Storie

di Nathan Algren

Etiopia - Una fattoria comunitaria per le famiglie

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La siccità e l’aumento dei prezzi stanno causando problemi di salute dovuti alla mancanza di cibo nella popolazione dell’Etiopia e il 70% delle famiglie nella città di Emdibir non è in grado di mettere il cibo in tavola: dalla consapevolezza di queste difficoltà nasce l’appello di “Catholic Mission”, Direzione nazionale delle Pontificie Opere Missionarie in Australia, che intende contribuire alla realizzazione di una fattoria comunitaria nell’Etiopia centrale.

“La Chiesa e la comunità di Emdibir hanno collaborato alla progettazione di un centro di allevamento di capre, per raggiungere le famiglie con disperato bisogno di cibo”, spiega in una nota padre Brian Lucas, direttore di “Catholic Mission”.
Il centro di allevamento di capre sarà un’estensione della Fattoria Deberety a Embidir, aperta per la prima volta dal parroco locale, padre Habtesilassie Antuan, nel 2018. Conosciuto come padre Habte, è cresciuto egli stesso a Emdibir, sperimentando in prima persona l’agricoltura di sussistenza. La fattoria coltiva prodotti come l’enset, un frutto robusto simile a una banana, avocado e caffè. Ma i prodotti attuali della fattoria semplicemente non sono sufficienti per sostenere il villaggio.

Per raggiungere un maggior numero di famiglie, don Habte e la comunità vogliono ampliare l’azienda per includere un centro di allevamento di capre e produrre latte. “Molti agricoltori non sanno che il latte di capra è disponibile. In secondo luogo, ci sono molti bambini malnutriti. La maggior parte del cibo viene da qui. Enset è un carboidrato. Non è cibo per bambini”. Più nutriente e conveniente del latte di mucca, il latte di capra può aiutare a fornire una sana fonte di cibo, che può anche essere trasformato in alimento base, come formaggio e burro. Oltre alle famiglie di Emdibir, il latte sarà fornito alle cliniche sanitarie locali per programmi nutrizionali. Il latte in eccesso prodotto sarà venduto ad altre regioni. “Rispondere al bisogno del nostro prossimo è il cuore della missione e questo allevamento può portare speranza a molte famiglie bisognose”, conclude padre Lucas.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/04/2022
0110/2022
S. Teresa di Gesù bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

USA - New York e libri per bimbi

Il Dipartimento dell’Educazione dello Stato di New York ha promosso il libro della fumettista Maia Kobabe, ‘Gender Queer: a Memoir’, che secondo quanto si apprende contiene disegni espliciti di adolescenti che fanno ogni tipo di attività sessuale.

Leggi tutto

Società

Malta barriera contro l’aborto

Prima delle elezioni, il gruppo pro-vita ‘Life Network Foundation Malta’ aveva condotto un’importante campagna di sensibilizzazione sul tema, chiedendo ai partiti di rendere chiare all’elettorato le loro posizioni sull’aborto e l’eutanasia, ponendo una serie di domande pubbliche a tutti i partiti e ai loro leader.

Leggi tutto

Chiesa

Famiglie: prossima tappa speciale a Roma per il Giubileo 2025

L’annuncio del Cardinale Farrell, l’XI meeting si svolgerà poi nel 2028

Leggi tutto

Politica

LA NOSTRA PRIMA FINANZIARIA IN TRE SEMPLICI MOSSE

Le ricette economiche più impattanti non necessitano di grandi manovre o complicati sistemi di ricalcolo fiscale: c’è solo bisogno di poche e semplici mosse capaci di innescare un virtuoso volano per le famiglie italiane e le loro imprese.

Leggi tutto

Chiesa

Ecco chi c’era al “sinodo-ombra” di maggio

Esce un libro in cui i “docenti di teologia” del conciliabolo in Gregoriana vengono allo scoperto, con nomi (sconosciuti),
numeri (risibili) e tesi (le solite). E le minacciose ombre proiettate sul cinematografo di Repubblica svaniscono d’incanto

Leggi tutto

Società

Spiegare a Vauro ciò che non gli è chiaro

Il guaio grosso è che i genitori sostengono che l’ospedale menta sulle reali condizioni del bambino, quindi dalle cartelle cliniche non c’è da aspettarsi grandi novità: non ci vuole molto a ritoccare la misura della circonferenza cranica, ad esempio, per dimostrare che Charlie non è cresciuto negli ultimi mesi. *Marwa** *Bouchenafa tre mesi fa si è trovata in una situazione del tutto analoga a quella di Charlie: i dottori francesi volevano sospenderle la ventilazione e i genitori invece volevano mantenerla e, per il momento, è ancora viva grazie ad una decisione (sempre in bilico) dei giudici francesi. La sua famiglia, quando ha visto che aria tirava in ospedale, ha cominciato a presidiare la stanza e a filmare ogni giorno la piccola, a misurarla per conto proprio, cioè a radunare evidenze scientifiche sul suo stato di salute indipendenti dall’ospedale. E grazie a questo lavoro meticoloso sono riusciti a strappare ai giudici la sentenza favorevole.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano