Storie

di Roberto Signori

Detenuti e docce comuni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nel Regno Unito da quando le autorità governative hanno adottato policy basate sull’accettazione dell’identità di genere auto-dichiarata molti uomini sono stati ospitati nelle carceri femminili. Una decisione che ha portato a molte violenze contro le donne, che in carcere ora sono costantemente discriminate e umiliate.

Il quotidiano 4W ha parlato con tre ex-carcerate che hanno denunciato la censura, le intimidazioni e le ritorsioni subite all’interno delle strutture carcerarie femminili dell’UK che ora ospitano anche uomini transgender.

Tra le tre donne vi è anche Annie, che era rimasta scioccata quando aveva scoperto che avrebbe dovuto convivere con due uomini violenti che avevano i genitali intatti. Annie ha detto che ora in prigione le donne traumatizzate e vulnerabili devono denudarsi e fare la doccia insieme a degli uomini, e che per questo alcune hanno deciso di non farsi più la doccia, dato che le celle della prigione non hanno docce private.

Annie ha descritto così la sua esperienza traumatica: “Non volevo vedere uomini lì, ma l’ho fatto. Non volevo condividere le docce con degli uomini, ma sono stata costretta a farlo. Non volevo vedere uomini che saltellavano nudi nella mia zona doccia, eppure facevano proprio questo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/05/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Ecco a cosa mira il gender

Le riflessioni sulle tematiche dell’ideologia di genere in un libro di padre Giorgio Carbone

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa Ucraina tuona contro il gender

Sono scesi in campo con una dura presa di posizione (mediante enciclica) contro la teoria gender i vescovi greco-cattolici ucraini. Prima c’era il regime sovietico, che imponeva una visione “ateistica” del mondo, presentata come “l’unica scientifica” e che privava gli uomini del diritto di professare liberamente la loro fede religiosa”. Oggi, le sfide sono simili, “modi ideologici di distruggere la fede cattolica” mettendo in discussione in maniera subdola “la fede e la moralità cristiana”, e tra queste sfide ci sono in particolare le teorie del gender.

Leggi tutto

Politica

GLI IMPEGNI POLITICI DEL PDF ALLA RIPRESA

A ottobre si comincerà con le elezioni ad Ostia, municipio romano che con i suoi 231.723 abitanti sarebbe la tredicesima città d’Italia per popolazione, subito dopo Verona, territorio della periferia capitolina dominato dal M5S e dalle infiltrazioni mafiose, dove il governo municipale è stata sciolto due anni fa con decreto dell’esecutivo nazionale proprio per tali infiltrazioni. A novembre sarà la volta delle elezioni regionali in Sicilia e con questo si spiega il lavoro agostano del nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo nell’Isola. Nei prossimi mesi si voterà poi per le regionali in Lombardia, dove il ruolo da protagonista è ovviamente svolto dal nostro segretario nazionale Gianfranco Amato, e probabilmente anche nel Lazio e in Friuli Venezia Giulia dove l’esperienza di governo a Cordenons con Lanfranco Lincetto vicesindaco ci fa ben sperare anche grazie al radicamento con Alessandro Cocco a Trieste e con i risultati ottenuti a Fontanafredda alle ultime amministrative.

Leggi tutto

Società

Carceri e madri, nodo da risolvere

Stavolta nessun bambino ha mangiato per sbaglio il veleno per topi: una spacciatrice in crisi di depressione e verosimilmente di astinenza ha scaravantato per le scale i due figlioletti, uccidendo il minore e tramortendo il maggiore. In linea teorica le soluzioni ci sono, ma la verità è che non possono esistere soluzioni valide per tutte le decine di casi presenti in Italia: occorre valutare singolarmente.

Leggi tutto

Politica

POLITO E LA “DESTRA TEXANA

Antonio Polito sul Corriere della Sera si allarma e scrive che la “destra del futuro” sarà “texana”, cioè antiabortista. L’analisi è tutta sballata

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Unesco scrive di pace

In occasione dei 75 anni dalla nascita dell’agenzia delle Nazioni Unite, Francesco in un videomessaggio ne sottolinea il comune servizio alla pace e alla solidarietà, allo sviluppo della persona e alla tutela del patrimonio culturale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano