Politica

di Raffaele Dicembrino

Non si possono isolare e discriminare i lavoratori non vaccinati

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Green Pass - Continua grazie a vari colpi inflitti dalla giurisprudenza l’antidemocratica carta verde fortemente voluta da Draghi, Speranza ed il “governo dei migliori”.

Seppur molto lentamente la giurisprudenza italiana sta iniziando a smontare pezzo dopo pezzo il sistema messo in piedi dal governo Draghi, basato sui ricatti alla popolazione e su imposizioni che calpestano i diritti riconosciuti dalla Costituzione. L’ultima decisione in questo senso è arrivata dalla sezione Lavoro del Tribunale di Busto Arsizio, che ha accolto il ricorso presentato da due dipendenti.

I lavoratori avevano presentato un ricorso in via d’urgenza denunciando di essere stati isolati sul posto di lavoro. Il Tribunale, dopo aver disposto gli opportuni approfondimenti, ha riscontrato l’effettiva esistenza di condotte discriminatorie e vessatorie a carico dei due, trattati diversamente dai loro colleghi e sottoposti, di fatto, a mobbing. L’azienda aveva anche indicato una sede di lavoro diversa per i dipendenti non vaccinati.

Il Tribunale ha definito questa scelta aziendale “illogica ed eccessiva” , riconoscendo anche le precarie condizioni igienico-sanitarie della sede di lavoro nella quale erano stati confinati i lavoratori non vaccinati, a conferma di una condanna palesemente discriminatoria e punitiva.

Secondo il giudice, il comportamento dell’azienda ha inciso “sull’equilibrio psicofisico dei dipendenti esposti ad una situazione di stress conseguente al proprio isolamento e allontanamento dalla consueta postazione di lavoro”. Inoltre “tale situazione è idonea a ledere la dignità e la personalità morale dei lavoratori, oltre che di creare un danno alla loro personalità”. L’azienda è stata condannata a pagare una cifra superiore ai 4 mila euro, con i ricorrenti che potranno chiedere sia il risarcimento per danni che una condanna per mobbing in sede penale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/03/2022
2302/2024
San Policarpo di Smime

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La famiglia come società naturale

Oggi si richiede all’Italia una classe di governo che non brancoli nel buio nella propria indeterminatezza, che non viva alla giornata cambiando opinione ogni mattina, fiutando l’aria che tira dall’ultimo tweet. Serve una visione politica integrale che metta al centro la famiglia, ma non a chiacchiere o con altisonanti convegni buoni esclusivamente a versare inchiostro sui giornali.

Leggi tutto

Politica

Verso la stage dei penultimi

Leggo Renzi che dice a Conte che deve fare come il presidente del Trentino e modificare il Dpcm tenendo aperto tutto fino alle 22. Questi manco si mettono d’accordo tra loro prima di varare un provvedimento più dannoso che inutile. Ormai siamo al Governo di Pulcinellopoli. Tra sei giorni saremo a trentamila contagi/giorno. E dovranno fare un nuovo Dpcm. Non credo ricalcato su quello del Trentino.

Leggi tutto

Società

Test possibili per il Green pass

Novità: ai fini della richiesta del Green pass “sarebbe possibile sostituire il test antigenico rapido con un particolare tipo di test salvare molecolare, detto di ‘pooling’”, ossia un test che analizza contemporaneamente piu’ campioni e che segnala, in ciascun gruppo esaminato, l’eventuale presenza di casi positivi per un ulteriore verifica.

Leggi tutto

Società

La guerra in Siria? Dimenticata!

Il 15 marzo del 2011 segna l’inizio della guerra in Siria. Un conflitto che ha provocato mezzo milione di morti. “Non lasciate morire la speranza” sottolinea il nunzio a Damasco, cardinale Mario Zenari, che denuncia violenze, povertà e abbandono

Leggi tutto

Politica

LA SVOLTA EPOCALE

Siamo alla svolta epocale. In curiosa coincidenza con l’ottobre del 1922 che segnò l’unica volta dell’ascesa della destra dura e pura al governo nella storia italiana, nell’ottobre del 2022 un partito di destra votato da una moltitudine di italiani

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: viviamo un periodo cupo e amaro ma Dio guida la storia

Il Papa presiede in San Pietro la messa nella memoria della Beata Vergine Maria di Guadalupe: siamo tra fragori di guerra, eppure “l’amore e la condiscendenza divini ci dicono che anche questo è un tempo propizio di salvezza”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano