Storie

di Giuseppe Udinov

Ucraina - Kiev, saccheggiato il seminario

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Sono stati i militari russi, ce lo hanno detto i vicini a cui abbiamo distribuito aiuti. Ma sono state anche le persone del posto. Sono disperate, hanno fame, qua è tutto chiuso, quindi hanno avuto questa idea di venire a prendere il nostro cibo. Meno male… Almeno hanno potuto sfamarsi”. Non c’è traccia di rancore nella voce di padre Ruslan Mykhalkiv, rettore del seminario teologico cattolico di Vorzel, nella regione di Kiev, semi distrutto in due attacchi (“forse missili, forse bombe”, dice) e saccheggiato al suo interno di ogni cosa: dal calice-reliquia di Giovanni Paolo II alle vecchie scarpe del rettore.

La notizia della razzia è circolata grazie a un post su Facebook del vescovo della diocesi cattolica latina di Kiev, monsignor Vitalii Kryvytsky, che ha pubblicato anche alcune foto. In una si vede pure la statua di una Madonna decapitata.

Proprio il giorno dopo l’attacco russo, il rettore ha portato via i seminaristi e anche i residenti del vicino orfanotrofio, due suore e cinque bambini. “Eravamo pronti già da giorni al fatto che potesse succedere qualcosa come poi effettivamente è accaduto”. La zona è stata occupata dall’esercito. Il gruppo si è rifugiato in una località a pochi chilometri, sulla strada che da Kiev porta a Bucha, tristemente nota per quello che il Papa ha definito un “massacro” di civili. In seminario è rimasto solo il padre spirituale, padre Igor, anche parroco del territorio. Il sacerdote si è trattenuto fino a qualche giorno fa, anche dopo un attacco che ha spaccato le finestre e distrutto una piccola casa per gli ospiti a fianco. “Erano missili o bombe, non grosse. Li hanno lanciati il quarto giorno dall’inizio della guerra. Lo so perché il padre spirituale ci ha mandato le foto”.

Poco dopo che anche padre Igor ha lasciato il seminario, un altro attacco di “armi pesanti” ha colpito la struttura, creando il caos internamente ed esternamente. “L’ esercito russo aveva bloccato l’ingresso al territorio – racconta padre Ruslan – siamo potuti rientrare solo giovedì scorso e abbiamo subito scoperto che la porta principale era stata aperta. Ci avevano avvertito volontari e operatori Caritas che erano andati a Bucha e, di ritorno, hanno fatto un salto. Hanno provato a chiudere a tutto, senza però entrare dentro”. Seppur la struttura sia priva di acqua, luce e gas, il rettore e altri sacerdoti hanno accettato di tornare per rimettere a posto. “Quando siamo tornati abbiamo trovato di nuovo tutto spalancato e, dentro, abbiamo capito che non c’erano stati solo i bombardamenti”.

Dal seminario è stato portato via di tutto: pentole, router, lavatrici, computer, condizionatori, piccoli attrezzi. “Anche le cose non preziose ma che sembrano preziose… Hanno rubato tanti oggetti liturgici e il calice d’argento che Giovanni Paolo II aveva usato in una Messa durante la visita apostolica in Ucraina nel 2001. Per noi era una sorta di reliquia, la usavamo nelle grandi feste. Il vescovo ha parlato anche delle mie scarpe che usavo per andare a correre, ma veramente è l’ultimo dei pensieri. Anche ai seminaristi hanno rubato scarpe e vestiti”.

La dispensa è stata svuotata: “Avevamo qualcosa per vivere, patate, pasta, altre conserve. Non c’era più nulla”, dice il rettore. “E meno male”, ripete. In che senso? “Sappiamo che sono stati i russi a saccheggiare il seminario perché ce l’ha detto la gente a cui abbiamo portato del cibo. Ci raccontavano che hanno usato una tecnica particolare per aprire il cancello e schiacciare le porte. Ma penso che siamo stati derubati anche dalle persone che vivono qui. Lo facevano anche prima alcuni disperati che rubavano piccoli utensili da cucina. Adesso hanno preso tutto il cibo. Va bene… Qua c’era da mangiare e la gente aveva fame. Tutto è chiuso, dove potevano prendere le cose? Hanno avuto questa idea, che magari non è proprio secondo coscienza, ma bisogna capire il contesto della guerra, dell’occupazione. Sapevano che potevano sfamarsi. È giusto…”. O meglio, chiarisce il rettore, “questo è giusto, il resto no”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/04/2022
2903/2023
San Secondo martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La salute disuguale

Salute – Sabato 24 settembre si è svolto a Roma il convegno “La salute disuguale” organizzato dall’Amci sezione di Roma. Associazioni, Istituzioni ed esperti del settore hanno portato avanti una proficua riflessione sulla salute e su come combattere le disuguaglianze.

Leggi tutto

Chiesa

Spagna. I vescovi condannano le nuove leggi sui trans e sull’aborto

I vescovi della Sottocommissione episcopale per la famiglia e la difesa della Vita della Conferenza episcopale spagnola hanno pubblicato una nota sulle nuove leggi in materia di aborto e transessualità. I presuli hanno detto chiaramente che entrambe le leggi sono “lontane dal promuovere il bene della persona e la sua dignità, e anzi le ledono gravemente entrambe”.

Leggi tutto

Storie

Ho sbagliato ma non c’è stato abuso

Ho sbagliato, sono pentito, ho commesso un errore in un momento di debolezza», ma «non c’è mai stata alcuna forma di abuso, né fisica né collegata al ruolo, mai alcuna pressione dal punto di vista psicologico o in qualche modo legata alla posizione di insegnante». Si è difeso così, davanti alla commissione disciplinare, il professore milanese ‘cacciatò a vita da tutte le scuole d’Italia, e da ogni possibile impiego pubblico, per avere avuto una relazione di sei mesi con una sua studentessa. A riferirlo, nelle pagine locali, è il Corriere della Sera.

Leggi tutto

Politica

Danimarca: rifugiati delocalizzati in Ruanda e Kosovo

Fanno discutere i criteri di accoglienza dei migranti da parte della Danimarca.

Leggi tutto

Storie

OSTIA INSEGNA: DALL’AFRICA NON SOLO PAURA, MA SPERANZA

La cattedrale della città del cardinale decano vescovo di Ostia, spalla del sommo pontefice: è retta da sacerdoti africani, seguaci di Sant’Agostino, Ostia è centro della cristianità e della cultura delle chiese lidensi

Leggi tutto

Storie

Sudan - Allarme abuso di droghe tra i giovani

Un aumento della criminalità che non ha precedenti nella regione di Kassala, a causa dell’abuso e della disponibilità di droghe, è stato denunciato dal capo del dipartimento della National Campaign to Combat Drugs (NCCD) della città. Il fenomeno è particolarmente diffuso tra i giovani ma al momento non c’è una stima ufficiale sul numero di tossicodipendenti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano