Storie

di Roberto Signori

Nigeria è morto il sacerdote sequestrato a marzo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Con cuore affranto, ma con totale sottomissione alla volontà di Dio, annunciamo la morte di padre Joseph Aketeh Bako, avvenuta nelle mani dei suoi rapitori tra il 18 e il 20 aprile”. Così il cancelliere dell’arcidiocesi di Kaduna, padre Christian Okewu Emmanuel, ha annunciato la morte del parroco della chiesa cattolica di San Giovanni a Kudenda, nell’area del governo locale di Kaduna South, nello stato di Kaduna. Il religioso era stato rapito lo scorso 8 marzo.

Padre Bako era stato sequestrato da uomini armati che avevano assalito la canonica nella notte dell’8 marzo. Insieme con lui era stato rapito anche suo fratello che era andato a trovarlo. “Suo fratello è stato ucciso in sua presenza e a seguito di questo - afferma il cancelliere dell’arcidiocesi di Kaduna - le condizioni di padre Joseph Aketeh Bako, che era malato da tempo, sono peggiorate ed è morto”. “Non abbiamo recuperato il corpo, ma abbiamo conferma della morte. Le persone che sono state rapite insieme a lui lo hanno visto morire”. Nelle settimane successive al rapimento, si erano diffuse voci della morte di padre Bako. Il cancelliere dell’arcidiocesi di Kaduna ha precisato che “le circostanze che hanno portato alla morte di padre Bako sono state attentamente verificate”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/05/2022
3009/2022
S. Girolamo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Scuola e chiesa ora tocchiamo veramente i fondi

Gabriele Toccafondi è un fiorentino del ‘72, laureato in scienze politiche, ha fatto il consigliere all’università di Firenze, è stato membro di un sacco di commissioni e promotore di iniziative culturali e dal ‘99 ha messo i piedi in politica per poi non toglierli più. Ha militato tra le file di una lista civica, poi è passato a Forza Italia, poi è stato deputato PdL e nel 2013 ha indossato la casacca NCD, grazie alla quale ora siede sulla poltrona di Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano: stop alle spese militari!

A Ginevra, alla Conferenza della revisione della CCW, monsignor Putzer esorta a proseguire ogni sforzo verso un disarmo generale

Leggi tutto

Chiesa

OSTIA CAMBIA DALLA LUCE DELLA CROCE DEI GIOVANI

Venerdì 11 ore 20.30, Via Crucis dei giovani cristiani dal Porto di Ostia al Pontile. Il giovane vescovo Dario Gervasi e il responsabile dei giovani di Ostia il diacono Generoso Simeoni con tutti i ragazzi delle parrocchie

Leggi tutto

Storie

Si aggravano le tensioni in Burkina Faso

Si aggravano le tensioni in Burkina Faso, dove gruppi armati provocano giornalmente vittime

Leggi tutto

Storie

MYANMAR - Una chiesa cattolica occupata e minata dall’esercito

Il conflitto civile in Myanmar non risparmia il coinvolgimento delle chiese e di altri edifici di culto. Come appreso da fonti locali nella diocesi di Pekhon, le truppe dell’esercito regolare del Myanmar hanno occupato per quattro giorni, dall’8 al 12 settembre, la chiesa cattolica della Madre di Dio, nella piccola città di Moebye, nella diocesi di Pekon (Myanmar centro-orientale)

Leggi tutto

Società

Corinaldo e le tre mele avvelenate

La distruzione, come in una gotica fiaba di Biancaneve, è veicolata da tre mele avvelenate che rappresentano tre dipendenze. Il brutto è che sono dipendenze diffusissime. Il bello è che si possono combattere, come tutte le dipendenze. Le tre mele avvelenate sono: l’alcool, la droga, la bulimia di denaro. Parto da quest’ultima: si è diffuso nel mondo musicale legato proprio a rap e trap questo metodo del cosiddetto dj set. Il dj set non è un concerto vero e proprio, il cosiddetto artista si fa vedere in tre o anche quattro location differenti nella stessa sera, “canta” due o al massimo tre pezzi, i più noti, si fa pagare un cachet stellare, sempre a cinque cifre. ....

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano