Media

di Giampaolo Centofanti

Giornale dei cattolici o degli apparati?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Oggi si parla tanto e giustamente di sinodalità. Ma quanto tra certe gerarchie ecclesiali si cerca di favorirla davvero? Talora chi più ne parla più pare farlo a patto che si dica solo quello che vuole lui.

In un intervento su Avvenire ( https://www.avvenire.it/agora/pagine/quale-cristianesimo-dopo-la-cristianit ) l’autore riporta il mantra di questa epoca senza che sul giornale dei cattolici sia possibile esprimersi in comunione, obbedienza ma con sfumature diverse. Dando spazio non esclusivamente in base a ruoli e competenze ma anche in base ai contenuti e alla libera partecipazione di ciascuno. Non svuotando dunque la ricerca del vero. Certo anche oggi si propugnano aspetti decisivi ed in epoche precedenti in varia misura altrettanto misconosciuti.

Comprendere il cammino di ciascuno, imparare da tutti. Si potrebbe osservare più profondamente che a suo modo ogni cosa è grazia e chiudendosi in schemi si viviseziona lo Spirito che pure talora si vorrebbe tanto difendere. Comunque aperture importanti.

Ma il guaio dell’unilateralismo è proprio il non cogliere gli spunti positivi di altre vedute. Negli ultimi decenni prima si trasmetteva una dottrina, poi una spiritualità, meno attente all’umano, ora si passa all’umano finendo talora per dimenticare di considerare, con più equilibrio, quegli aspetti fondamentali.

Il dialogo e l’accoglienza non solo a parole possono favorire un traboccamento verso discernimenti più maturi, più attenti ad un approfondito tornare al Gesù, Dio e uomo, dei vangeli.

Una spiritualità a misura dello specifico cammino di ciascuno verso e grazie ai riferimenti della fede.

L’unilateralismo ha sempre alimentato discernimenti riduttivi. Questo è il problema di fondo nella Chiesa. Così le letture della crisi sono sempre superficiali e chiuse a stimoli diversi.

Per esempio prima si voleva una scuola cristiana per tutti. Poi si è compreso che non si può imporre una tale cultura e ci si è ritirati da un lato in una spiritualità disincarnata e dall’altro in una scuola del razionalismo falsamente neutrale. Oggi si parla dell’incontro anche scolastico tra le religioni, le filosofie. Ma senza, in momenti distinti, la formazione anche culturale alla luce della identità liberamente cercata di quale scambio si può trattare? Come nella scuola solo cattolica ed in quella falsamente neutrale anche qui non si favorisce un autentica maturazione di ciascuno.

Queste devastazioni sono ben poco considerate. Per il dottrinarismo la gente vive una fede fai da te; per lo spiritualismo bisogna entrare in un resto di eletti; per il pragmatismo bisogna pacificarsi con tutti rischiando di svuotare ognuno nell’omologazione. Cosa che piace molto a finanza e big tech che vogliono rendere tutti meri isolati consumatori persi in una massa anonima.

Le persone non sono aiutate a crescere mentre imperversano i meri codici di apparato. Dio conduce la storia e questa è la nostra fiducia mentre la logica degli apparati è quella del Titanic: avanzare verso lo scontro con l’iceberg senza apparentemente poter fare nulla.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/05/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa all’Angelus: stop al nucleare

All’Angelus Francesco, preoccupato per un’escalation nucleare del conflitto in Ucraina, invita a percorrere i sentieri del passato per costruire la pace.

Leggi tutto

Storie

Cina - Riparte il processo al cardinale Zen

Secondo la procura, il fondo umanitario gestito dal porporato e da cinque attivisti democratici era politico per natura: doveva quindi essere registrato

Leggi tutto

Politica

Danimarca: rifugiati delocalizzati in Ruanda e Kosovo

Fanno discutere i criteri di accoglienza dei migranti da parte della Danimarca.

Leggi tutto

Storie

Addio a suor Cristina

La vittoria a The Voice nel team J-Ax, 15 anni da suora ma adesso dice basta. Suor Cristina ora è solo Cristina Scuccia, vive in Spagna e fa la cameriera, vuole dedicarsi al canto. Dopo l’intervista a Verissimo abbiamo chiesto a Mario Adinolfi, leader del Popolo della Famiglia e fervente cattolico, la sua opinione sulle facili seduzioni della “terra degli infedeli”, dove regna anche Onlyfans, che l’avrebbe usata per creare scandalo
Intervista tratat da Mowmag

Leggi tutto

Storie

Gli scout portano la Luce della Pace

Raccolta dalla lampada sempre accesa nella Grotta della Natività, come accade dal 1986 per iniziativa degli scout austriaci, la fiammella simbolo di riconciliazione da Vienna viene portata in tutta Europa, in Ucraina e nel mondo. Sabato 17 dicembre, in piazza del Campidoglio, è stata distribuita da dieci associazioni scout italiane e in questi giorni viaggia in treno per tutta la penisola

Leggi tutto

Storie

MADAGASCAR - In preghiera per le vittime dell’ incidente di Ampasimanjeva

“E’ stato monsignor Fulgence Rabemahafaly, a darmi tempestivamente la notizia dell’incidente nel quale hanno perso la vita cinque persone” ha riferito all’Agenzia Fides mons. Gaetano Di Pierro, vescovo di Farafangana, che si è recato subito sul posto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano