Chiesa

di Nathan Algren

Monsignor Nahra, ‘vero libanese’ e uomo ‘di frontiera’

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nato in Egitto, a Ismailia il 27 gennaio 1959, cresciuto in Libano, realizzatosi in Francia e maturato pienamente in Terra Santa, mons. Rafic Nahra è un vero libanese. Un uomo di apertura e di dialogo, tratto distintivo che sa estendersi a seconda delle occasioni pur senza mai spezzarsi, e che è capace di adattarsi pur senza mai cambiare natura, una risorsa preziosa che il patriarcato latino di Gerusalemme può vantarsi di annoverare fra le proprie fila dallo scorso 30 aprile a Nazareth, con l’ordinazione episcopale.

Libanese e maronita per nascita, il 63enne p. Rafic Nahra è stato ordinato vescovo ausiliare del Patriarcato latino di Gerusalemme sabato 30 aprile all’interno della basilica dell’Annunciazione, a Nazareth (Galilea-Israele). A presiedere la celebrazione eucaristica è stato il patriarca latino di Gerusalemme, Pierbattista Pizzaballa.

Ben radicato e saldo nella lettura della Bibbia e alla vita fraterna che anima la vita delle Chiese e dei movimenti ecclesiali del Libano, mons. Rafic Nahra si considera ben volentieri “un uomo attratto dalle frontiere”. Egli arriva in Francia nel 1979, all’età di 20 anni, dopo due di studi in ingegneria che vengono però interrotti dalla guerra. Titolare di una borsa di studio, egli “realizza” ponti e strade, poi inizia a lavorare. Tuttavia poco dopo, Cristo lo corteggia a lungo e poi lo invita ad abbandonare ponti, marciapiedi e meccanica dei suoli per renderlo prima di tutto costruttore di ponti fra persone, comunità e popoli.

Nella sua nuova funzione episcopale, il vescovo Nahra si occuperà più specificamente dei cattolici latini di lingua araba, che rappresentano circa 17mila persone in Israele. In precedenza, entrato in seminario nel 1987 e sacerdote della diocesi di Parigi dal 1992, egli si era messo a disposizione nel 2016 del patriarcato latino di Gerusalemme, che lo aveva nominato vicario patriarcale per i cattolici di lingua ebraica, un incarico a una responsabilità a cui si era aggiunta anche quella di coordinatore e responsabile della pastorale dei migranti.

Appassionato di dialogo ebraico-cristiani, nel 2004 è inviato dal card. Lustiger, egli stesso di origine ebraica, nella città santa per proseguire gli studi all’università ebraica di Gerusalemme. Questi studi saranno coronati nel 2016 da un master in Pensiero Giudaico, poi da un dottorato in letteratura giudeo-araba. Queste qualifiche gli valgono la direazione, fra il 2008 e il 2011, del dipartimento di ricerca “ebraismo e cristianesimo” del collegio dei Bernardini, a Parigi. E a Gerusalemme, mentre presta servizio con bambini palestinesi o nella parrocchia maronita di Gerusalemme, entra in relazione anche con la comunità cristiana di lingua ebraica di Israele, che ammonta a poche centinaia di persone.

Il patriarca Pizzaballa ha celebrato l’ordinazione episcopale, assieme a mons. William Shomali, vicario generale per Gerusalemme e la Palestina, e mons. Thibault Verny, vescovo ausiliare di Parigi, oltre alla presenza di mons. Adolfo Tito Yllana, nunzio apostolico in Terra Santa. Vi erano anche presenti il patriarca emerito Michel Sabbah e p. Francesco Patton, custode di Terra Santa e da poco confermato nell’incarico da papa Francesco.

Mons. Nahra saprà certamente soddisfare tutte le aspettative del suo patriarca il quale, come ultima raccomandazione, gli ha rivolto queste parole: “Una cosa ti verrà chiesta prima della tua unzione: ami il Signore? [...] La testimonianza che la Chiesa si aspetta da te è soprattutto questa”. E questo aspetto non sarà certo difficile da soddisfare per lui. Per abbracciare appieno la chiamata del Signore, egli ha voltato le spalle a un brillante futuro professionale, che gli avrebbe certo aperto tutte le porte, preferendo invece entrare nel seminario di Parigi nel 1987.

Pur conoscendo la sua preferenza per il lavoro pastorale, il patriarca lo ha anche raccomandato di agire come un buon amministratore, nonché “di essere un padre per sacerdoti e fedeli”. Al contempo, lo ha anche avvertito di “non confondere la ‘paternità’ con la semplice ’amicizia’. Il padre è più di un amico. Essere padre implica saper generare: la fede, prima di tutto, ma anche la vita nella Chiesa”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/05/2022
3101/2023
San Giovanni Bosco

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Mai più un soldo pubblico a questi blasfemi (e fuori dalle scuole)

Decine di migliaia di euro in meno di tre mesi quest’anno al circolo gay Cassero di Bologna. Che svolge iniziative volgari e blasfeme. Ora basta

Leggi tutto

Chiesa

Una risposta a Melloni, inquisitore dei laicisti

In un disinvolto corsivo comparso ieri sulle colonne di Repubblica, lo storico bolognese del cristianesimo ha raccolto sotto i suoi consueti strali l’ormai crivellato padre Cavalcoli, Antonio Socci, Radio Maria e noi del Family Day. A questo punto è opportuno mettere in chiaro alcuni concetti

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

Chiesa

L’ordinario militare ci parla di Fatima

Monsignor da Silva Rodrigues Linda, prelato personale dell’ordinariato militare lusitano, oltre che presidente della commissione ecumenica della Conferenza episcopale del Portogallo, che è stato domenica in visita a Roma, ha rilasciato una intervista esclusiva per “La Croce”, in occasione delle celebrazioni del centenario della Regina del Santo Rosario

Leggi tutto

Politica

Perchè il PDF serve ancora di più

Il centrodestra ha convenuto che sarà il M5S a esprimere il presidente della Camera (Roberto Fico), mentre toccherà a Forza Italia la seconda carica dello Stato (candidata probabile Anna maria Bernini). Giorgia Meloni è ridotta al ruolo di comparsa dopo aver accarezzato il sogno di diventare presidente della Camera nel solco di Fini. Si apre una stagione in cui per i cattolici ci sarà spazio solo nel segno di un’autonomia politica valoriale.

Leggi tutto

Società

UN “RISCHIO” CHIAMATO FAMIGLIA CHE SI RIBELLA ALLA CULTURA DEL PROVVISORIO.

Il trionfo del precariato è riuscito ad invadere ogni campo, arrivando persino, con arguzia encomiabile, a minare la colonna portante della società e cioè la famiglia. Tutto in un silenzio tombale, senza che nemmeno ce ne accorgessimo. Il vertiginoso calo dei matrimoni, sia civili che religiosi, è l’esempio lampante di una mentalità che ha paura delle scelte definitive e vive alla giornata, sballottata qua e là dalle armi di distrazioni di massa dei social media.  Il timore di eventuali fallimenti sta facendo gonfiare a dismisura il numero delle convivenze, anche dove in apparenza le unioni sembrerebbero molto solide e a prova di qualunque crisi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano