Politica

di Tommaso Ciccotti

Padre Maccalli: “Davanti a Dio non ci sono figli di serie B”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“E’ fondamentale non dimenticare gli ‘anonimus’ che sono vittime di violenza e di sequestri da parte del terrorismo jihadista che imperversa nel Sahel. I nomi di alcuni danno un volto e una storia a popolazioni locali che sono oggi ostaggio di sopraffazioni” scrive all’Agenzia Fides p. Pierluigi Maccalli, sacerdote della società per le Missioni Africane (SMA), che è stato tra le mani di quelle stesse organizzazioni dal 17 settembre 2018 al 9 ottobre 2020 (vedi Agenzia Fides 9/10/2020). “Due di questi nomi sono ‘africani’, uno è Christopher Botha, sudafricano, l’altro è don Joël Yougbaré, burkinabè, del quale non si hanno notizie dal 17 marzo 2019 (vedi Agenzia Fides 20/3/2019).

Il missionario Sma ha riportato la memoria al suo incontro in tempo di prigionia con Christopher Botha. “Ho incontrato personalmente Christopher Botha durante la mia prigionia, lui è stato rapito una settimana dopo di me e l’ho visto arrivare dov’ero tenuto in transito, nel nord del Burkina Faso. Era tutto impolverato quando l’ho visto scendere dal taxi-moto, lui e il suo compagno di sventura, l’indiano Vikram Akoliya (liberato nel gennaio 2020). Quest’ultimo era uno dei dirigenti della miniera d’oro di Inata, in Burkina Faso, in visita alla località e Christopher lo accompagnava in macchina per il sopralluogo. Furono rapiti insieme al loro autista che non venne portato ‘coi bianchi’. Abbiamo parlato e condiviso due notti di attesa… e il suo calvario non è ancora finito” ricorda amareggiato padre Maccalli.

“Don Joel Yougbaré, parroco di Djibo, Burkina Faso, invece non l’ho mai incontrato. Ho saputo del suo sequestro solo dopo il mio rilascio. Ho potuto telefonare al suo Vescovo mons. Laurent Dabiré, per dirgli tutta la mia solidarietà e lui mi ha detto che pensano sia vivo bensì non abbiano avuto riscontri di prove di vita dal suo rapimento avvenuto il 17 marzo 2019.”

Padre Maccalli rivolge il suo appello a mantenere vivo il ricordo di queste persone e conclude dicendo: “non dimentichiamoli, probabilmente fanno parte delle vittime di serie B di un conflitto di serie B, ma davanti a Dio non ci sono figli di serie B. In questo tempo di zoom e reportage quotidiani sulla guerra in Ukraina, aiutiamo l’opinione pubblica a non considerare nessuno ostaggi di serie B.”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/04/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

La gelida propaganda del poliamore fotografato

Nick e Celeste, 35 e 34 anni, si sono incontrati col servizio okCupid. Il partner sessuale primario di Nick è Celeste, ma egli ha altre due partner che vede un paio di volte al mese e ne sta attivamente cercando altre. Nick ha detto a Celeste di amarla occasionalmente con un po’ di imbarazzo, ma anche Celeste ha molti rapporti sessuali con altre persone, con un paio ha una relazione profonda. Nick e Celeste andranno a vivere insieme, quindi stanno cercando di dare un nome alla loro relazione: sono compagni statisticamente significativi.

Leggi tutto

Storie

La storia della giornalista incinta aiutata dai talebani

Se quando sei incinta e non sposata essere ospitata dai talebani ti sembra un rifugio sicuro, vuol dire che sei messa male”. Inizia così il racconto della storia “brutalmente ironica” capitata alla giornalista neozelandese Charlotte Bellis.

Leggi tutto

Politica

Conflitto in Ucraina: una via per la pace

Vogliamo mettere la parola “pace” sopra e dentro tutte le altre parole. Intervista di Mirko De Carli, consigliere nazionale del Popolo della Famiglia e delegato per i rapporti con l’Europa, consigliere nazionale Anci e consigliere comunale a Riolo Terme (Ra)

Leggi tutto

Storie

Ucraina, neppure la guerra ferma il mercato delle madri surrogate

L’Ucraina, la seconda meta mondiale per numero di neonati commissionati da coppie committenti ad aziende che gestiscono centinaia di “mamme in affitto” cerca di tranquillizzare i “clienti”

Leggi tutto

Storie

Angelina Jolie el Bambin Gesù per i bimbi ucraini

Angelina Jolie è ambasciatrice di “buona volontà” dell’Alto commissariato per i rifugiati (Unhcr) e delle Nazioni Unite dal 2001. Per l’organizzazione ha girato il mondo visitando campi profughi e portando aiuti alle popolazioni ferite da guerre e carestie.

Leggi tutto

Media

OSTIA, AL X MUNICIPIO IL FILM ‘UNPLANNED”

Unplanned - Cinema San Timoteo, 10 Maggio ore 18 e ore 21 (Via Apelle 1, Casal Palocco), proiezione di “Unplanned”: si stralcia la maschera dell’ipocrisia globalista sul X Municipio di Roma. Una storia vera che sta ‘terremotando’ gli Stati Uniti e i Paesi dell’occidente cosiddetto mondo iper civilizzato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano