Storie

di Nathan Algren

Vescovo di Gizo: “No ai giochi di guerra”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La gente non viene consultata, le implicazioni di questo accordo non sono note: le Isole Salomone non hanno bisogno di giochi di guerra”. Da Gizo il vescovo mons. Luciano Capelli, missionario salesiano, esprime così le sue perplessità sui “negoziati sulla sicurezza” in corso tra il primo ministro Manasseh Sogavare e il governo cinese.

Nei giorni scorsi è filtrata la bozza di un trattato che le Isole Salomone e Pechino starebbero concludendo e che ha messo in allarme i governi dell’Australia e della Nuova Zelanda. A sollevare inquietudine è soprattutto la possibilità che Pechino colga l’occasione per costruire una propria base militare nelle Isole Salomone, che diventerebbe la prima nella regione. Rispondendo in parlamento a queste critiche Sogavare le ha definite “molto offensive”, negando che vi sia davvero l’intenzione “Questo trattato di sicurezza avviene su richiesta delle Isole Salomone, non siamo stati pressati in alcun modo dai nostri nuovi amici - si è difeso -. Non abbiamo intenzione di entrare in una lotta di potere geopolitica. Siamo un Paese che ha capacità di sicurezza limitate ed è chiaro che avremo costantemente bisogno di sostegno”.

Nel mese di novembre la capitale Honiara fu scossa dall’assalto alla sua Chinatown, simbolo del malcontento contro Sogavare che nel 2019 ha interrotto le relazioni diplomatiche con Taiwan intensificando sempre di più i legami con Pechino. La calma fu riportata con il ritorno di una missione di pace a guida australiana.

“L’incendio della Chinatown – commenta monsignor Capelli - non ha nulla a che fare con la Cina: è stato causato da persone che si sono opposte all’attuale governo, i disordini sono stati fermati dall’intervento australiano. Tutta la questione dei rapporti con la Cina dovrebbe essere invece vista in relazione a come Pechino si sta muovendo in tutto il Pacifico e non solo: anche in Africa e in Sud America”.

“Come vescovo della Chiesa nella provincia occidentale – continua il presule - non vedo minacce e nemici esterni che richiedano una superpotenza in grado di mostrare la propria forza. Abbiamo solo qualche problema etnico interno o problemi di saccheggio in città. Gli australiani stanno facendo un buon lavoro: le Isole Salomone non hanno bisogno di giochi di guerra o di superpotenze che provino qui le loro bombe. La gente ne ha avuto abbastanza di quanto già successo 70 anni fa”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/03/2022
0310/2022
S. Maria Giuseppa Rossello

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Padre Maccalli premiato dal Dicastero per la Comunicazione

Il dicastero per la Comunicazione ha premiato padre Maccalli con una targa, simbolo di amicizia e di stima ma anche di riconoscenza.

Leggi tutto

Chiesa

Spagna - Giornata dell’Infanzia Missionaria

Il Direttore nazionale POM ricorda che grazie ai fondi raccolti dall’Infanzia Missionaria - per lo più grazie alle donazioni dei bambini - si possono sostenere progetti di evangelizzazione, educazione e salute per i piccoli e le loro mamme, perché possano nascere e crescere con dignità, mangiare, studiare ... Dalla Spagna, l’Infanzia Missionaria ha inviato nel 2021 € 1.933.313,21, raggiungendo più di 300.000 bambini in 34 paesi. “Per molti bambini, l’unico posto dove trovano casa è la Chiesa”

Leggi tutto

Storie

Vescovi filippini rifiutano le donazioni dall’industria mineraria

Ritirati i beni della Chiesa dalle società che investono in energia “distruttiva”. Il vice presidente, monsignor Mylo Hubert Vergara: “Il resto è in linea con l’enciclica di papa Francesco Laudato si’”.

Leggi tutto

Storie

Ascoli Piceno: palloni antichi sul tetto della chiesa

La scoperta è stata effettuata durante i lavori propedeutici al restauro dell’edificio, dopo le lesioni causate dal terremoto del 2016. I palloni rinvenuti appartengono a varie epoche, alcune risalenti anche a decenni fa, come il “modello” nato in occasione del Mondiale di Argentina del 1978.

Leggi tutto

Storie

Argentina - Il Vescovo di Moron contro le droghe

L’Osservatorio sul divario sociale dell’Università Cattolica Argentina (Uca) ha rilevato che a fine 2021, su un campione di 5.680 famiglie, il 23% segnalava la presenza di vendita di droga nell’isolato o nel quartiere in cui vive. Una percentuale che sale al 30% nelle zone urbane al di fuori della capitale.

Leggi tutto

Chiesa

NICARAGUA - Il Vescovo di Matagalpa “si trova recluso, in preghiera e digiuno”

L’Arcidiocesi di Managua “ribadisce pubblicamente la sua vicinanza nella preghiera a tutte le persone e alle famiglie che soffrono gli effetti della problematica socio-politica in cui noi nicaraguensi continuiamo ad essere immersi con tutti i suoi effetti e a tutti i livelli, che ha fatto ristagnare la nostra società in un ambiente di insicurezza, polarizzazione e intransigenza, innescando una dinamica di divisione e antagonismi che impediscono di superare questa situazione nazionale critica”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano