Politica

di Giuseppe Udinov

Segreto militare sui vaccini, report sulla sicurezza negati dall’Ema

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le case farmaceutiche, almeno sulla carta, sono obbligate a presentare i rapporti sula sicurezza dei vaccini anti Covid, ma le associazioni che ne hanno fatto richiesta non hanno ancora potuto visionare i documenti. L’Ema, l’Agenzia europea per i medicinali, per motivare il suo diniego alle richieste parla anche di ordine pubblico e segreto militare.

A garantire il carattere pubblico dei rapporti sulla sicurezza dei farmaci c’è una determina dell’Aifa, l’Agenzia nazionale del farmaco che è stata anche pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale.

Questa regola, però, sembra non essere applicata ai vaccini anti Covid di Pfizer-Biontech, Moderna, Astrazeneca e Johnson&Johnson. I dati sembrano essere un vero e proprio segreto.

Secondo quanto riportato dal Fatto Quotidiano, due associazioni di promozione sociale, la Idu, Istanza diritti umani, di Novara, e la Dus, Diritti umani e salute, di Roma, ne hanno fatto richiesta, ma sono stati negati loro i documenti.

A spiegare l’accaduto è Enzo Iapichino, uno dei legali delle associazioni le quali hanno poi presentato una querela alla Procura di Roma contro Aifa, il Ministero della Salute, il Comitato tecnico-scientifico, l’Istituto superiore di sanità. Nella denuncia vengono indicate diverse ipotesi di reato dall’omissione di atti d’ufficio al falso ideologico

Come riportato dal giornale, il direttore generale dell’Aifa, Nicola Magrini ha risposto alla richiesta delle associazioni spiegando che i rapporti sulla sicurezza dei vaccini hanno natura riservata, sono di proprietà delle case farmaceutiche e soprattutto che Aifa non detiene la documentazione richiesta.

Magrini avrebbe detto alle associazioni di rivolgersi a Ema, l’Agenzia europea del farmaco, e così hanno fatto.

Ema ha opposto un diniego, indicando tre motivi. “Primo: i report non possono essere divulgati per non pregiudicare il processo decisionale sull’autorizzazione incondizionata. Secondo: rientrano nelle eccezioni del loro regolamento, che attengono all’ordine pubblico e al segreto militare. Terzo: l’interesse di non incidere sulla decisione finale, che riguarda appunto l’autorizzazione, prevale sull’interesse pubblico”.

Iapichino ha definito assurda la risposta “perché in Italia abbiamo intere categorie obbligate a vaccinarsi”. La conclusione dell’avvocato è “che manca la trasparenza da parte delle istituzioni.


Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/05/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

I Millennials lo fanno, si ma senza un perchè

Tanta “informazione” si perde alla fine nel bicchiere di progetti astrusi che non guardano alle domande dei ragazzi

Leggi tutto

Politica

Caso Riso, Cirinnà in modalità Goebbels

Un regista omosessuale picchiato, dicono “da omofobi”. La manganellata gli è arrivata però dall’autrice delle unioni civili.

Leggi tutto

Politica

Cosa accade realmente nel Popolo della Famiglia

Mario Adinolfi traccia un’analisi degli avvenimenti che hanno contraddistinto la settimana del PDF.

Leggi tutto

Politica

Lo spazio politico al centro

I flussi elettorali hanno provocato un’intensa polarizzazione tra centrodestra verso destra e centrosinistra verso sinistra, ma evidenziano l’esistenza e la resistenza del bacino centrista, riversatosi nel voto alla Lega e nell’astensione. Il centro vale ancora 7 milioni e mezzo di voti, un buon 15%.

Leggi tutto

Politica

Green pass, Mattarella ha firmato

Probabile la proroga dell’obbligo di Green pass per i sanitari. Anche se resta una norma pro tempore. Continuano ad infuriare le polemiche seppur i media remino quasi tutti dalla stessa parte.

Leggi tutto

Storie

Bangladesh - Rajshahi: cresce il numero di battezzati

47 tribali di etnia santal hanno ricevuto il sacramento dell’iniziaione cristiana nella parrocchia di Bhutahara Quasi. Padre Swapon: “Visitiamo questi villaggi da sette anni e il 20 ottobre battezzeremo altre 70 persone”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano