Storie

di Nathan Algren

PAKISTAN - I cristiani: No a raduni politici su terreni della Chiesa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I cristiani in Pakistan condannano rigettano e stigmatizzano l’organizzazione di raduni politici su terreni, in edifici e proprietà delle Chiese. Come appreso da Fides, il partito politico dell’ex Primo Ministro Imran Khan, ha organizzato un raduno politico pubblico nel complesso di una scuola gestita dalla Chiesa Presbiteriana del Pakistan nella città di Sialkot, in Punjab, che viene utilizzato per organizzare un congresso cristiano annuale in Pakistan. Il Pakistan Tehreek-e-Insaaf (PTI) ha programmato il raduno dei propri militanti e sostenitori la sera del 14 maggio 2022.

Il Rev. Ishaq Masih, Pastore Incaricato della Chiesa Presbiteriana del Christian Training Institute (CTI) in un messaggio inviato all’Agenzia Fides afferma: “Il terreno nella CTI Boys High School è una proprietà della Chiesa ed è stato per la preghiera annuale della ‘Convenzione di Sialkot’, assemblea di preghiera cristiana che si svolge ogni anno fin dal 1904”. Il Pastore aggiunge: “La proprietà appartiene alla Chiesa dal 1881. Desideriamo che i beni della Chiesa non vengano utilizzati per nessuno degli incontri politici. Abbiamo anche chiesto all’Ufficiale di coordinamento distrettuale di polizia di spostare questo raduno politico in un altro luogo”.
Poi aggiunge: “Spero che i funzionari del governo ascoltino la nostra richiesta e riescano a dirottare l’incontro altrove. diversamente, renderemo noto il nostro pieno dissenso per l’utilizzo delle proprietà della Chiesa senza il permesso della direzione e amministrazione della Chiesa”, conclude il Pastore.

La CTI High School è stata fondata nel 1881 e da dispone di un terreno che è di proprietà della scuola e si trova al confine tra la CTI High School e la proprietà della CTI Church. L’amministrazione scolastica e ecclesiastica è venuta a conoscenza di questo incontro politico dopo che i volontari del PTI hanno iniziato ieri i preparativi sul terreno. Essendo un luogo normalmente usato per raduni religiosi, tenere un raduno politico in questo luogo danneggerà i sentimenti religiosi della comunità cristiana in Pakistan.

L’amministrazione della Chiesa ha presentato ricorso al Tribunale della città di Lahore e ha diffuso una nota di protesta a livello nazionale.
Shabbir Shafqat, presidente del “National Christian Party”, dice a Fides di “opporsi fermamente alla decisione del PTI di organizzare raduni politici in edifici o terreni delle Chiese”. Anche il cristiano Nasir Raza, impegnato per i diritti umani a Karachi, dichiara: “La Chiesa non fa politica e non acconsente a tenere manifestazioni politiche nelle sue proprietà. Tutti i partiti politici devono rispettare i beni ecclesiastici e l’amministrazione della Chiesa”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/05/2022
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Mercoledì delle Ceneri e San Valentino

Come possono le coppie cattoliche celebrare entrambe le date

Leggi tutto

Società

Sposarsi in chiesa fa durare il matrimonio

I dati Istat dimostrano che le nozze celebrate con rito religioso hanno una tendenza a resistere maggiore rispetto alle unioni celebrate con rito civile

Leggi tutto

Chiesa

No alla comunione dei divorziorisposati

Parlando ai vescovi cileni in visita ad limina il pontefice ha risposto ad alcune loro domande su sinodo e aborto. Chiarando più punti.

Leggi tutto

Media

Vogliono tornare all’EIAR

Ho lavorato per molti anni in Rai e ne conosco bene il terribile sport che accomuna l’ipertrofica pianta organica dei dipendenti e dirigenti dell’azienda: fiutare il vento e piazzare la vela in conformità. Per chi ama la libertà delle idee è qualcosa che ti fa mancare l’aria, io mi dimisi addirittura da un contratto a termine, comprendo perfettamente la decisione di Milena Gabanelli di autosospendersi davanti all’umiliazione, come quella di Giletti e Floris (altro sgradito, molto sgradito a Renzi) di andarsene a La7.

Leggi tutto

Politica

Cosa fare per non perdere ancora

Siamo destinati a continuare a perdere se continueremo a ripetere lo stesso errore, cioè quello di affidare la rappresentanza politica dei cattolici che credono nei principi non negoziabili all’ambiguità di una coalizione che semplicemente non coltiva i nostri stessi valori e li baratta come fossero merce sull’altare della politica politicante. Nel 2013 i cattolici di questa fatta hanno in massima parte votato per Berlusconi, per Alfano e per la Lega. Ora o si prende atto che Berlusconi in Pascale, per sua stessa ammissione, crede che i valori omosessualisti siano “una battaglia per i diritti di tutti” e infatti manda Renata Polverini a sfilare ai Gay Pride; che la nuova versione degli alfanoidi alleati di Berlusconi, cioè Maurizio Lupi e l’ineffabile ex ministro della Famiglia Enrico Costa a cui si aggregheranno quelli di Idea e lo straordinario Capezzone più Stefano Parisi nella mitologica costruenda “quarta gamba” del centrodestra, nasce già con l’obiettivo di dare i voti necessari al permanere degli attuali equilibri di governo; che la Lega in Veneto con Zaia (sostenitore della legge sul “fine vita”) stanzia i fondi per la “rettifica del sesso” cioè per i trans, con Maroni annuncia il baratto tra legge sull’omofobia e legge sull’autonomia, con Salvini annuncia come “primo provvedimento in consiglio dei ministri” la legalizzazione della prostituzione, come richiesto da un grande sostenitore del leader del Carroccio, il trans turco Efe Bal; che quest’ultima proposta è sostenuta con grande forza da Fratelli d’Italia e da Giorgia Meloni, che si candida a completare un ventennio da parlamentare, ma nei precedenti quindici anni in cui è stata per cinque anni eletta voluta dal suo padre politico Gianfranco Fini, per cinque anni vicepresidente della Camera, per cinque anni addirittura ministro, non si ricorda una sola proposta che fosse una sul diritto alla vita o sulla famiglia; o si prende atto che fare nel 2018 le stesse scelte politiche del 2013 equivale ad esporsi agli stessi rischi, perché sostenere un centrodestra strutturalmente ambiguo sui principi significa far entrare in Parlamento centinaia di deputati e senatori disposti al compromesso sulle leggi di principio, o davvero non si capisce nulla di politica. E sorge allora il sospetto che a qualcuno piacciano i vecchi equilibri in cui si perde sempre, pur di salvaguardare alcune stantie rendite di posizione.

Leggi tutto

Chiesa

Tornando alla questione degli abusi….

Suor Anna Deodato ha correttamente spiegato che: «l’abuso sessuale accade come ultimo, tragico atto di una serie di abusi di potere e di coscienza».

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano