Storie

di la redazione

Il PDF in prima fila sul caso Marano

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Masturbazione, orgasmo, preservativi e contraccezione, omosessualità e bisessualità, come si fa sesso o si resta incinta: sarebbero questi alcuni dei temi citati nel progetto di educazione all’affettività e alla sessualità dedicato ai bambini di quinta elementare della scuola primaria “Edmondo De Amicis” di Marano sul Panaro, in provincia di Modena

Sull’argomento ecco le parole di Elisa Rossini, consigliere comunale a Modena del Popolo della famiglia e dirigente nazionale del PdF.

«Alle scuole elementari De Amicis di Marano sul Panaro i bambini di quinta elementare sono coinvolti in un progetto dai contenuti decisamente inappropriati» ha dichiarato Elisa Rossini. «Innanzitutto non vi è chiarezza sul contenuto del progetto che è stato fornito ai genitori su loro richiesta, prima in una versione più articolata e dettagliata con i contenuti contestati da alcuni genitori tramite l’associazione Pro Vita & Famiglia, poi, guarda caso dopo l’intervento di quest’ultima, in una versione più “soft”. Dobbiamo ricordare che una nota del Ministero dell’Istruzione del 2018 riconosce il diritto al consenso informato dei genitori su tutti i progetti extracurricolari e quindi non obbligatori e che il consenso deve, appunto, essere “informato”, quindi dall’Istituzione scolastica deve pervenire ai genitori una corretta informazione. Il fatto che prima si consegni un progetto con un certo contenuto poi un secondo tagliato rispetto al primo per altro di elementi essenziali quali argomenti, materiali mezzi e modalità, rende tutto molto discutibile».

«Se poi andiamo a verificare il contenuto del progetto nella versione più estesa le perplessità aumentano - ha aggiunto la Rossini -. Ai bambini si rispondera ad eventuali domande come “chi sono le persone trans?” “Cosa significa l’espressione gender fluid?” “Cosa significa l’espressione genderless?” “Cosa sono il coming out?” “L’omofobia?” E verranno spiegati i vari orientamenti sessuali tra i quali viene citata non solo l’omosessualità ma anche la bisessualità. Si pretende dunque di sottoporre ai bambini che frequentano la classe quinta elementare contenuti non appropriati alla loro età: per dare tali spiegazioni occorrerà inevitabilmente raccontare cosa significa essere omosessuale o bisessuale e quindi entrare nei dettagli dell’atto sessuale che definisce tali orientamenti. Oltre a ciò si pretende di indottrinare i bambini dando per scontato che la fluidità di genere e il superamento del genere binario siano dati acquisiti, mentre è così solamente per gli attivisti LGBTQIA+ che ne fanno la loro bandiera».

«Le scuole però - ha concluso la Rossini - non sono campi di rieducazione di massa, ma luoghi in cui la famiglia viene rispettata nel suo primato educativo e i bambini crescono accompagnati da adulti rispettosi della loro evoluzione, della loro età e della loro innocenza».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/05/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

In Italia mancano le competenze

Una guida realizzata con l’obiettivo di contribuire alla riduzione del mismatch tra domanda e offerta di lavoro. Assolombarda, in collaborazione con ADAPT, ha illustrato nei giorni scorsi “Mestieri e Competenze”, uno studio che intende far fronte alle difficoltà da parte delle aziende di individuare e selezionare figure professionali dotate di competenze adeguate alla propria attività.

Leggi tutto

Storie

Borghi e città d’arte d’Italia

È stata approvata con decreto del direttore centrale per la Finanza locale, la graduatoria dei 51 comuni assegnatari del contributo a valere sul fondo a sostegno delle piccole e medie città d’arte e dei borghi particolarmente colpiti dalla diminuzione dei flussi turistici dovuta alla pandemia Covid-19, previsto dall’articolo 23-ter del decreto-legge n.41/2021, convertito con modificazioni dalla legge n.69/2021.

Leggi tutto

Società

Unicef in Afghanistan: più di 1 milione di bambine e ragazze senza scuola

Allarme Unicef in Afghanistan: più di 1 milione di studentesse senza scuola da 3 anni

Leggi tutto

Storie

Trans, bisturi, persone interrotte

Storie e dati attorno alla transessualità. Reali, non secondo la propaganda del pensiero unico

Leggi tutto

Politica

I risultati del Popolo della Famiglia

Tutti i numeri del Pdf alle amministrative del 5 giugno

Leggi tutto

Media

Manifesti non gender nelle scuole

Contrariamente a quanto si creda, le amministrazioni comunali possono fare molto per arrestare i tentativi – molto spesso subdoli e surrettizi – di introdurre l’ideologia gender nell’insegnamento scolastico. Non dimentichiamo mai che il Comitato Difendiamo i Nostri Figli, di cui mi onoro di essere stato un cofondatore, esordì con la spettacolare e indimenticabile mobilitazione pubblica di Piazza San Giovanni a Roma, il 20 giugno 2015, proprio sul delicato tema della libertà d’educazione dei genitori. Le prossime elezioni amministrative rappresentano un ottimo banco di prova per tornare a rivendicare le ragioni profonde che hanno generato la straordinaria esperienza dei Family Day. E il Popolo della Famiglia è nato proprio per questo scopo. Non dimentichiamocene quando, nel segreto dell’urna, saremo chiamati ad esprimere chi dovrà rappresentare nelle istituzioni tutte quelle famiglie che non hanno avuto paura di sfidare il Potere in una delle più grandi manifestazioni pubbliche che il nostro Paese abbia mai visto dal dopoguerra ad oggi. Sì, mi riferisco proprio al Family Day del Circo Massimo. Quel popolo non può essere tradito un’altra volta.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano