Storie

di Roberto Signori

Novara: a scuola crocifissi distrutti e scritte blasfeme sui muri

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una scuola media di Novara è stata presa d’assalto da una baby gang composta da ragazzini, alcuni dei quali con meno di 14 anni, che hanno letteralmente seminato il caos nelle aule. I giovani si sono introdotti nella scuola ed attuato il loro piano mentre era chiusa

iIragazzini hanno distrutto alcuni crocifissi e hanno imbrattato i muri delle aule con scritte sataniche e blasfeme, catturando tutto in dei video che hanno poi postato sui social network. Successivamente, i componenti della gang sono stati identificati dalla polizia e sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Torino.

I danni causati all’edificio, secondo la polizia, ammonterebbero a diverse migliaia di euro. Dovranno essere accertate le responsabilità dei singoli membri del gruppo; i genitori dei ragazzini minori di 14 anni, non essendo imputabili, rischiano dunque di essere obbligati a risarcire i danni causati dai figli.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/05/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Postano foto dei figli online: multati

10mila euro di multa per la madre, che nei tira e molla concomitanti alla separazione ha utilizzato le vie social per rivendicare psicologici primati nei confronti dell’ex coniuge. Il figlio sedicenne ha
provato a esternare le sue rimostranze e, inascoltato, s’è rivolto al tribunale che ha sanzionato la genitrice. Un caso-limite che però ha il merito di evidenziare un limite quotidiano del mondo social.

Leggi tutto

Società

Polizia postale: allarme pedofilia e pedopornografia

Sono sempre di più i piccoli colpiti dall’effimero crimine della pedofilia e delle pedopornografia e i dati diffusi dalla Polizia Postale fanno emergere un quadro inquietante e allarmante.

Leggi tutto

Politica

La riforma della scuola è legge, ora un milione di sentinelle

Il gender entra in classe, la risposta deve essere dei genitori, lo strumento è quello del “consenso informato”: no alla colonizzazione ideologica, giù le mani dai nostri figli

Leggi tutto

Media

Vie di sblocco di un’autentica crescita

Il pensiero unico sta svuotando, manipolando, spogliando di tutto, tante persone. È necessario individuare i media liberi, farli conoscere, è necessaria l’accoglienza reciproca al di là delle diversità. Uscire dalle sordità e dagli interessi di bottega che spingono a non imparare dagli altri e a difendere il proprio orticello senza reciproca accoglienza, senza diffondere la conoscenza anche di altri media liberi. Sono miopie che spengono la maturazione delle persone e le lasciano ingabbiate da quel pensiero unico che emargina ogni altra voce. Si ritorcono dunque subito contro la testata sedicente libera ma di tali corte vedute perché, per esempio, la gente non legge più.

Leggi tutto

Storie

Malawi aiuti ed istruzione per i bambini in difficoltà

Nel Paese i minori costituiscono quasi metà della popolazione e la maggior parte di loro è spesso privata dei diritti essenziali: cibo, acqua, salute, istruzione. “L’istruzione primaria dai 6 anni ai 14 anni è obbligatoria, ma solo la metà degli studenti conclude questo ciclo di studi

Leggi tutto

Società

PAKISTAN - Richiesto rilascio di un cristiano accusato di blasfemia

Secondo le statistiche rilasciate dal Center for Social Justice (CSJ) a partire dal 1987 fino a dicembre 2021 ci sono 1.949 persone incriminate ai sensi delle leggi sulla blasfemia in Pakistan, tra musulmani, cristiani, indù, ahmadi. Tra loro 84 ​​persone sono state uccise in via extragiudiziale, prima che ne fosse appurata l’eventuale colpevolezza.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano