Società

di Nathan Algren

Filippine: eredità anche ai figli extra matrimonio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Corte suprema delle Filippine ha stabilito che anche i figli nati fuori dal matrimonio potranno ricevere l’eredità. Il tribunale ha così “reinterpretato l’articolo 992 del codice civile, che vieta ai figli non coniugali di ereditare dai fratelli che sono figli coniugali, così come dai parenti paterni o materni”, si legge in un comunicato dell’Ufficio di informazione pubblica della Corte. La legge era chiamata “cortina di ferro” per le differenze che poneva tra figli legittimi e illegittimi.

La sentenza unanime del tribunale ha chiuso il caso Aquino vs Aquino, in cui Amadea Maggie Ho Aquino rivendicava il diritto di ereditare dal nonno Miguel, anche se il padre, Arturo, era morto prima della nascita della figlia e prima che potesse sposare la madre.

L’articolo 992 del codice civile afferma che “il figlio illegittimo non ha diritto di ereditare ab intestato dai figli legittimi e dai parenti del padre o della madre; né tali figli o parenti erediteranno allo stesso modo dal figlio illegittimo”.

Ma la sentenza, redatta dal giudice Marvic Leonen, ha stabilito che “i nonni e gli altri ascendenti diretti non rientrano nell’ambito dei ‘parenti’ ai sensi dell’articolo 992”, perché sia i figli coniugali che non coniugali sono consanguinei dei genitori e di altri ascendenti, per cui la materia deve essere disciplinata dall’articolo 982 del codice civile, “che non fa differenze in base allo stato di nascita dei nipoti e di altri discendenti diretti”. L’articolo 982 afferma infatti che “i nipoti e gli altri discendenti erediteranno per diritto di rappresentanza, e se qualcuno di loro fosse morto, lasciando più eredi, la parte che gli spettava sarà divisa tra questi ultimi in parti uguali”.

I giudici hanno infine criticato la scelta di utilizzare i termini “legittimo” e “illegittimo”, definendoli peggiorativi, e preferendo le parole “coniugali” e “non coniugali” per riferirsi alla prole nata durante o al di fuori del matrimonio: “Mettendo da parte congetture regressive sulla vita familiare a favore dell’interesse superiore del minore, la Corte ha abbandonato la presunzione che i figli non coniugali siano prodotti di relazioni illecite o che siano automaticamente collocati in un ambiente ostile perpetrato dalla famiglia coniugale”, ha dichiarato l’Ufficio di informazione.

La sentenza è destinata ad avere un peso particolare dal momento che nelle Filippine non esiste una legge sul divorzio.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/03/2022
2306/2024
San Giuseppe Cafasso

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Le donne africane non hanno bisogno di aborto

Una giovane nigeriana crea un’organizzazione prolife per opporsi alla “Bill & Melinda Gates Foundation” nei suoi intenti “filantropici” (ossia di controllo delle nascite – dei poveri del mondo). Lo scopo di Culture of Life Africa è dissuadere i “filantropi” dai loro propositi. La lettera di Obianuju a Melinda Gates è un testo di magistero della vita e di resistenza al pensiero unico.

Leggi tutto

Storie

Cris Galera, prima si sposa poi divorzia

Aveva sposato se stessa per «self love» appena tre mesi fa e la singolare notizia aveva fatto il giro del mondo incontrando l’entusiasmo di una nuova categoria di romantici. Ma ora la storia d’amore dell’influencer brasiliana Cris Galera sembra già arrivata al capolinea: la 33enne ha deciso di chiedere il divorzio. Da se stessa.

Leggi tutto

Società

In Italia è crollo delle nascite

Nel suo rapporto annuale l’Istat rileva una drastica diminuzione delle nascite e l’aumento delle “famiglie” con un solo componente.

Leggi tutto

Storie

Il pugile francese ed i figli dell’avversario

Stanno facendo discutere in Francia le dichiarazioni a L’Équipe del pugile – categoria pesi massimi – Martin Bakole, protagonista il 14 maggio 2022 di una clamorosa vittoria sul campione olimpico 2016, Tony Yoka

Leggi tutto

Politica

VI SPIEGO PERCHÉ NON HO DATO SOLIDARIETÀ A GIORGIA

In queste ore si fa un gran baccano attorno alla fine della relazione di Giorgia Meloni: un vociare sulla stampa e sui social network frutto unicamente della scelta del Presidente del Consiglio di gettare letteralmente sulla piazza pubblica le ragioni della rottura. Fino a giovedì notte della storia tra la politica di destra e il giornalista di Mediaset poco o nulla si sapeva: ora ogni tipo di dettaglio diventa oggetto di giudizio e commento della chiunque. Semplice causalità? Niente affatto. Una strategia costruita a tavolino da abili comunicatori che hanno scelto di usare una triste e spiacevole vicenda privata per accrescere il consenso di una Presidente del Consiglio pronta a giocarsi molto, se non tutto, alle prossime elezioni europee: disposta a farlo anche abbandonando alla pubblica gogna il priorio compagno, favorendo lo stillicidio con un post che profuma di pilatesco.

Leggi tutto

Politica

Gli sfregi di Laura Boldrini alla Conferenza sulla famiglia

A metà tra la spaesatezza e la provocazione, il surreale intervento della “Presidenta”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano