tutto

Chiesa

Sette volti di una santità nuova e antica

L’invito alla speranza che Gesù offre ai discepoli, «perché tutto è possibile a Dio», corrisponde a tutte le storie dei sette santi canonizzati domenica in Piazza San Pietro. Che un gracile prete bresciano venga chiamato a compiti sempre più gravosi fino al ministero delle Somme Chiavi, che un vescovo reazionario si converta inciampando nella miseria di un popolo. E molto altro….

Leggi tutto

Politica

Sul tema del voto dei cattolici

La questione che io pongo, però, è: se tutti si trovano concordi sulla necessità di questa benedetta “spinta dal basso”, perché nessuno si adopera per organizzarla sul serio? Guardate, sarei curioso persino di vedere all’opera i nuovi comitati civici “escludenti” di Fontana, sono convinto che sarebbero però più efficaci le “sardine bianche” in qualche modo evocate dalla Morresi, ma ormai mi sta bene tutto, purché io veda i cattolici fare qualcosa di politicamente decente e non solo lamentarsi fino alla prossima sconfitta, quando si lamenteranno di nuovo e ancora di più.

Leggi tutto

Chiesa

Febbraio 1945: Bosnia Erzegovina: i 30 martiri di Široki Brijeg

Durante la dominazione turca della Bosnia-Erzegovina, dodici francescani originari dell’Erzegovina e provenienti da Kresevo in Bosnia, decisero di costruire un monastero nella loro terra d’origine, come segno della fede, e scelsero la località di Široki Brijeg. Si sistemarono in questo piccolo villaggio e, dopo aver comprato un caro prezzo un grande appezzamento di terreno, iniziarono a costruire la chiesa dedicandola alla Madonna Assunta in Cielo. Subito iniziarono anche i lavori per edificare il monastero e successivamente un edificio da adibire a seminario.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano