Storie

di Giuseppe Udinov

Nave spia cinese “entra” in Australia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Un atto di aggressione senza precedenti”. L’Australia ha definito così la manovra “inusuale” effettuata da un’unità navale cinese con capacità di intelligence, avvistata al largo delle coste occidentali del Paese nell’atto di entrare nella zona economica esclusiva di Canberra.

La notizia è stata data dal ministro della Difesa australiano, Peter Dutton, secondo cui la vicenda sarebbe avvenuta nelle scorse ore, a circa 250 miglia nautiche a nord-ovest della città di Broome. “Si tratta di un atto aggressivo, in particolare perché la nave è andata così tanto verso sud”, ha spiegato il ministro Dutton, aggiungendo che l’imbarcazione era stata monitorata già una settimana fa, senza tuttavia specificare quando è avvenuto il primo contatto visivo con il mezzo di Pechino.

L’intenzione della nave, ha spiegato Canberra, era quella di raccogliere informazioni, visto che si trovava in prossimità di installazioni militari e di intelligence sulla costa occidentale dell’Australia. Canberra, non a caso, ha fatto sapere di aver rintracciato la nave spia mentre passava davanti alla stazione di comunicazione navale Harold E Holt a Exmouth, utilizzata dai sottomarini australiani, statunitensi e degli altri alleati.

Il dipartimento della Difesa ha affermato che la nave spia avvistata è la Haiwangxing, una nave dell’intelligence ausiliaria di classe Dongdiao, e che era già stata avvistata al largo delle coste australiane lo scorso anno.

L’Haiwangxing ha viaggiato lungo la costa occidentale dell’Australia fino alle vicinanze di Exmouth, prima di cambiare rotta e seguire la rotta verso est lungo la costa nord-occidentale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/05/2022
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Sul filo del rasoio

Una riflessione sui momenti di debolezza e sconforto che tutti noi abbiamo. Arriva il momento in cui vediamo tutto nero e veniamo sopraffatti dal dolore. Arriviamo a un punto in cui non abbiamo più margini di manovra per affrontare le difficoltà e le traversie che incontriamo nel nostro percorso. Lì accadde qualcosa che ribalta tutto, accettiamo la nostra debolezza; le difese si abbassano e possiamo far esplodere le nostre emozioni. Da lì, come liberati da un macigno che ci faceva affondare, possiamo ripartire con un nuovo Spirito. Siamo di nuovo pronti ad affrontare la vita e riprendere a vivere, consapevoli che corriamo sul filo del rasoio; però sappiamo che non siamo mai soli.

Leggi tutto

Chiesa

Verso l’Incontro mondiale delle famiglie

7 catechesi e 7 videotestimonianze che raccontano storie, ferite, rinascita, fede. È la proposta del Vicariato di Roma e del Dicastero Laici Famiglia e Vita in preparazione a questa grande festa che si terrà a Roma dal 22 al 26 giugno prossimi

Leggi tutto

Storie

India - Karnataka e legge anti conversioni

Il primo ministro locale al governatore: sia promulgata senza attendere il voto della Camera alta del parlamento. Diventerebbe il decimo Stato indiano ad adottare il provvedimento utilizzato contro le attività dei cristiani. L’appello dell’arcivescovo di Bangalore: “Verrà utilizzata da frange estremiste per seminare discordia, il governatore non la approvi”

Leggi tutto

Storie

Ucraina, distrutto il monastero ortodosso della “Santa Dormizione”

La Lavra, nel Donetsk, è stata colpita il 30 maggio dall’attacco russo nella città di Svyatogorsk. Morto l’archimandrita, due monaci e una suora.

Leggi tutto

Storie

150 anni fa nasceva don Orione

Il Santo, nato il 23 giugno sarà ricordato in una serie di iniziative durante tutta la settimana: da Pontecurone, dove è nato, a Sanremo luogo della morte

Leggi tutto

Chiesa

Nigeria: ancora rapimenti di sacerdoti

A pochi giorni dal rapimento di padre Emmanuel Silas nell’area del governo locale di Kauro, la diocesi di Kafanchan ha diffuso la notizia del sequestro di altri due sacerdoti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano