Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco: “bisogna fermare la guerra”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Sono pronto a fare tutto per fermare la guerra». Nell’intervista al quotidiano argentino «La Nación», pubblicata giovedì 21 aprile, Papa Francesco non ha fatto ricorso a giri di parole per riaffermare la priorità di arrivare alla pace in Ucraina. Al giornalista Joaquín Morales Solá, Francesco ha confermato che «ci sono sempre» sforzi per arrivare alla pace: «Il Vaticano non riposa mai. Non posso raccontarle i dettagli perché non sarebbero più sforzi diplomatici. Ma i tentativi non cesseranno mai».

Interpellato riguardo alla visita compiuta, la mattina del 25 febbraio, all’Ambasciata della Federazione Russa presso la Santa Sede, in via della Conciliazione, il Papa ha affermato: «Sono andato da solo. Non ho voluto che nessuno mi accompagnasse. È stata una responsabilità mia personale. È stata una decisione che ho preso in una notte di veglia pensando all’Ucraina. È chiaro per chi vuole vedere le cose così come sono che stavo indicando al governo che può porre fine alla guerra immediatamente. A essere sincero, volevo fare qualcosa perché non vi fosse una sola morte in più in Ucraina. Nemmeno una in più. E sono disposto a fare di tutto».

E sulle motivazioni che hanno scatenato la guerra, il Pontefice ha detto: «Ogni guerra è anacronistica in questo mondo e a questo livello della civiltà. Perciò ho baciato pubblicamente la bandiera dell’Ucraina. È stato un gesto di solidarietà verso i suoi morti, le sue famiglie e quanti sono stati costretti a emigrare». Inoltre, sulla possibilità di un suo viaggio a Kiev il Pontefice ha spiegato: «Non posso fare nulla che metta in pericolo obiettivi superiori, che sono la fine della guerra, una tregua, o quantomeno un corridoio umanitario. A cosa servirebbe che il Papa andasse a Kiev se la guerra il giorno dopo continuasse?».

«Perché non nomina mai Putin o la Russia?». A questa domanda del giornalista, Francesco ha risposto: «Un Papa non nomina mai un capo di Stato e tanto meno un Paese, che è superiore al suo capo di Stato». Francesco ha parlato anche del rapporto «molto buono» e di un possibile incontro con il Patriarca di Mosca, Kirill. «Mi dispiace che il Vaticano abbia dovuto annullare un secondo incontro con il patriarca Kirill, che avevamo programmato per giugno a Gerusalemme. Ma la nostra diplomazia ha ritenuto che un incontro tra noi in questo momento potesse portare molta confusione. Io ho sempre promosso il dialogo interreligioso. Quando ero arcivescovo di Buenos Aires ho riunito in un fruttuoso dialogo cristiani, ebrei e musulmani. È stata una delle iniziative di cui vado più orgoglioso. È la stessa politica che promuovo in Vaticano. Come mi avrà sentito dire molte volte, per me l’accordo è superiore al conflitto».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/04/2022
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Vaticano, dall’8 dicembre la Mostra 100 presepi

Proseguono le iniziative culturali del Dicastero per l’Evangelizzazione in preparazione all’Anno Santo 2025. La terza mostra in programma è l’esposizione internazionale di 120 opere di numerosi artigiani raffiguranti la scena della Natività provenienti da tutto il mondo

Leggi tutto

Storie

Onu: la guerra affama il Myanmar

È l’allarme lanciato dalle Nazioni Unite nel rapporto 2023 sulla situazione in Asia e Pacifico. Il conflitto fra giunta militare e ribelli - che guadagnano sostegno fra la popolazione - alimenta insicurezza alimentare, paralisi economica e devastazioni. Le necessità attuali superano di 19 volte quelle precedenti il golpe del 2021. Due milioni gli sfollati.

Leggi tutto

Politica

Ulteriori approfondimenti

Mi scervello sugli “ulteriori approfondimenti” proposti dal cardinale Parolin rispetto alla benedizione delle coppie gay, evidente tentativo di mediazione tra le fazioni in lotta dopo Fiducia Supplicans. Il metodo è “palla in tribuna”, perdita di tempo in un modo rozzo di giocare che non a caso è noto come “viva il parroco”. E se questo è lo schema, mi viene da fare un intervento a gamba tesa.

Leggi tutto

Storie

Filippine, Madonna della Pace e del Buon Viaggio è santuario internazionale

È una statua che ha attraversato sei volte il pacifico, che viene dal Messico e che è considerata miracolosa. Il santuario che la ospita è diventato santuario internazionale, il primo delle Filippine

Leggi tutto

Società

ADESSO CHIEDIAMO A GHALI

Oggi Aldo Grasso in prima pagina sul Corriere della Sera chiede al cantante Ghali di difendere il diritto della cantante israeliana Eden Golan di partecipare all’Eurovision con il suo brano Pioggia di ottobre, chiaro riferimento alla strage del 7 ottobre operata dai palestinesi di Hamas. Ghali è di origine tunisina, è partito gridando “stop al genocidio” sul palco di Sanremo, poi da Fabio Fazio si è acconciato ad un più generico “stop alla guerra”, ora un critico tv vuole trasformarlo in un eroe della libertà d’espressione per tutti, israeliani compresi. Non può accadere. Il professor Tomaso Montanari, un Ghali degli accademici che certamente pensa che Israele stia portando avanti un genocidio a Gaza, è stato duramente contestato da studenti filopalestinesi che lo hanno definito “suprematista bianco, razzista, colonialista” per non aver sostenuto il boicottaggio delle università israeliane. A Ghali farebbero molto di peggio se si mettesse a caldeggiare la partecipazione della collega israeliana

Leggi tutto

Chiesa

Wojtyla, il Papa della famiglia

Antologia del magistero di San Giovanni Paolo II sui temi della famiglia, a dieci anni dalla morte

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano