Politica

di Roberto Signori

Def, la maggioranza prova ad alzare la posta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La maggioranza continua a incalzare il governo e prova ad alzare al massimo la posta sulle misure da adottare per attutire il più possibile su famiglie e imprese le ricadute del caro energia, del conflitto ucraino e del perdurare della pandemia. E nella prima bozza di risoluzione sul Def preparata alla Camera, destinata però ad essere alleggerita e ritoccata prima del voto nelle Aule di Montecitorio e Palazzo Madama in programma mercoledì 20 aprile anche per giungere una non facile mediazione, le forze politiche tornano a invitare Palazzo Chigi a valutare uno scostamento di bilancio.

Ma nel lungo elenco di richieste ci sono anche ulteriori rateizzazioni per le cartelle esattoriali, nuove interventi per contenere il prelievo fiscale, con la sollecitazione all’esecutivo di tenere conto delle conclusioni cui sono giunte la commissioni Finanze di Camera e Senato nella loro indagine conoscitiva sulla riforma fiscale, l’estensione del superbonus e la prosecuzione dell’azione contro il caro-bollette. E tra gli altri “compiti” da assegnare all’esecutivo ci sarebbero il completamento del Pnrr, l’irrobustimento della dote destinata a scuola e cultura, il potenziamento della riforma degli ammortizzatori sociali e lo sviluppo di quelle collegate a sanità e Welfare.

La richiesta di quasi tutti i partiti che sostengono l’esecutivo è la stessa da settimane: agire senza indugio sulla leva del deficit. Un’eventualità verso la quale Draghi si è sempre mostrato molto freddo anche a causa delle ripercussioni provocate dalla crisi energetica e dalla guerra sul cosiddetto “spread” in un momento in cui la Bce sta cominciando a muoversi con molta cautela. Ma la maggioranza insiste, e nella prima bozza di risoluzione al Def si invita il governo, «qualora si verifichi un peggioramento dello scenario economico e le risorse disponibili non fossero sufficienti a garantire misure per la promozione di una crescita economica più elevata e sostenibile, nonché il sostegno di famiglie e imprese a valutare l’opportunità di presentare al Parlamento una Relazione ai sensi dell’articolo 6, della legge 24 dicembre 2012, n. 243», ovvero una richiesta ad autorizzare un nuovo scostamento di bilancio. Contemporaneamente il nostro Paese, insieme agli altri Stati membri della Ue, dovrebbe convincere Bruxelles a rivedere il Patto di stabilità e crescita e ad agire per l’attivazione di un Fondo energetico europeo straordinario contro il caro energia anche in ottica di una più marcata autonomia energetica.

Nella prima bozza di risoluzione sul Def la maggioranza non dimentica il Pnrr. In particolare, il governo viene invitato «a dare piena attuazione, secondo le cadenze stabilite, a tutti gli interventi e obiettivi fissati dal Pnrr, rafforzando l’impegno di tutte le amministrazioni e di tutti gli altri soggetti coinvolti nella realizzazione del Piano».

Secondo i partiti che sostengono l’esecutivo, Palazzo Chigi dovrebbe anche tenere «adeguatamente conto» dei risultati dell’indagine conoscitiva delle commissioni Finanze sulla riforma del fisco e sarebbe necessario proseguire il lavoro sulla delega fiscale «in uno spirito di piena collaborazione su un tema di così grande valenza politica». Per la maggioranza sarebbero poi auspicabili «ulteriori misure di intervento sul complesso del prelievo» e sarebbe opportuno orientare la riforma con l’obiettivo di semplificare il sistema e di ridurre complessivamente la pressione fiscale.

Quello della maggioranza è un pressing a tutto campo. Come conferma la richiesta di «definire un nuovo piano per la rateizzazione della riscossione dei tributi relativi alle cartelle di pagamento già emesse che, consentendo ai contribuenti una consistente dilazione del pagamento per le somme ancora dovute, sia pertanto suscettibile di favorire condizioni di stabilità finanziaria per famiglie e imprese».

Tra le priorità indicate nella prima bozza di risoluzione sul Def c’è pure la proroga del Superbonus per le unità abitative unifamiliari e la richiesta di sciogliere il nodo della quota del 30% dei lavori da completare entro la scadenza prevista, oltre a quella di valutare la posssibilità di frazionare la cessione del credito per importo e annualità.

Le sollecitazioni al governo non si esauriscono qui. La maggioranza guarda alla necessità di «potenziare il sistema degli ammortizzatori sociali», oggetto della recente riforma targata Orlando, e chiede di incrementare le risorse per scuola, università e cultura. Sempre la maggioranza non dimentica la transizione ecologica, da estendere a trasporti e logistica e reclama più attenzione all’edilizia residenziale pubblica e al fondo nazionale per il sostegno degli affitti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/04/2022
0112/2022
Sant'Ansano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Se le nozze le fissa il commercialista

Nel 2015 i matrimoni sono aumentati, ma i divorzi sono schizzati in su con un +57% rispetto al 2014, evidentemente a causa della novella legge sul divorzio breve. Gli ospiti, con la leggerezza che si addice ad uno studio televisivo come questo, hanno sparato in libertà diverse impressioni personali sul tema: si è detto che sposarsi giovani è un male, perché il matrimonio è un impegno serio, per cui l’aumento dell’età media per convolare a nozze è una cosa buona; bisogna sposarsi quando arriva il momento giusto, salvo poi che questo momento giusto non lo sa definire nessuno.

Leggi tutto

Media

Vogliono tornare all’EIAR

Ho lavorato per molti anni in Rai e ne conosco bene il terribile sport che accomuna l’ipertrofica pianta organica dei dipendenti e dirigenti dell’azienda: fiutare il vento e piazzare la vela in conformità. Per chi ama la libertà delle idee è qualcosa che ti fa mancare l’aria, io mi dimisi addirittura da un contratto a termine, comprendo perfettamente la decisione di Milena Gabanelli di autosospendersi davanti all’umiliazione, come quella di Giletti e Floris (altro sgradito, molto sgradito a Renzi) di andarsene a La7.

Leggi tutto

Politica

Se non mentendo

Stanchi di leggere ricostruzioni fantasiose dei fatti recenti riguardanti il PdF, una volta e per tutte per i pochi interessati li narriamo per come sono avvenuti, in termini oggettivi non contestabili.

Leggi tutto

Politica

La vittoria disonorata degli anticasta

Cosa è successo in questi dieci anni? Che il sistema politico si è affidato a ogni formula possibile: governo di centrodestra, tecnico di unità nazionale, centrodestra-centrosinistra, nuovocentrodestra-Pd, gialloverde, giallorosso. Qualsiasi formula ha ripetuto lo schema del tentare di massimizzare dalla posizione di potere il proprio consenso politico, allo stesso tempo annullando completamente qualsiasi procedura democratica interna ai partiti. Insomma, i vittoriosi anticasta di quel 2007 ribollente in pochissimi anni si sono fatti casta loro stessi

Leggi tutto

Politica

Ragionando ancora un po’sull’astensionismo

Ancora una volta il vero vincitore di queste elezioni è il partito astensionista. I motivi per cui metà o più degli italiani non vada a votare possono essere i più vari. Ma uno credo sia comune a tutti loro: la convinzione che comunque non cambierà nulla

Leggi tutto

Società

L’INSOPPORTABILE PIAGNISTEO DEI PANCIAPIENA E I LORO SUBDOLI INTENTI

In questi giorni tutte le prime donne della nota lobby filomassonica si sono messe a piagnucolare per l’esito negativo della votazione al senato sul liberticida DDL Zan. Gli duole parecchio il fatto di non essere riusciti a schiaffarci nelle patrie galere, non riescono a farsene una ragione. Ma non demordono e si sono messi alacremente a cannoneggiare smascherando i loro subdoli intenti. Abbiamo vinto una battaglia ma non la guerra, occorre proseguire nella lotta.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano