Storie

di Roberto Signori

PAKISTAN - Fare di più per tutelare la libertà religiosa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La condizione della libertà religiosa in Pakistan desta preoccupazione: assistiamo a dozzine di episodi di violenza della folla, all’uso improprio delle leggi sulla blasfemia, conversioni forzate e profanazione dei luoghi di culto. La violenza in nome della religione è in aumento a causa della mancanza della capacità del governo di fermare la radicalizzazione e l’estremismo religioso nonostante avrebbe dovuto essere l’agenda prioritaria essere un impegno per il Piano d’azione nazionale 2014 per la lotta al terrorismo”. Lo afferma in una nota Joseph Jansen, presidente di “Voice for Justice” (VFJ), organizzazione pakistana impegnata per i diritti umani e la libertà religiosa. Accanto a “Voice for Justice”, diverse associazioni della società civile si sono espresse dopo che la Commissione USA sulla Libertà religiosa (US Commission on International Religious Freedom, USCIRF), organismo indipendente, nell’ultimo Rapporto del 2022, rileva che il Pakistan “non ha adottato misure efficaci per affrontare le violazioni della libertà religiosa, comprese la violenza della folla e le uccisioni extragiudiziali nel nome di religione”.

Condividendo queste preoccupazioni, la società civile esorta il governo a introdurre misure per prevenire atti di discriminazione e violenza contro le comunità religiose e ad adottare riforme politiche per promuovere la tolleranza e la diversità. Afferma Jansen: “Abbiamo osservato che l’azione tempestiva da parte delle forze dell’ordine nei casi relativi ad accuse di blasfemia può aiutare a prevenire la violenza della folla e salvare vite umane. Ma questo è possibile solo se la polizia assolve al suo compito di mantenere la legge e l’ordine e di proteggere gli accusati dalle uccisioni extragiudiziali”.

Asif Bastian, altro leder impegnato in VFJ, nota che “è deplorevole che semplici accuse di blasfemia siano diventate una giustificazione per l’uccisione di un blasfemo senza alcuna indagine, come evidenziato in diversi episodi: il linciaggio di Priyantha Kumara Diyawadana a Sialkot il 3 dicembre 2021; il linciaggio di Mushtaq Ahmed, una persona con problemi di salute mentale a Khanewal l’11 febbraio 2022; o l’uccisione di una insegnante di seminario, Safoora Bibi a Dera Ismail Khan il 29 marzo 2022. Questa tendenza a farsi giustizia da soli, con violenza, deve essere scoraggiata per sviluppare una società rispettosa dello stato di diritto”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/05/2022
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

LA GRANDE IDEA STURZIANA DELLA LIBERTA’

Voglio riavvolgere il nastro e portarvi a quando tutto doveva ancora accadere, a quel congresso del febbraio 1989, a trent’anni fa. Ero al Palaeur, zeppo all’inverosimile, avevo 17 anni e aspettavo come tanti l’intervento di Mino Martinazzoli, il mio maestro politico che mi chiamò poi a essere il più giovane membro dell’assemblea costituente del nuovo Partito popolare italiano, di cui avrei guidato da presidente nazionale il movimento giovanile (e mi emoziona pensare che il 2 marzo nascerà a Roma prossimo il movimento giovanile del Popolo della Famiglia, grazie a Nicola Di Matteo). Su YouTube è comparso il video di quell’intervento di Martinazzoli e so di chiedere un lavoro impensabile ai tempi di internet, ma ascoltatevi i trenta minuti scarsi di discorso e guardate anche cosa succede nei quindici minuti successivi. Si tratta di un documento storico di impressionante rilevanza.

Leggi tutto

Chiesa

Vescovi spagnoli: accompagnare i sofferenti, non ucciderli

In un documento, l’arcidiocesi di Siviglia ribadisce l’importanza di tutelare sempre la vita, in opposizione a chi promuove l’eutanasia e il suicidio assistito

Leggi tutto

Politica

IL GREEN PASS CREA L’APARTHEID

Faremo luce sul più colossale scandalo politico organizzato ai danni dei cittadini italiani da un governo in carica. Draghi si ritiene legibus solutus ma lo chiameremo a rendere conto per le sofferenze causate alle famiglie italiane.

Leggi tutto

Storie

Punjab, scuola cristiana sotto attacco

La Global Passion School, una scuola cristiana a Sheikhupura, nella provincia pakistana del Punjab e gestita dai presbiteriani, è stata oggetto di attacchi e minacce.

Leggi tutto

Chiesa

Vescovi d’Inghilterra e Galles a lavoro su documento finale Sinodo

In Inghilterra e Galles i vescovi stanno scrivendo il loro contributo al documento finale che verrà inviato a Roma entro la fine di luglio.

Leggi tutto

Società

CUBA - Nuovo Codice di Famiglia al voto

Domenica 25 settembre si terrà a Cuba il referendum sul nuovo “Codice di Famiglia”, al termine di un lungo cammino di elaborazione. “Il matrimonio tra un uomo e una donna, che è la base naturale della famiglia, non può essere sostituito o deformato per cedere il posto ad altre forme costruite legalmente” ribadiscono i Vescovi, che citano il piano originario del Creatore descritto nel libro della Genesi: “Questa verità rivelata sostiene la fede di tutti i cristiani”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano