Storie

di Roberto Signori

Australia, il prof e la pornografia per tutti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

l professore australiano e storico sostenitore della pornografia Alan McKee ha scritto un recente post sul suo blog riguardo al tema del – udite udite - miglior porno per i giovani.

Nel suo articolo di ‘Sex School’, intitolato “Quali tipi di pornografia sono sani per i giovani?”, McKee sostiene che è opportuno che gli adulti diano agli adolescenti l’accesso al miglior porno on line per poter rispondere alle loro domande sulla sessualità.

McKee scrive che «con la crescente disponibilità e gamma di pornografia disponibile, è importante che facciamo tutto il possibile per aiutare i giovani a diventare alfabetizzati al porno e a identificare la pornografia che li aiuterà a crescere come adulti sessualmente sani e felici».

«Ho lavorato con i colleghi della Facoltà di Salute dell’Università di Tecnologia di Sydney - scrive - per chiedere a un gruppo di esperti di tutto il mondo cosa rende la pornografia sana per i giovani. Abbiamo parlato con persone di diversa provenienza: educatori sessuali, ricercatori di pornografia, produttori di pornografia, esperti di sviluppo adolescenziale ed esperti di salute sessuale, per un totale di trenta esperti. Abbiamo chiesto loro quali criteri userebbero per decidere cosa conta come pornografia sana…».

Il dibattito si è aperto in Australia, anche se l’UNICEF ha più volte dichiarato che «il contenuto pornografico può danneggiare i bambini. L’esposizione alla pornografia in giovane età può portare a cattiva salute mentale, sessismo e oggettivazione, violenza sessuale e altri risultati negativi».

McKee è professore di Media Digitali e Sociali nella Facoltà di Arti e Scienze Sociali dell’Università di Tecnologia di Sydney, dove ha pubblicato saggi sullo sviluppo sessuale sano e sull’educazione all’intrattenimento per una sessualità sana.

Per McKee ed il suo team di esperti, dunque, la vera domanda per quanto riguarda il «sano sviluppo sessuale» riguarda «la comunicazione sessuale, il piacere sessuale, la capacità di praticare il consenso sessuale, l’accettazione della propria identità sessuale e così via», a qualunque età, meglio precocemente.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/04/2022
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Pedofilia e pedopornografia continuano a prosperare

Don Fortunato Di Noto, fondatore e presidente Meter, commenta: “La pedofilia non è una malattia, ma un crimine. È importante non confondere la pedofilia (come malattia psichiatrica) e la capacità di intendere e volere: nel 99,9% dei casi, infatti, le condotte pedofile sono condotte lucide e quindi perseguibili penalmente - e il report Meter Onlus 2016 lo conferma –“. E aggiunge: “La Cassazione, nel 2003, ha affermato che la pedofilia: “Non è una malattia mentale in virtù della quale i pedofili possono ottenere uno sconto di pena” (sentenza 12/11/2003 n° 43135). La pedofilia costituisce una nuova forma di schiavitù che ha legami con il traffico di esseri umani, la sottrazione, la schiavitù e l’orrore dello sfruttamento sessuale del minore”.

Leggi tutto

Storie

Nave spia cinese “entra” in Australia

“Un atto di aggressione senza precedenti”. L’#Australia ha definito così la manovra “inusuale” effettuata da un’unità navale della #Cina con capacità di intelligence avvistata nell’atto di entrare nella zona economica esclusiva di Canberra

Leggi tutto

Società

Australia, l’attore-giocatore che forza la linea sul gay marriage

Si chiama Ian Roberts, ora fa l’attore ma in passato era stato un famoso rugbista australiano. Il suo outing personale risale al 1995, ma ora sta raccogliendo consenso attorno all’agenda LGBT.

Leggi tutto

Storie

Australia. Il no dei giocatori di Rugby alla maglietta del Gay Pride

Buone notizie: anche in Australia degli sportivi hanno avuto il coraggio di opporsi pubblicamente alla propaganda LGBT.

Leggi tutto

Società

Ostia, negozio porno di fronte alla scuola media

La Dirigente dei Servizi Sociali aveva avvisato: ci si sente soli se le risorse umane e materiali non sono adeguate. Referente locale educatori: «Tanti casi poco personale, ma abbiamo provato a fare rete in ambito minorile e nessuno ha risposto alle email».

Leggi tutto

Storie

In Australia ecco la ragazza gatto

A Melbourne, in Australia, un’adolescente ha iniziato a identificarsi come gatto e ha smesso di parlare. Nonostante questo la sua scuola privata sì è mostrata molto comprensiva e ha incoraggiato di fatto il suo “comportamento animale”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano