Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco e l’incontro con Orban

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È durata 40 minuti l’udienza del Papa a Viktor Orbán, primo ministro dell’Ungheria, Paese del quale Francesco ha riconosciuto l’opera di protezione e accoglienza a favore dei profughi in fuga dall’Ucraina. Arrivato in Vaticano poco prima delle 11, accompagnato dalla moglie e da un seguito di tre persone.

L’udienza nella Biblioteca Apostolica è iniziata alle 11.05. “Sono contento della sua presenza qui”, ha detto il Papa facendo accomodare al tavolo l’ospite. Il colloquio, alla presenza di un interprete, è andato avanti fino alle 11.45. “Dio la benedica, benedica la sua famiglia e l’Ungheria”, ha detto il Pontefice in inglese, salutando il premier. Che, sempre in inglese, ha replicato: “Noi la aspettiamo”, lasciando intendere l’invito a visitare l’Ungheria. Tramite il portavoce Zoltan Kovacs, il primo ministro, a margine dell’incontro ha fatto sapere di aver chiesto a Papa Francesco di “sostenere i nostri sforzi per la pace”.

Orbán è al suo primo viaggio dopo la nuova vittoria elettorale del 3 aprile scorso: il partito Fidesz ha ottenuto la quarta maggioranza parlamentare consecutiva di due terzi alle elezioni. “Il mio primo viaggio ufficiale dopo le elezioni mi porterà in Vaticano, da Papa Francesco”, riferiva ieri lo stesso Orbán tramite il suo account Facebook, da dove oggi ha pubblicato la foto della stretta di mano con il Pontefice. Quattro anni fa, dopo le elezioni del 2018, il primo viaggio era stato a Varsavia.

Diversi i doni consegnati da Orbán al Pontefice: due libri, di e su Béla Bartók, compositore ungherese ed esperto di musica. “Se la sente, ci ascolta”, ha detto il leader politico. Poi ha consegnato una raccolta di dischi di musica lirica e un volume del 1750 con l’Ufficio delle Ore per la Settimana Santa in inglese e latino.

Il Pontefice ha ricambiato con una formella in bronzo raffigurante San Martino di Tours - originario della Pannonia, l’odierna Ungheria - nell’atto di proteggere il povero donandogli una parte del proprio mantello. E proprio presentando questo regalo, il Papa ha commentato: “Questo l’ho scelto per lei, San Martino che è ungherese, e ho pensato che voi ungheresi in questo momento state ricevendo tutti questi profughi”. In dono da parte del Papa anche i documenti del pontificato, il Messaggio per la Giornata mondiale della Pace di quest’anno, il Documento sulla Fratellanza Umana, siglato nel 2019 ad Abu Dhabi, e il libro edito da LEV sulla Statio Orbis del 27 marzo 2020..

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/04/2022
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

IMMORTALE ODIUM, IL LATO OSCURO DEL RISORGIMENTO

Nuova edizione del romanzo storico di Rino Cammilleri dedicato all’impresa nefasta dei massoni ottocenteschi di buttare nel Tevere la salma di Pio IX. Il libro torna in questi giorni nelle librerie con una nuova edizione e con un sottotitolo che è tutto un programma: “Una catena di delitti una setta misteriosa un complotto infernale”

Leggi tutto

Chiesa

Febbraio 1945: Bosnia Erzegovina: i 30 martiri di Široki Brijeg

Durante la dominazione turca della Bosnia-Erzegovina, dodici francescani originari dell’Erzegovina e provenienti da Kresevo in Bosnia, decisero di costruire un monastero nella loro terra d’origine, come segno della fede, e scelsero la località di Široki Brijeg. Si sistemarono in questo piccolo villaggio e, dopo aver comprato un caro prezzo un grande appezzamento di terreno, iniziarono a costruire la chiesa dedicandola alla Madonna Assunta in Cielo. Subito iniziarono anche i lavori per edificare il monastero e successivamente un edificio da adibire a seminario.

Leggi tutto

Chiesa

Quanta Ostia “sugli altari della “mensa” di Dio

Dalla Cattedrale della Basilica di Sant’Aurea fino alla chiesa di Regina Pacis e Santa Monica, nel Servizio presso l’altare: i “riti” della chiesa, Ostia in prima linea: servirli, capirli, crescerci.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Pio XII e l’olocausto

Papa Pacelli salvò personalmente almeno 15 mila persone di religione giudaica e seppe dettagliatamente quanto stava accadendo nel cuore dell’Europa. Lo afferma lo storico tedesco Michael Feldkamp con le prove raccolte negli archivi vaticani

Leggi tutto

Chiesa

Eutanasia, stop referendum. Accademia per la Vita: saggezza etica e giuridica

In attesa del deposito della sentenza, l’Istituzione pontificia insieme ai vescovi italiani prende atto con favore del pronunciamento della Consulta.

Leggi tutto

Chiesa

Parolin: stop alla guerra

Il segretario di Stato dialogando con alcuni giornalisti italiani: “Allargare il conflitto sarebbe una catastrofe gigantesca”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano