Media

di Roberto Signori

Amazon pagherà le donne che abortiscono

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le accese polemiche suscitate dalla bozza della Corte Suprema americana in tema di aborto, e trapelata sui media grazia al sito Politico, sono destinate a durare settimane e forse l’intera estate. Anche perché rappresentano obiettivamente, al di là delle possibili (e auspicabili) conseguenze legali, una vittoria storica dei pro life.

La più alta e indipendente istanza giuridica degli Stati Uniti afferma, pur con mezzo secolo di ritardo, una fattuale verità: l’idea che l’aborto possa essere un diritto della donna – ignorando completamente la vita e la salute del bambino – è un’idea sbagliata. E dunque revocabile.

Nello stesso contesto esiste però un’altra America che si ostina a sostenere le vecchie posizioni pro choice. E che si sta manifestando, anche con violenza verbale non indifferente, in varie città degli Stati Uniti per protestare contro la possibile e ormai doverosa revoca della sentenza “Roe vs Wade”.

Contro questi progressi nella tutela della maternità e dell’infanzia, Jeff Bezos, il miliardario fondatore di Amazon, come riporta Famiglia Cristiana, «rimborserà le spese per tutti i dipendenti che decidono di interrompere la gravidanza per sé o per le loro mogli».

E questo sia, come detto, in rapporto al possibile annullamento della storica sentenza “Roe vs Wade” del 1973, sia a causa delle sacrosante limitazioni che molti Stati americani, solitamente a guida repubblicana, stanno introducendo alle leggi abortiste.

Leggi che i vari Stati avevano promulgato negli anni ’70 del secolo scorso, a seguito dell’iniqua sentenza che per la prima volta rendeva invisibile quel feto che tutti noi siamo stati. Ma quelle leggi non avevano nulla di scientifico ed erano palesemente il frutto di quella stagione trasgressiva e libertaria iniziata con il ’68.

Bezos quindi, per darsi le arie di buon progressista - e dopo che l’ormai ex moglie MacKanzie Scott ha finanziato a suon di milioni le famigerate associazioni pro aborto come Planned Parenthood - pagherà tutte le spese alle dipendenti dell’azienda (fino a 4000 dollari) le quali, per abortire - magari sino al nono mese di gravidanza - dovessero recarsi in uno Stato più permissivo di quello in cui abitualmente risiedono.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/05/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Società

44ma edizione della March for life

È evidente nell’elezione di maggioranze pro-life al Congresso degli Stati Uniti d’America. Ma non c’è segno più evidente, in alcun modo, della storica elezione di un presidente che si batte per un’America più forte, per un’America più prospera, e un presidente che – e lo dico con orgoglio – si batte per il diritto alla vita: il presidente Donald Trump. È stato infatti proprio il presidente Trump a chiedermi di essere qui con voi oggi. Mi ha chiesto di ringraziarvi per il vostro sostegno, per la vostra difesa della vita e per la vostra compassione per le donne e i bambini d’America. Proprio una settimana fa da oggi, sui gradini del Campidoglio abbiamo visto l’inaugurazione del 45mo presidente degli Stati Uniti. Posso testimoniare di persona che il nostro presidente è un uomo dalle spalle larghe e dal cuore grande. La sua idea per il futuro, la sua energia, il suo ottimismo sono senza confini e io so che lui renderà l’America di nuovo grande. Sin dal suo primo giorno da presidente, sta mantenendo le promesse fatte al popolo americano. Mi piace dire che laggiù al 1600 di Pennsylvania Avenue, il nostro business è mantenere le promesse. Ed è per questo che lunedì il presidente Trump ha riportato in vigore la policy di Mexico City, per impedire che i fondi destinati a paesi stranieri vadano ad organizzazioni che promuovono o eseguono aborti nel mondo. È per questo che questa amministrazione lavorerà con il Congresso per porre fine al finanziamento dell’aborto e delle cliniche abortiste con i soldi dei contribuenti e destineremo queste risorse ai centri di salute per le donne in tutta l’America. Ed è per questo che la prossima settimana il presidente Donald Trump annuncerà la nomina di un giudice alla Corte Suprema che sosterrà quelle libertà donate da Dio e custodite nella nostra Costituzione, nel solco dell’eredità del grande giudice Antonin Scalia. Sapete, la vita sta vincendo in America. E questo giorno è una celebrazione del progresso che abbiamo fatto in questa causa. Sapete, da molto tempo ritengo che una società possa essere giudicata da come si prende cura dei suoi membri più vulnerabili, degli anziani, degli infermi, dei disabili e dei nascituri. Siamo giunti a un momento storico nella causa per la vita. E dobbiamo andare incontro a questo momento con rispetto e compassione per ogni americano. La vita sta vincendo per molte ragioni. La vita sta vincendo attraverso il costante progresso della scienza, che fa luce sul momento in cui inizia la vita, ogni giorno di più. La vita sta vincendo attraverso la generosità di milioni di famiglie adottive, che aprono i propri cuori e le proprie case a bambini in difficoltà.

Leggi tutto

Politica

Verona, Roma, Vaticano: le tre giornate sull’aborto

Chiunque si permette di mettere in discussione “conquiste” consolidate viene linciato

Leggi tutto

Politica

Senza fallimento non si può vincere

Vince il sì al referendum sulla legalizzazione dell’aborto a San Marino. Secondo la tv locale Rtv, con 35 seggi scrutinati su un totale di 37, i sì arrivano al 77.31%, contro il 22,69% che si è espresso contro.

Leggi tutto

Politica

Modena: no alla giornata per la vita nascente

I due ordini del giorno, proposti da Lega Modena e Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia, non sono stati approvati dal consiglio comunale modenese

Leggi tutto

Politica

Cile: allarme su aborto e sessualità

L’ONG ‘Comunidad y Justicia’  ha avvertito che l’articolo approvato favorisce “l’aborto libero”, cioè “non è più la depenalizzazione, né la legalizzazione, ma una norma costituzionale”. L’articolo costituzionale approvato “ha eliminato l’obiezione di coscienza personale e istituzionale”, “approva, garantisce e assicura l’aborto libero” e “i mezzi per abortire” e “apre le porte alle tecniche di riproduzione assistita, senza limiti, come l’utero in affitto”. Inoltre “approva l’educazione sessuale completa (ESI) ed elimina il diritto preferenziale dei genitori all’educazione sessuale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano