Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Benedetto XVI ha compiuto 95 anni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Era il 16 aprile 1927 – un Sabato Santo – quando Joseph Ratzinger, poi Papa Benedetto XVI, nacque nella cittadina bavarese di Marktl am Inn. E anche quest’anno il suo compleanno è caduto il giorno della Vigilia della Santa Pasqua. La sua vita riempie una biografia secolare, la sua personalità ha profondamente plasmato la Chiesa e la teologia, come sottolinea l’arcivescovo Georg Gänswein, segretario privato di Benedetto XVI. “Il Papa Emerito - dice - è di buon umore, naturalmente è fisicamente relativamente debole e fragile, ma piuttosto lucido”.

95 anni è un’età importante. Non si è celebrata una festa, aveva fatto sapere monsignor Gänswein, poiché il Sabato Santo, è “il giorno che esprime il riposo sepolcrale di Cristo”. Riposo anche per la domenica di Pasqua, ovviamente, aggiunge, “è prevista la celebrazione liturgica. Poi, durante la settimana di Pasqua, delegazioni più piccole e alcune persone verranno a porgere i loro auguri”. Monsignor Gänswein ricorda la visita di Papa Francesco al monastero Mater Ecclesiae nei Giardini Vaticani per gli auguri, lo scorso 13 aprile, una visita anticipata – rimarca – dato che il Sabato Santo è “un giorno molto impegnativo per Francesco”. Da qualche tempo, racconta ancora monsignor Gänswein, il Papa Emerito non celebra più la Pasqua come celebrante principale, semplicemente “perché non ha più la forza di stare sempre in piedi e non ha più la forza nella voce. Tuttavia - precisa - segue la liturgia, vi partecipa concelebrando, con grande enfasi interiore. Ne trae anche nuova forza, giorno dopo giorno, per la sua vita”.

In generale, la routine quotidiana al monastero Mater Ecclesiae, spiega monsignor Gänswein, “non è cambiata da quando il Papa è diventato Emerito. Inizia sempre con la parte più importante della giornata, la mattina presto, cioè la Santa Messa e le preghiere del Breviario. Poi il momento della colazione e una pausa. Quindi Benedetto XVI si dedica alla corrispondenza e alle letture del mattino. Ogni tanto c’è spazio per la musica, fino all’ora del pranzo”. Ancora, nel pomeriggio, un momento per un breve riposo e, di tanto in tanto, per accogliere le persone in visita. Tutto dipende - conclude monsignor Gänswein - da come il Papa Emerito si sente. Nel pomeriggio non manca la “piccola passeggiata nei Giardini vaticani con la recita del Rosario, ma seduti”. La giornata si conclude quindi dopo cena con il telegiornale in italiano e con “la preghiera della sera”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/04/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

La Cei e la catastrofe antropologica

La prolusione di Bagnasco passa in rassegna una serie di leggi e ddl che costituiscono una ferita mortale la famiglia. Che via d’uscita indica la Chiesa italiana?

Leggi tutto

Società

Hadjadj: non scegliete il male minore

L’Italia è chiamata al referendum su una riforma costituzionale molto pervasiva; la Francia
vede prepararsi le elezioni con i cattolici che propendono (come avviene anche nel Belpaese) per il
centrodestra, diviso oggi tra liberalconservatori e nazionalisti duri e puri. Il filosofo Fabrice Hadjadj,
intervistato da Famille Chrétienne, invita a «tracciare un sentiero nel mezzo di Mordor»

Leggi tutto

Storie

Charlie è ancora vivo

Le autorità inglesi in Italia hanno risposto e hanno dato l’e-mail dell’ospedale. [email protected]
Mandiamo migliaia di e-mail gentili ma forti tipo
Britain is a civilised country and cannot allow the killing of an innocent baby.
The day Charlie would be killed would be a very sad day for Britain and every Briton should feel ashamed,
Do not allow it, Charlie could be your son,
Le autorità inglesi in Italia hanno risposto e hanno dato l’e-mail dell’ospedale. [email protected]
Mandiamo migliaia di e-mail gentili ma forti tipo
La Gran Bretagna è un paese civile e non può permettere l’uccisione di un bambino innocente.
Il giorno in cui charlie sarebbe stato ucciso sarebbe stato un giorno molto triste per la Gran Bretagna e tutti gli inglesi avrebbero dovuto vergognarsi.
Non lo permetta, Charlie potrebbe essere suo figlio.

Leggi tutto

Chiesa

Il convegno di Siracusa raccontato da chi c’è stato

Oltre i soliti zelanti allarmismi di certo mondo reazionario si erge la parrhesía di Antonio Staglianò

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il sesso

Papa Francesco ha detto la sua su un tema molto delicato: il sesso. Le nostre cadute spirituali, le nostre debolezze, ci portano a usare la sessualità al di fuori di questa strada tanto bella, dell’amore tra l’uomo e la donna. Ma sono cadute come tutti i peccati. La bugia, l’ira, la gola… sono peccati: peccati capitali

Leggi tutto

Politica

Che fare ora che i fatti sono chiari

I risultati di Gela – dove il PdF ha raccolto un 5,64 alle amministrative e un 8,75 alle europee – mostrano che se è radicato nel territorio in sinergia con l’associazionismo e gli enti ecclesiastici un movimento politico di ispirazione cristiana ha un suo spazio politico, nel nostro contesto, stimabile attorno all’8/10%. Quel che resta da fare è operare concretamente per fare ciò che va fatto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano