Media

di Stefano Di Tomassi

OSTIA, AL X MUNICIPIO IL FILM ‘UNPLANNED”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Unplanned - Cinema San Timoteo, 10 Maggio ore 18 e ore 21 (Via Apelle 1, Casal Palocco), proiezione di “Unplanned”: si stralcia la maschera dell’ipocrisia globalista sul X Municipio di Roma. Una storia vera che sta ‘terremotando’ gli Stati Uniti e i Paesi dell’occidente cosiddetto mondo iper civilizzato.

Si spera in questo modo di avviare un dibattito, un confronto, una ricaduta sul Territorio e nelle Scuole anche grazie ad altri temi sollevati da un cineforum libero, attento e critico.

Pro Vita X Municipio in collaborazione con il Cinema parrocchiale mostrano al Territorio e al mondo cosa accade realmente nelle cliniche dell’aborto, cosa è nascosto dietro lo sventolio degli slogan “diritti civili”, cosa certi pseudo democratici combinano dietro le vostre spalle, dall’inizio della nostra esistenza fino alla fine.

La battaglia sta attirando anche l’attenzione della Commissione Cultura della Prefettura di Ostia - Diocesi di Roma.

Quest film, che non a caso esce fuori dai circuiti commerciali tradizionali, non è basato sull’interpretazione di una realtà in senso religioso, filosofico, metafisico, ideologico: il film che potrete vedere racconta i fatti non opinionizzabili la verità, la storia vera di Abby Johnson esposta nel film di Chuck Konzelman, Cary Solomon con Ashley Bratcher, Robia Scott.

La realtà mercificata “d/all’embrione”. Tutto questo ben confezionato dai Media. Strumento di controllo, potere quanto mai all’apice della forza, come ci dimostra anche l’ultimo scenario globale, i media cercano di condizionare le nostre vite quanto più sono un mezzo strategico dei regimi dominanti. Un mercato spregiudicato e un iper liberalismo violento e schiavizzante ci hanno voluto dapprima come soggetti di consumo e oggi oggettivizzano le persone fino ad arrivare a commerciare sulla loro vita e sulla loro morte.

E’ questo il tema generale di “Unplanned” che svela la trama mondiale intorno agli affari sull’aborto, sui feti, ma che fa intravedere nella penombra anche l’enorme business che i cosiddetti “diritti civili” tanto sbandierati dai colori della natura altro non sono che il paravento che nasconde un grande affare nel quale la merce è la nostra natura umana dal concepimento fino alla cosiddetto termine fine vita.

Fermo restando il considerare in casi in cui l’aborto sia un diritto per quella estrema ratio che è il concepimento frutto delle violenze, Unplanned aspetta chi ha il coraggio di guardare oltre e di essere per tanto libero e in cuor suo, o per fede o per coscienza, pensare: anche se tutti io no.

PER PRENOTARSI CONTATTARE BARBARA E FRANCESCA—-> 338.9833156 / 375.5165238

http://cineteatrosantimoteo.com/2022/04/unplanned-la-storia-vera-di-abby-johnson/

SINOSSI:

Abby Johnson (Ashley Bratcher) è una giovane ragazza al primo anno di college. Un giorno incappa in uno stand di Planned Parenthood (una delle più grandi catene statunitensi di cliniche abortiste) nel campus e nonostante i suoi valori pro-life, si fa convincere a diventare una volontaria, poiché affascinata dal discorso che le fanno sul voler ridurre il numero di aborti. Una volta laureata, viene assunta come accompagnatrice delle donne che desiderano abortire (per “proteggerle” dai manifestanti pro-life che fuori della clinica cercano di dissuaderle) e nel 2008 diventa responsabile di una clinica a Bryan, in Texas. A settembre dell’anno successivo, un fatto cambia per sempre la sua vita. Un giorno c’è carenza di personale nella struttura in cui lavora, quindi viene chiamata ad assistere il medico durante un aborto di una donna incinta alla tredicesima settimana. Mentre effettua l’ecografia, in modo che il dottore possa muoversi con l’aspiratore all’interno dell’utero, Abby vede chiaramente il bambino, perfettamente formato, che si contorce convulsamente cercando di sfuggire alla cannula che ha il compito di risucchiarlo. Non può fare a meno di pensare a sua figlia e ai due aborti volontari avuti al tempo dell’università, a come si sia illusa e a come sia stata ingannata su ciò che avviene realmente durante questa brusca interruzione della gravidanza. In lacrime, cerca l’aiuto di una volontaria pro-life incontrata anni prima, Marilisa (Emma Roberts), e con cui è rimasta in contatto, che insieme al marito dirige un’associazione a favore della vita. Abby decide di licenziarsi da Planned Parenthood e inizia a lavorare insieme a loro come volontaria. L’organizzazione abortista la denuncia per aver rivelato informazioni confidenziali sui protocolli interni, ma quest’azione ha un sorprendente effetto boomerang che dà enorme risonanza alla storia di Abby. La notorietà della donna aumenta, anche per il comportamento intimidatorio e scorretto della Planned Parenthood, che tenta di screditare l’ex dipendente e di convincerla a smettere di raccontare della sua esperienza nella clinica.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/05/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

A Milano per parlare di famiglia

Miriano, Adinolfi, padre Botta e Scicchitano rispondono alle polemiche sul convegno in Regione Lombardia

Leggi tutto

Politica

Anche solo il nostro esistere

Il Popolo della Famiglia va avanti: 355 cittadini hanno sottoscritto la mia candidatura a deputato del collegio Roma 1, abbiamo avuto la forza organizzativa per fare la raccolta in una settimana, siamo l’unica organizzazione cristianamente ispirata in grado di fare questo nel campo politico. Non ci è piaciuto il governo gialloverde, ancora meno ci è piaciuto il governo giallorosso che candida nel collegio addirittura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, quello che ha irriso la famiglia con uno stanziamento di venti volte inferiore a quello necessario e promesso. Se i cattolici hanno un minimo di spina dorsale e coerenza, non possono votare per lui. A chi, come noi, non ha gradito neanche le inesistenti politiche di bilancio a favore della famiglia del governo precedente, noi offriamo un’alternativa.

Leggi tutto

Storie

Utero in affitto in offerta speciale Black Friday

Maternità surrogata scontata in occasione del Black Friday. L’iniziativa parte dall’Ucraina.

Leggi tutto

Storie

Fiaba solidale per i bambini rari

Vernice Art Fair, in Fiera una fiaba solidale per i bambini rari che si intitola ‘L’Albero’: il ricavato, da venerdì 4 a domenica 6 marzo, andrà all’associazione italiana sindrome di Beckwith-Wiedemann

Leggi tutto

Società

La cattiva coscienza di una civiltà

Sui giornali e tra i social è virale la fotografia del bambino siriano migrante affogato in un naufragio e depositato dalla marea sulle rive turche; stupisce ancora di più il silenzio assordante sulle sconvolgenti rivelazioni provenienti dai video del Center for Medical Progress. Sintomi di una civiltà schizofrenica

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano