Società

di Roberto Signori

India - Bande criminali vendono neonati di famiglie povere

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Lo Stato indiano dell’Andhra Pradesh fa i conti con la tragedia delle donne costrette a vendere i propri bambini a causa della povertà. A lanciare l’allarme è stato il quotidiano The Hindu, che riprendendo la denuncia dei funzionari locali della protezione dell’infanzia, ha alzato il velo sui traffici di alcune bande criminali che gestiscono questo racket.

Due casi sono stati segnalati a Eluru e Mangalagiri negli ultimi giorni. Un bambino di tre giorni sarebbe stato “scambiato” in un ospedale privato di Aswaraopet, un villaggio al confine tra Andhra Pradesh e Telangana. A gestire il racket sarebbe stato un medico a cui Il padre e la nonna del bambino lo avrebbero venduto per 200mila rupie (circa 2.400 euro). Questi lo avrebbe ceduto a una coppia di Visakhapatnam per 300mila rupie (3.600 euro), che a sua volta lo avrebbe infine venduto a una coppia di Anakapalli per 500mila rupie (6mila euro).

In un’altra vicenda resa nota dal soprintendente delegato della polizia J. Rambabu un operaio di Mangalagiri, nel distretto di Guntur, avrebbe venduto la sua terza figlia di due mesi a un’altra persona del distretto di Nalgonda in Telangana per 70mila rupie (850 euro). Mentre due mesi fa ad Eluru vi sarebbe stato un tentativo di vendere un’altra bambina di due mesi per appena 60mila rupie (720 euro): grazie a una soffiata i funzionari dell’ufficio per la protezione delle donne e dei bambini sono intervenuti e l’hanno affidata a una casa di accoglienza di Eluru. Non si tratta, purtroppo, di incidenti isolati: durante il lockdown era emersa la storia di una coppia di lavoratori edili migranti che avevano perso il lavoro e avevano cercato di vendere il loro figlio appena nato, ma erano stati catturati prima che l’affare fosse finalizzato e arrestati in base alla legge sulla giustizia minorile.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/04/2022
2911/2022
San Saturnino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

L’allenatore e il produttore tra la gogna e il banco

Guai in vista per i due abusatori, ma c’è chi si chiede se l’ipocrisia non grondi anche da altre parti. Si continuano a tutelare insufficientemente i minori

Leggi tutto

Politica

Al Paese serve la nostra lucida e visionaria follia

I prossimi quattro anni saranno per il Popolo della Famiglia i più impegnativi dalla sua nascita, perché saranno quelli in cui bisognerà porre le premesse operative per andare al governo del Paese.

Leggi tutto

Storie

Brescia: esumate tombe di bambini non nati senza il consenso dei genitori

Brescia: Esumate 2500 tombe di bambini non nati senza il consenso dei genitori: “È come se mia figlia mi fosse stata strappata via una seconda volta”

Leggi tutto

Storie

Gujarat: archiviate le accuse alle Missionarie della Carità

Secondo il procuratore locale non c’è nessuna prova delle “conversioni forzate” nell’ostello di Varadara delle suore di Madre Teresa. Le religiose: “Andremo avanti a servire i più poveri”

Leggi tutto

Società

Espad la piattaforma europea su adolescenti a rischio

Ecco una nota dell’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ifc) che ha sviluppato “ESPAD Data Portal” un nuovo strumento di data explorer che consente di consultare oltre venti anni di dati su consumo di sostanze, abusi e comportamenti a rischio tra gli studenti di 15-16 anni in 40 paesi europei.

Leggi tutto

Società

L’India tra deficit di libertà e polarizzazione religiosa

Il governo e la società non sono stati sensibili alle minoranze religiose: musulmani e cristiani sono in ritardo in molte aree di sviluppo poiché la povertà continua a influenzare l’economia e la disoccupazione

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano