Storie

di Giuseppe Udinov

Ucraina - Kiev, saccheggiato il seminario

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Sono stati i militari russi, ce lo hanno detto i vicini a cui abbiamo distribuito aiuti. Ma sono state anche le persone del posto. Sono disperate, hanno fame, qua è tutto chiuso, quindi hanno avuto questa idea di venire a prendere il nostro cibo. Meno male… Almeno hanno potuto sfamarsi”. Non c’è traccia di rancore nella voce di padre Ruslan Mykhalkiv, rettore del seminario teologico cattolico di Vorzel, nella regione di Kiev, semi distrutto in due attacchi (“forse missili, forse bombe”, dice) e saccheggiato al suo interno di ogni cosa: dal calice-reliquia di Giovanni Paolo II alle vecchie scarpe del rettore.

La notizia della razzia è circolata grazie a un post su Facebook del vescovo della diocesi cattolica latina di Kiev, monsignor Vitalii Kryvytsky, che ha pubblicato anche alcune foto. In una si vede pure la statua di una Madonna decapitata.

Proprio il giorno dopo l’attacco russo, il rettore ha portato via i seminaristi e anche i residenti del vicino orfanotrofio, due suore e cinque bambini. “Eravamo pronti già da giorni al fatto che potesse succedere qualcosa come poi effettivamente è accaduto”. La zona è stata occupata dall’esercito. Il gruppo si è rifugiato in una località a pochi chilometri, sulla strada che da Kiev porta a Bucha, tristemente nota per quello che il Papa ha definito un “massacro” di civili. In seminario è rimasto solo il padre spirituale, padre Igor, anche parroco del territorio. Il sacerdote si è trattenuto fino a qualche giorno fa, anche dopo un attacco che ha spaccato le finestre e distrutto una piccola casa per gli ospiti a fianco. “Erano missili o bombe, non grosse. Li hanno lanciati il quarto giorno dall’inizio della guerra. Lo so perché il padre spirituale ci ha mandato le foto”.

Poco dopo che anche padre Igor ha lasciato il seminario, un altro attacco di “armi pesanti” ha colpito la struttura, creando il caos internamente ed esternamente. “L’ esercito russo aveva bloccato l’ingresso al territorio – racconta padre Ruslan – siamo potuti rientrare solo giovedì scorso e abbiamo subito scoperto che la porta principale era stata aperta. Ci avevano avvertito volontari e operatori Caritas che erano andati a Bucha e, di ritorno, hanno fatto un salto. Hanno provato a chiudere a tutto, senza però entrare dentro”. Seppur la struttura sia priva di acqua, luce e gas, il rettore e altri sacerdoti hanno accettato di tornare per rimettere a posto. “Quando siamo tornati abbiamo trovato di nuovo tutto spalancato e, dentro, abbiamo capito che non c’erano stati solo i bombardamenti”.

Dal seminario è stato portato via di tutto: pentole, router, lavatrici, computer, condizionatori, piccoli attrezzi. “Anche le cose non preziose ma che sembrano preziose… Hanno rubato tanti oggetti liturgici e il calice d’argento che Giovanni Paolo II aveva usato in una Messa durante la visita apostolica in Ucraina nel 2001. Per noi era una sorta di reliquia, la usavamo nelle grandi feste. Il vescovo ha parlato anche delle mie scarpe che usavo per andare a correre, ma veramente è l’ultimo dei pensieri. Anche ai seminaristi hanno rubato scarpe e vestiti”.

La dispensa è stata svuotata: “Avevamo qualcosa per vivere, patate, pasta, altre conserve. Non c’era più nulla”, dice il rettore. “E meno male”, ripete. In che senso? “Sappiamo che sono stati i russi a saccheggiare il seminario perché ce l’ha detto la gente a cui abbiamo portato del cibo. Ci raccontavano che hanno usato una tecnica particolare per aprire il cancello e schiacciare le porte. Ma penso che siamo stati derubati anche dalle persone che vivono qui. Lo facevano anche prima alcuni disperati che rubavano piccoli utensili da cucina. Adesso hanno preso tutto il cibo. Va bene… Qua c’era da mangiare e la gente aveva fame. Tutto è chiuso, dove potevano prendere le cose? Hanno avuto questa idea, che magari non è proprio secondo coscienza, ma bisogna capire il contesto della guerra, dell’occupazione. Sapevano che potevano sfamarsi. È giusto…”. O meglio, chiarisce il rettore, “questo è giusto, il resto no”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/04/2022
2809/2022
S. Venceslao

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Haiti: chiesto un riscatto per la liberazione dei missionari rapiti

17 milioni di dollari, questa la cifra chiesta dalla banda armata che ha sequestrato nei giorni scorsi un gruppo di missionari cristiani, compresi donne e bambini.

Leggi tutto

Storie

L’ITALIA CHE RICORDA O CHE DOVREBBE

Oggi è il 12 Novembre, 18 anni fa subivamo la più grande strage terroristica per il nostro Paese: scattava il nostro “11 Settembre”. A Nassirya - Iraq morivano sotto la violenza suicida kamikaze, 19 italiani.

Leggi tutto

Società

Vescovo di Faenza: “Referendum su eutanasia è un allarme!

Il vescovo di Faenza, come riportato dai media, invita i cattolici a tenere presente che “si sta diffondendo sempre di più nel mondo dei cattolici impegnati in politica una cultura pseudo-cristiana.

Leggi tutto

Chiesa

MYANMAR - Appello della Chiesa a deporre le armi

La Chiesa cattolica in Myanmar diffonde un generale appello a depore le armi e a fermare un conflitto civile che ha assunto la forma di “atrocità straziante e orribile”

Leggi tutto

MediaStorie

Mosul, sotto la moschea di al-Nouri i resti di una chiesa?

I lavori di ricostruzione del luogo di culto distrutto nella battaglia fra Isis ed esercito iracheno hanno portato al rinvenimento di una sala di preghiera, colonne e quattro stanze per l’abluzione. Alcuni esperti ipotizzano si tratti della chiesa dei Quaranta martiri.

Leggi tutto

Storie

La vita dei consacrati in America

La Vita Consacrata negli ultimi anni ha percorso cammini di “approfondimento, purificazione, comunione e missione” sottolinea il testo. “Il processo sinodale ci unisce nell’ascolto, nella comunione, nella partecipazione e nella missione, per arricchire la Chiesa con le nostre virtù e carismi, e per dare al mondo la nostra testimonianza gioiosa di donazione totale al Signore”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano