Storie

di Nathan Algren

2022, già 127 episodi di violenza contro i cristiani in India

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono almeno 127 gli episodi di violenza contro i cristiani in India registrati nei primi 103 giorni del 2022: lo afferma un rapporto diffuso dallo United Christian Forum (UCF), organizzazione ecumenica con sede a New Delhi. Nel testo inviato all’Agenzia Fides, e pubblicato il Venerdì Santo, l’organismo che monitora le violenze contro i cristiani spiega che gli incidenti sono stati registrati dall’apposito “Numero verde”, linea telefonica messa a disposizione del pubblico.

“Oggi, 15 aprile , più di duemila anni fa Gesù fu perseguitato e crocifisso in questo giorno. I seguaci di Gesù sono ancora oggi perseguitati in alcune parti del mondo, inclusa l’India, dove gruppi di persone diffondono odio contro le minoranze per i loro guadagni politici”, sottolinea, in una nota inviata a Fides, il cattolico A.C. Michael, coordinatore nazionale dell’UCF.

“La persecuzione dei cristiani in India si sta intensificando, il che porta a una violenza sistematica e attentamente orchestrata contro i cristiani, compiuta anche con l’uso dei social media, usati per diffondere disinformazione e fomentare l’odio”, afferma Michael, ricordando che nel 2021 sono stati 502 gli episodi di violenza anticristiana segnalati.

Secondo il rapporto a gennaio 2022 si sono verificati 40 incidenti, 35 incidenti a febbraio, 34 a marzo, altri ad aprile, e si tratta solo di quelli denunciati. Sono 89 i Pastori o parroci malmenati e minacciati di ritorsioni se continuano a condurre preghiere e liturgie. Ben 68 chiese sono state attaccate , 367 donne e 366 bambini hanno riportato ferite. Su 127 incidenti, 82 sono stati violenze di massa, compiute da una folla di militanti.

In seguito alle violenze, 42 sono le cause pendenti in vari tribunali che contestano la validità costituzionale del cosiddetto “Freedom of Religion Act”, provvedimento presente in diversi stati indiani, usato per accusare falsamente i missionari e i Pastori di compiere “conversioni religiose forzate”, ha spiegato Michael, ex membro della Commissione per le minoranze di Delhi. Fino ad oggi, ha notato, nessun cristiano è stato condannato per aver costretto qualcuno a convertirsi.

Inoltre, ricorda l’UCF , i censimenti compiuti in India negli anni scorsi dimostrano che la popolazione cristiana è rimasta la stessa. Secondo i dati del censimento del 2011 - l’ultimo ufficiale - he il 79,8% degli 1,38 miliardi di abitanti dell’India è indù, il 14,2% musulmano e il 2,3% è cristiano.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/04/2022
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Attacchi in Nigeria: oltre 200 vittime

Gli episodi sono avvenuti nello Stato di Zamfara, forse in risposta a un’azione governativa dei giorni scorsi. Liberati intanto a sud 30 studenti rapiti dai terroristi

Leggi tutto

Società

Sri Lanka nel caos

Dopo settimane di proteste, anche violente, antigovernative, ieri il primo ministro Rajapaksa si è dimesso a conclusione di una sanguinosa giornata di dimostrazioni che ha causato 5 morti e quasi 200 feriti

Leggi tutto

Storie

India - Insegnanti cristiane arrestate

Si tratta di due sorelle che vivono nel villaggio di Sirsanal. Ad accusarle un’altra donna.

Leggi tutto

Politica

Sinistra e femministe non si indignano delle violenze commesse da immigrati

“Strano” mondo quello di sinistra e femministe

Leggi tutto

Storie

Pakistan - Stuprata perché cristiana una bambina di 7 anni

Da inizio anno ad aprile di quest’anno in Pakistan - secondo gli attivisti per i diritti umani - sono stati registrati più di 10mila casi di violenza sulle donne, soprattutto verso le appartenenti a minoranze religiose o etniche

Leggi tutto

Storie

India - Il pellegrinaggio a piedi a Sancoale apre la Quaresima di Goa

Da cinque luoghi diversi in un cammino penitenziale nella notte sulle orme di san Giuseppe Vaz. Il card. Felipe Neri Ferrao: “Un gest per mettere al primo posto Dio, che ci ha donato la vita, e vivere in modo disinteressato per il bene degli altri”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano