Storie

di Roberto Signori

Pakistan - Cristiana sequestrata per matrimonio forzato

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Attivisti e ong come Human Right Focus Pakistan (Hrfp) si appellano al governo, per chiedere informazioni sulla sorte di alcune ragazzine cristiane sequestrate da tempo, il più alle volte per essere date in spose a musulmani contro la loro volontà. A destare particolare preoccupazione, in questo caso, la vicenda della giovane Aleeza Naeem (nella foto) scomparsa da oltre due mesi dalla propria abitazione, senza alcun intervento della polizia o della magistratura per perseguire i responsabili del rapimento.

Il 13 marzo scorso Aleeza, 19enne studentessa di Faisalabad, è stata sequestrata da un musulmano di nome Muhammad Rashid mentre stava andando a lezione; al sequestro hanno partecipato due complici, Muhammad Hassan e Muhammad Sarwar. Il giorno stesso il padre della ragazza, Naeem Akhtar Masih, si è rivolto alla polizia per denunciare la sua scomparsa. Gli agenti hanno aperto un fascicolo a carico di ignoti e, il giorno successivo, hanno aperto un’inchiesta (il First Information Report), riconoscendo in Muhammad Rashid il principale indiziato.

Fra le prove il fatto che il telefono cellulare appartenente alla ragazza sarebbe stato usato dal suo sequestratore nei giorni successivi, grazie al tracciamento della SIM card effettuato dalla polizia postale. Tuttavia, nelle settimane successive nulla è stato fatto per restituire la ragazza ai familiari.

“Aleeza Naeem è figlia unica, nata dopo numerose preghiere di tutta la famiglia” racconta la madre Fazeelat Bibi ed è anche “la sola ragione di vita di noi genitori”. Il padre aggiunge di voler fare di tutto per “strapparla dalle mani dei suoi rapitori” e salvarla da “una schiavitù sessuale” frutto di un “matrimonio e una conversione forzata”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/05/2022
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

IL PERICOLOSO SILENZIO

Il silenzio con cui la politica italiana ha avvolto l’orrendo assassinio in chiesa del deputato inglese David Amess è esemplare. Non una parola di cordoglio per questo politico cattolico, antiabortista, contrario ai matrimoni gay. Silenziata pure la matrice islamica dell’omicidio. D’altronde il giorno prima in Norvegia un altro islamico radicalizzato ha imbracciato arco e frecce per uccidere cinque persone e ferirne gravemente due. Non sentirete nessuno lanciare l’allarme per una recrudescenza in Europa del terrorismo islamista, che tra il 2020 e il 2021 ha messo a segno una serie di attacchi che a mio avviso sono il preludio di qualcosa che dovrebbe preoccuparci tutti.

Leggi tutto

Storie

Pakistan: cristiano accusato di blasfemia rilasciato su cauzione

Sentenza storica per il Pakistan. Nadeem Samson era stato incarcerato per una disputa sul pagamento della cauzione d’affitto. Non sono tuttavia aumentate le probabilità che venga dichiarato innocente

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ricorda padre Richard

All’udienza generale Francesco ha ricordato il sacerdote congolese dell’Ordine dei Chierici Regolari Minori, “vittima di una violenza ingiustificabile e deprecabile”, ucciso lo scorso 2 febbraio nel Nord Kivu

Leggi tutto

Politica

Padre Maccalli: “Davanti a Dio non ci sono figli di serie B”

In questo tempo di zoom e reportage quotidiani sulla guerra in Ukraina, aiutiamo l’opinione pubblica a non considerare nessuno ostaggi di serie B.”

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano - Nominato il nuovo Superiore generale dei Camilliani

“Sono cosciente delle difficoltà e delle sfide che abbiamo ma sono anche cosciente delle nostre opportunità”. Si è rivolto con queste parole alla Consulta dei Ministri degli Infermi, MI, riuniti in occasione del LIX Capitolo generale padre Pedro Tramontin, eletto 61° Superiore generale dell’Ordine.

Leggi tutto

Politica

Iraq: il ritorno dei cristiani

Circa il 50 per cento delle famiglie che avevano lasciato l’Iraq con l’invasione da parte dell’ISIS del sedicente Stato Islamico hanno fatto ritorno nel Paese, giustificando così un cauto ottimismo delle organizzazioni internazionali per il ritorno dei cristiani nel Paese del Golfo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano