Politica

di Roberto Signori

Erdogan vuole rimpatriare un milione di siriani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Turchia supera la quota dei 4 milioni di richiedenti asilo, l’anno prossimo si vota e il presidente della Repubblica, Recep Tayyip Erdogan, è alle prese con un problema che gli sta già costando molto e che potrebbe rivelarsi un boomerang ai fini elettorali.

Tre giorni fa, il numero uno di Ankara ha annunciato la costruzione di 200mila abitazioni nel Nord della Siria, per quei siriani che sceglieranno il ritorno volontario nel loro Paese. L’obiettivo - ambizioso - della Mezzaluna, è di rimpatriarne un milione, per iniziare. Una cifra importante, che andrebbe a cambiare gli equilibri delle terre nell’immediato oltre confine, nella zona a maggioranza curda, e offrirebbe alla Turchia la possibilità di accaparrarsi una fetta importante della ricostruzione del Paese.

“La Turchia va avanti nel suo obiettivo senza esitazioni - ha detto il capo dello Stato - in un periodo storico gravato da guerre, conflitti, crisi politiche ed economiche e rivolte sociali”. Fin qui i buoni propositi. I numeri, però, parlano chiaro. In Turchia al momento vivono 4.082.693 richiedenti asilo. Di questi 3.762.686 sono siriani. Il ministro degli Interni, Ismail Catakli, ha dichiarato che circa 122mila di questi ultimi al momento potrebbero non trovarsi più in Turchia, perché di loro si sono perse le tracce. Inoltre, ha aggiunto che quasi mezzo milione di siriani negli scorsi anni ha fatto ritorno in zone dove era stata garantita la sicurezza. Negli ultimi mesi, il Paese ha dovuto fare i conti anche con un flusso più sostenuto di persone che arrivavano dall’Afghanistan.

Ankara è determinata a favorire lo spostamento del maggior numero di siriani possibile entro l’inizio della campagna elettorale, che dovrebbe essere più o meno fra un anno. Da qui a farne muovere almeno un milione, però, ce ne vuole.

“La maggior parte dei siriani vorrebbe tornare nelle proprie case - ha spiegato ai media turchi Mazen Kseibi, attivista e membro dell’Associazione Siriana per la dignità del cittadino -. Se stiamo parlando di ritorno volontario va bene, ma devono essere garantite le condizioni”.

E le condizioni non ci sono ancora non solo per quanto riguarda la mancanza delle abitazioni, ma anche per tutto quanto concerne i cardini della vita civile: le infrastrutture di base, le scuole, i tribunali, nonché la garanzia della sicurezza. In oltre 10 anni dall’inizio dei flussi migratori, la Turchia ha rilasciato circa 200mila cittadinanze, a fronte di milioni di persone che chiedono il diritto di asilo e che adesso sono sotto la “temporanea protezione di Ankara”. Dove però la parola “temporaneo” copre un lasso di tempo ormai piuttosto dilatato, con conseguenze che sull’economia turca sono sempre più visibili. A fronte dei 14mila siriani che sono riusciti a rifarsi una vita e a impiantare il proprio business in Turchia con giro d’affari che, prima della pandemia, era di quasi 500 milioni di dollari, ci sono altri effetti che al popolo turco sono piaciuti decisamente meno.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/05/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

GLI IMPEGNI POLITICI DEL PDF ALLA RIPRESA

A ottobre si comincerà con le elezioni ad Ostia, municipio romano che con i suoi 231.723 abitanti sarebbe la tredicesima città d’Italia per popolazione, subito dopo Verona, territorio della periferia capitolina dominato dal M5S e dalle infiltrazioni mafiose, dove il governo municipale è stata sciolto due anni fa con decreto dell’esecutivo nazionale proprio per tali infiltrazioni. A novembre sarà la volta delle elezioni regionali in Sicilia e con questo si spiega il lavoro agostano del nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo nell’Isola. Nei prossimi mesi si voterà poi per le regionali in Lombardia, dove il ruolo da protagonista è ovviamente svolto dal nostro segretario nazionale Gianfranco Amato, e probabilmente anche nel Lazio e in Friuli Venezia Giulia dove l’esperienza di governo a Cordenons con Lanfranco Lincetto vicesindaco ci fa ben sperare anche grazie al radicamento con Alessandro Cocco a Trieste e con i risultati ottenuti a Fontanafredda alle ultime amministrative.

Leggi tutto

Storie

L’Ungheria del dopo voto raccontata da chi la conosce vermente

Un lettore marito di una donna ungherese racconta dal suo privilegiato punto di vista sui magiari l’elezione di domenica

Leggi tutto

Società

Giuseppe Noia ginecologo contro l’aborto

Giuseppe Noia nasce a Terranova da Sibari il 14 Gennaio 1951.
Nel 1975 si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Nel 1980 consegue la specializzazione in Ginecologia e Ostetricia e nel 1988 quella in Urologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
E’ docente di Medicina dell’Età Prenatale presso la facoltà di Medicina e Chirurgia, Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia, Scuola di Specializzazione in Genetica e diploma di laurea di Ostetricia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. E’ docente dei corsi di Perfezionamento e dei Master in Bioetica presso il Pontificio Consiglio per gli studi sulla famiglia Istituto Giovanni Paolo II.
E’ Presidente dell’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (AIGOC).

Leggi tutto

Chiesa

Il prefetto della Congregazione per le Chiese orientali in Siria

Proseguirà fino al 3 novembre la visita del prefetto della Congregazione per le Chiese orientali alle comunità cattoliche provate dalla guerra. Il cardinale sarà a Damasco e poi farà tappa in diverse località per incontrare religiosi, esponenti di organizzazioni non governative e diplomatici accreditati presso la Santa Sede

Leggi tutto

Storie

Giovani cristiani riuniti per il futuro della Chiesa e della Siria

A promuovere l’evento, che riunisce diverse Chiese e denominazioni, la comunità di Taizé in collaborazione con i gesuiti

Leggi tutto

Storie

Siria - Il monastero di Mar Musa riapre all’accoglienza

Dopo anni di isolamento a causa della guerra e poi della pandemia, la comunità fondata da padre Dall’Oglio torna ad accogliere pellegrini e visitatori.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano