Chiesa

di Nathan Algren

Lotta alla tratta di esseri umani in Brasile

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le nostre comunità, le diverse pastorali e le organizzazioni della società civile si impegnino a sensibilizzare, prevenire e formare nuovi leader per la ‘cultura del prendersi cura’ dei fratelli e delle sorelle, a rischio o sopravvissuti alla tratta delle persone”. Questo il primo degli impegni emerso dal Seminario nazionale di Formazione per la lotta alla Tratta di esseri umani, tenutosi virtualmente il 24 e 25 marzo.

Nel documento conclusivo, firmato da Mons. Evaristo Pascoal Spengler, Vescovo di Marajò e Presidente della Commissione episcopale Pastorale Speciale per la lotta alla tratta di esseri umani, si evidenzia che il Seminario è iniziato con una tavola rotunda sul tema “Il ruolo della Chiesa, della Società e della Stato nella lotta alla tratta di persone”. Hanno preso parte dirigenti, parlamentari, organizzazioni e leader della società civile che operano nell’elaborazione e nell’esecuzione delle politiche pubbliche per combattere la tratta di esseri umani. Il Seminario è proseguito con mostre, dibattiti e relazioni di esperienze di questa triste realtà di violazione dei diritti di milioni di esseri umani.
Sono stati numerosi i riferimenti ai pronunciamenti e ai gesti concreti di Papa Francesco, che ha affermato che la tratta di esseri umani è una “piaga atroce”, “una ferita nel corpo dell’umanità contemporanea, una ferita nella carne di Cristo”, l’espressione più brutale della schiavitù moderna che devasta decine di milioni di persone in tutto il mondo. Questa realtà, sottolinea il documento, “richiede una visione ampia, integrata e olistica dei fattori che perpetuano questo crimine globale, che implica più che mai un’azione articolata in Reti, capace di garantire una presenza solidale accanto alle vittime e un’efficace collaborazione a fianco delle autorità pubbliche, in grado di affrontare le radici strutturali di questo crimine”.
Di fronte a questa realtà, gli impegni emersi riguardano l’attenzione ai fratelli e alle sorelle immigrati e rifugiati, fornendo loro condizioni dignitose di accoglienza, assistenza e inserimento. “Lo stesso principio vale per le donne brasiliane in una situazione di migrazione forzata, esposte allo sfruttamento, a causa della loro situazione di elevata vulnerabilità e perché hanno urgente bisogno di lavoro per provvedere al loro sostentamento e a quello della famiglia”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/03/2022
2909/2022
Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Myanmar: un’altra chiesa cattolica bruciata e rasa al suolo

Ancora attacchi alla chiesa da parte dei militari. Nelle scorse ore infatti la chiesa cattolica di San Nicola nella città di Thantlang, nello Stato Chin del Myanmar, è stata bruciata dai militari. L’attacco alla chiesa di San Nicola è solo l’ultimo di una lunga serie.

Leggi tutto

Chiesa

Papa, udienza generale: “San Giuseppe, migrante perseguitato e coraggioso”

Un nuovo appello pro migranti è al centro della catechesi all’udienza generale di questo mercoledì in cui Papa Francesco invita a riflettere sul coraggio di san Giuseppe perseguitato. Il Papa legge la sua vicenda alla luce dei drammi di oggi e invita a seguire il suo esempio di fronte alle avversità dell’esistenza

Leggi tutto

Chiesa

Sagrada Familia; quasi pronte le due nuove torri degli Apostoli

Se le scadenze saranno rispettate, tre delle cinque torri centrali completate saranno visibili nel 2022. Quella della Vergine, inaugurata lo scorso 8 dicembre, finora è l’unica completata. Dopo di queste rimarranno da innalzare le due torri degli evangelisti Matteo e Giovanni, la torre di Gesù Cristo e le quattro torri della facciata della Passione.

Leggi tutto

Chiesa

Colombia: nuove minacce al vescovo di Buenaventura

Da tempo Monignor. Rubén Darío Jaramillo sta chiedendo un intervento deciso delle autorità perché, secondo le sue parole, “ciò che si vive nella zona non è solo violenza, ma è una vera guerra”, e per questo ha ricevuto minacce di morte.

Leggi tutto

Società

Gli atleti trans sempre in vantaggio

Le proteste non hanno vinto il politicamente corretto: «Più nuotatrici hanno sollevato il problema, più volte», ha raccontata un’atleta al DailyMail. «E’ decisamente imbarazzante perché Lia ha ancora parti del corpo maschili ed è ancora attratta dalle donne. Ma in pratica ci è stato detto che dobbiamo girarci e accettarlo, oppure non possiamo usare il nostro spogliatoio». Solo due o tre atlete supportano Thomas, la maggior parte ha paura di parlare e la scuola vieta agli studenti di parlare con i media.

Leggi tutto

Storie

Ascoli Piceno: palloni antichi sul tetto della chiesa

La scoperta è stata effettuata durante i lavori propedeutici al restauro dell’edificio, dopo le lesioni causate dal terremoto del 2016. I palloni rinvenuti appartengono a varie epoche, alcune risalenti anche a decenni fa, come il “modello” nato in occasione del Mondiale di Argentina del 1978.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano