Società

di Nathan Algren

Liberia ed accesso per l’istruzione a tutte le famiglie

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“L’istruzione in Liberia è molto differente tra le zone urbane e quelle rurali. Noi rurali siamo svantaggiati, non abbiamo nessun aiuto da parte del Ministero”. Ne ha parlato Joseph Vayombo, direttore della scuola elementare e media cattolica St John Vianney, gestita dalla parrocchia della Società per le Missioni Africane di Foya e dedicata al Santo Curato d’Ars.

Intervistato da padre Lorenzo Snider, missionario SMA a Foya, sulla situazione scolastica nel nord-ovest della Liberia, il sig. Vayombo ha messo in evidenza che “il poco aiuto che arriva va tutto alle grandi scuole delle città. Noi non abbiamo laboratori, né biblioteche, i maestri e i professori sono poco preparati. Inoltre, in Africa, i genitori devono pagare l’iscrizione a ogni tipo di scuola, anche quella pubblica. Una famiglia che ha 7-8 figli, e ha pochi mezzi, è costretta a mandare alcuni di questi figli a lavorare nei campi, soprattutto le bambine.”

Il direttore spiega le criticità che le famiglie affrontano anche in merito all’acquisto di libri e materiale scolastico, come pure la mancanza di personale. “In molte scuole non si utilizzano libri. Sono almeno due anni che il governo non invia libri e materiale scolastico sovvenzionati – spiega Vayombo. E poi c’è il deficit del personale. La popolazione aumenta, ma da anni non ci sono nuove assunzioni di maestri. Molte scuole pubbliche vanno avanti grazie a maestri ‘volontari’, che percepiscono uno stipendio miserabile, 8 euro al mese, ma ora il Governo non accetta più questi ‘volontari’, e così gli insegnanti ‘ufficiali’ sono costretti a sostenere il peso impossibile di due o tre classi a testa, classi composte in media da 70 alunni!”

Gli stessi alunni sentiti da padre. Snider si sono detti entusiasti di poter andare a scuola che offre loro la possibilità di poter aiutare le famiglie un domani, imparare la storia dei popoli e delle tradizioni, la pace e il rispetto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/04/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Se l’ignoranza ribolle negli atenei

Ormai è un cane che si morde la coda: le scuole insegnano sempre più cose sempre più
superficialmente, così che i ragazzi sanno sempre meno su sempre più (e l’esito è sapere niente su
tutto), i docenti universitari si sono ritrovati intrappolati in scatole a metà tra licei statali e scuole
serali. Il ministro ha la terza media, millanta lauree e fa errori nelle proprie lettere. Piscis capite fetit

Leggi tutto

Società

La bioetica per tutti, parla Giorgia Brambilla

Moglie, mamma, madre di bimbi piccoli e prima ancora ostetrica. Poi la passione per la bioetica che diventa ricerca e insegnamento, e infine il manuale con Rubbettino

Leggi tutto

Politica

Modena: Il Popolo della Famiglia chiede più sicurezza

Il sindaco risponde a interrogazione di FdI-Il Popolo della Famiglia sottolineando impegno per videosorveglianza e Polizia locale e la collaborazione con Questura e Prefettura

Leggi tutto

Società

Con la Fedeli la notte è dopo gli esami

La scuola di Valeria Fedeli, la maturità di questo ministro che non l’ha mai dovuta affrontare, non possono essere celebrate, neanche con la consueta retorica del rito abituale di inizio estate. Tutti promossi equivale a nessun promosso, siamo dentro al blob che uniforma tutti per consegnarli alla mediocrità e all’impossibilità di competere, in un orizzonte avaloriale che purtroppo è quello dei sessantottardi tristi e delusi per il mancato compimento della loro sciatta rivoluzione. Non devono essere i nostri figli, però, a patire il cinismo derivato dalla loro disillusione. Mai come oggi diventa fondamentale la battaglia per la scuola libera, per il diritto della famiglia di scegliere in quale istituto formare i propri figli, perché il patto tra la famiglia e questa formula di scuola statale è saltato anche per il lassismo che ha caratterizzato l’attività dell’ultimo ministro della Istruzione, Università e Ricerca Scientifica.

Leggi tutto

Politica

Al Paese serve la nostra lucida e visionaria follia

I prossimi quattro anni saranno per il Popolo della Famiglia i più impegnativi dalla sua nascita, perché saranno quelli in cui bisognerà porre le premesse operative per andare al governo del Paese.

Leggi tutto

Società

Scuola, 9 prof su 10 contrari all’asterisco “gender free”

Non solo i docenti, ma anche genitori e studenti hanno espresso la loro contrarietà all’uso dello schwa nel sondaggio realizzato da La Tecnica della Scuola

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano