Politica

di la redazione

Si allarga il fronte anti-green pass

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ad Ancona uniti contro il green pass. L’obbligo vaccinale ancora in piedi per tutta una serie di categorie è una misura sanzionatoria che viola il principio di uguaglianza e dignità previsto dall’art. 3 della Costituzione, un provvedimento inumano e discriminatorio che aggrava la misura di sospensione, già di per sé lesiva del diritto al lavoro su cui si incardina la nostra Costituzione». Questo hanno dichiarato l’onorevole Paolo Giuliodori, deputato di Alternativa, Massimo Gianangeli, coordinatore regionale Marche di Italexit per l’Italia con Gianluigi Paragone, Fabio Sebastianelli, coordinatore regionale Marche del Popolo della Famiglia, Vincenzo Cuteri, Clara Ferranti, Maria Stella Colomba, Emanuele Bertoni, coordinatori del Movimento Universitario contro le Discriminazioni, Gaetano Sinatti, rappresentante nel Movimento Universitario per Scuola e Istituti di Istruzione Secondaria.

«Siamo seriamente preoccupati della frattura che è stata prodotta negli ultimi due anni da provvedimenti governativi che hanno diviso la società e i cittadini- continua la nota- Discriminazione, segregazione e violazione delle libertà personali sono le disumane conseguenze subite da chi non ha seguito i diktat di questo governo e ha liberamente deciso di non vaccinarsi, non violando nessuna legge. Le categorie professionali che hanno dovuto fare i conti con l’obbligo vaccinale hanno dovuto sottostare, in parte, contro la propria volontà a un trattamento sanitario solo per non perdere il lavoro e lo stipendio. Una cosa davvero vergognosa e indegna di un Paese civile, che si definisce “libero e democratico”».

«Sospensione e privazione dello stipendio a chi non è vaccinato, o non ha completato il ciclo di vaccinazione ‒ continuano i rappresentanti Italexit Marche ‒, sono tutt’altro che una misura sanitaria per il bene comune, trattandosi invece di un palese atto politico punitivo e afflittivo che mina la democrazia, la costituzione e i diritti fondamentali dell’essere umano, per altro assolutamente spropositati rispetto ai risultati attesi (sicurezza, protezione dal covid, non contagio). Ricordiamo infatti che anche i plurivaccinati sono stati contagiati e contagiano essi stessi. Ancora più vergognoso è il demansionamento di quegli insegnanti che non si sono piegati al ricatto e hanno esercitato un loro sacrosanto diritto di scelta – concludono ‒, un coraggioso esempio di pensiero critico che evidentemente per i nostri governanti deve essere allontanato dagli alunni. Demansionare un docente e passarlo a mansioni ATA, peraltro, facendogli fare 36 ore pagandogliene solo 18, costituisce chiaramente un illecito perché va contro un contratto di lavoro nazionale. Facciamo presente, inoltre, che la recente comunicazione dell’Ufficio Scolastico Regionale Marche estende incomprensibilmente al personale scolastico un provvedimento governativo, per quanto esso stesso ingiusto, applicato ai sanitari. Infatti per i docenti marchigiani la validità del green pass da guarigione viene arbitrariamente ridotta da 6 a 3 mesi. Siamo indignati, stufi, arrabbiati. I mesi passano, l’emergenza è finita, ma le misure discriminatorie del governo continuano indefessamente. Siamo uniti e compatti, ci opporremo in ogni modo, non daremo pace alle istituzioni finché questo inaccettabile e ignobile ricatto di Stato non avrà fine una volta per tutte».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/05/2022
0110/2022
S. Teresa di Gesù bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

I tre diritti violentati in Alfie Evans

Il diritto alla cura, il diritto del disabile innocente, il diritto e la tutela della famiglia: questi i tre grandi beni che il sistema giudiziario
inglese sta calpestando nel suo delirio di onnipotenza. A ben vedere si tratta di beni mutuamente coimplicati: lederne uno li lede tutti.

Leggi tutto

Società

Pietro Bartolo e la sua visione sui migranti

La questione sui migranti continua a dividere anche i cattolici. La maggior parte dell’opinione pubblica sta con il ministro dell’Interno ma Pietro Bartolo ci dice la sua….

Leggi tutto

Chiesa

INFLUENZE CRISTIANE NELLA MUSICA POPOLARE

Abbiamo cercato Cristo nelle canzoni e l’abbiamo trovato in un sacco di posti, anche dove non avremmo immaginato. Ecco una piccola guida all’ascolto per scoprire autori, generi e canzoni del mondo anglosassone che hanno messo Gesù e il suo messaggio al centro della loro ispirazione.

Leggi tutto

Politica

Elisa Rossini e la richiesta di revoca dell’adesione alla Carta d’intenti Ready

IL TESTO DELL’INTERVENTO DI ELISA ROSSINI,  IN CONSIGLIO COMUNALE, SULLA RICHIESTA DI REVOCA DELL’ADESIONE ALLA CARTA DI’INTENTI READY (RETE NAZIONALE ANTIDISCRIMINAZIONI SULLA BASE DELL’ORIENTAMENTO SESSUALE E IDENTITA’ DI GENERE)

Leggi tutto

Società

LA VESTE DEI FANTASMI DEL PASSATO CADENDO HA LASCIATO IL QUADRO IMMACOLATO?

Dobbiamo essere il sale del mondo, che sulle ferite brucia, non lo zucchero filato, non dei pappamolli per paura di ritorsioni. Mi spaventa terribilmente vedere che la raccolta firme di Cappato viaggi verso il milione di aderenti e quella sul reddito di maternità abbia superato di poco le 50.000 unità. Inutile negare che ci hanno stracciato alla grande. Morte batte vita venti a zero per ora, palla al centro.

Leggi tutto

Storie

Influenza aviaria a Roma, un caso accertato

Influenza aviaria, un caso accertato a Roma 3, in un allevamento a Ostia Antica. La Regione Lazio ha disposto su ordinanza del presidente Nicola Zingaretti per l’adozione delle misure straordinarie

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano