Politica

di Raffaele Dicembrino

Papa ai mercedari: allarme schiavitù

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ci sono più schiavi in questo tempo che nel passato. È quanto sottolinea Francesco rivolgendosi ai religiosi dell’Ordine della Beata Vergine Maria della Mercede, fondato nel 1218 con lo scopo di liberare i prigionieri cristiani fatti schiavi. Il Papa spiega, parlando a braccio in spagnolo, che anche oggi ci sono tanti prigionieri:

Cambiano di geografia, cambiano di modalità, cambiano di colore, ma la schiavitù è una realtà che si adatta ogni volta di più. Ogni volta di più e con più varietà. Oggi possiamo forse dire con sicurezza che ci sono più schiavi che ai tempi della vostra fondazione, certamente. E questa deve essere una sfida, certamente, per la vostra risposta. Le nuove forme di schiavitù, quelle che sono dissimulate, quelle che non si conoscono, quelle che sono nascoste, ma ce ne sono tante. Anche nelle megalopoli come Roma, Londra, Parigi, ovunque, ci sono schiavitù che vanno avanti. Cercatele e chiedete al Signore: cosa devo fare?

Quindi il Papa aggiunge: ““noi religiosi non possiamo mai dimenticare che non c’è sequela senza servizio né servizio senza croce”. La situazione attuale, sottolinea il Papa, si potrebbe paragonare a quella del passo del Vangelo delle nozze di Cana nel quale Maria dice a Gesù: “Non hanno più vino”. Molte realtà che possiamo vedere oggi nel mondo, nella Chiesa, ricorda il Papa, ci parlano “di questa carenza, della mancanza di speranza, di motivazione, di soluzioni”. “Dinanzi a questo, la Vergine vi interpella: mettetevi all’ascolto!”

Poi il pontefice si domanda: “che cosa dobbiamo ascoltare? Le voci che ci parlano di tutte le cose negative? Quelle che ci vendono soluzioni facili o forse quelle che ci propongono soluzioni di compromesso?”. Maria chiede che sia Gesù a interpellare “il cuore in modo nuovo, originale e inatteso”. Ricordando l’episodio delle Nozze di Cana, il Papa sottolinea inoltre che Gesù “propone una cosa che di sicuro a nessun servo sarebbe venuta in mente”: “riempire le giare per la purificazione e perdipiù riempierle di acqua”. Ai servi Gesù non dice “quello che si aspettano, ma qualcosa che non avrebbero mai immaginato di sentire”. Passando dalla scena di Cana a quella del mondo di oggi, il Papa spiega che “al Capitolo non si va per dire la cosa giusta”. Ma si va per ascoltare “con semplicità, con gratitudine, con abbandono”. In primo luogo, per “ascoltare Dio, per quanto possa parlarci per mezzo del fratello o delle circostanze”.

Riferendosi alla scena delle Nozze di Cana, il Pontefice aggiunge che le giare per la purificazione “ci invitano a tornare al primo amore, alla fonte, a recuperare l’atteggiamento innocente e pieno di speranza dei nostri primi anni di vita consacrata”. “Le giare che si sono svuotate devono tornare a riempirsi con la stessa gioia con cui si sono riempite prima che il banchetto iniziasse”. Il Signore, afferma il Papa, ci chiede questo: “ricominciate ogni giorno, in ogni progetto, non vi stancate, non vi scoraggiate”. La vocazione della Chiesa, spiega il Santo Padre, è quella di evangelizzare. Francesco esorta poi ad aprire il “cuore per accogliere la sorpresa che Gesù ci porta”, ad “ascoltate Maria, a non temere di lasciarsi “sorprendere da questa voce che “invita a riempire di nuovo le giare”, a consumarsi nel servizio concreto e semplice”. Si deve saper stare come Maria, “accanto a Cristo ai piedi della croce”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/05/2022
2906/2022
Ss. Pietro e Paolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Acque vive di Speranza

Nel videomessaggio per il 66 esimo Congresso di Educazione Religiosa dell’Arcidiocesi di Los Angeles, Francesco invita i cattolici californiani a rinnovarsi per portare, come discepoli missionari “che vanno sempre avanti”, il messaggio di Misericordia del Signore “alle periferie esistenziali”

Leggi tutto

Storie

La cantante “Madonna” scrive a Papa Francesco

Regina indiscussa del pop internazionale, Madonna ha aperto un account su Twitter qualche mese fa. Da sempre al passo con i tempi, l’autrice di Material Girl ha spesso manifestato il desiderio di interagire maggiormente con i propri fan. Ed è stata di parola. A qualche settimana dal suo debutto sulla piattaforma social, Mrs Ciccone ha voluto approfittarne per scrivere un messaggio diretto a Papa Francesco.

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano - Il Dicastero per l’Evangelizzazione

Il nuovo Dicastero nasce dall’accorpamento della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli con il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione

Leggi tutto

Chiesa

Aborto, Chiesa e misericordia

Si è scatenato un polverone mediatico che riduce la Lettera apostolica di Papa Francesco alla
(presunta) abolizione del peccato di aborto. Nella scia di questa declinazione disonesta si sono
inseriti gli opportunismi politici e culturali di Monica Cirinnà e Roberto Saviano. La Lettera rischia
di essere vanificata dalle consuete dinamiche propagandistiche. Attacco all’obiezione di coscienza

Leggi tutto

Chiesa

I #Vescovi italiani guardano al Paese reale

Scuola ed educazione, lavoro e povertà, sicurezza e migranti: sono solo alcuni dei temi (secolari) toccati dal documento finale prodotto dalla Conferenza Episcopale Italiana al termine della riunione autunnale del Consiglio Permanente. Per il resto si è toccata, fra le altre, la questione squisitamente liturgica della diffusione dell’ultima edizione del Messale Romano.

Leggi tutto

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano