Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Il Papa incontra l’Associazione Famiglia Spirituale Charles de Foucauld

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Papa ha incontrato, nell’Auletta dell’Aula Paolo VI, un gruppo dell’Associazione Famiglia spirituale Charles De Foucauld. Il Pontefice li ha esortati a seguire l’esempio del santo. Ecco le sue parole.

Cari fratelli e sorelle,

benvenuti! Sono contento di incontrarvi e di condividere con voi la gioia per la canonizzazione di Fratel Carlo. In lui possiamo vedere un profeta del nostro tempo, che ha saputo portare alla luce l’essenzialità e l’universalità della fede.

L’essenzialità, condensando il senso del credere in due semplici parole, in cui c’è tutto: “Iesus – Caritas”; e soprattutto ritornando allo spirito delle origini, allo spirito di Nazaret. Auguro anche a voi, come Fratel Carlo, di continuare a immaginare Gesù che cammina in mezzo alla gente, che porta avanti con pazienza un lavoro faticoso, che vive nella quotidianità di una famiglia e di una città. Quant’è contento il Signore di vedere che lo si imita nella via della piccolezza, dell’umiltà, della condivisione con i poveri! Charles de Foucauld, nel silenzio della vita eremitica, nell’adorazione e nel servizio ai fratelli, scrisse che, mentre «noi siamo portati a mettere al primo posto le opere, i cui effetti sono visibili e tangibili, Dio dà il primo posto all’amore e poi al sacrificio ispirato dall’amore e all’obbedienza derivante dall’amore» (Lettera a Maria de Bondy, 20 maggio 1915). Come Chiesa abbiamo bisogno di tornare all’essenziale, di non smarrirci in tante cose secondarie, con il rischio di perdere di vista la purezza semplice del Vangelo.

E poi l’universalità. Il nuovo Santo ha vissuto il suo essere cristiano come fratello di tutti, a partire dai più piccoli. Non aveva l’obiettivo di convertire gli altri, ma di vivere l’amore gratuito di Dio, attuando “l’apostolato della bontà”. Così scriveva: «Io voglio abituare tutti gli abitanti cristiani, musulmani, ebrei e idolatri a considerarmi come loro fratello, il fratello universale» (Lettera a Maria de Bondy, 7 gennaio 1902). E per farlo aprì le porte della sua casa, perché fosse “un porto” per tutti, “il tetto del buon Pastore”. Vi ringrazio perché portate avanti questa testimonianza, che fa tanto bene, specialmente in un tempo in cui si rischia di chiudersi nei particolarismi, di accrescere le distanze, di perdere di vista il fratello. Lo vediamo purtroppo nella cronaca di ogni giorno.

Fratel Carlo, nelle fatiche e nella povertà del deserto, raccontava: «La mia anima è sempre nella gioia» (Lettera a don Huvelin, 1° febbraio 1898). Care sorelle e fratelli, la Madonna vi conceda di custodire e alimentare la medesima gioia, perché la gioia è la testimonianza più limpida che possiamo dare a Gesù in ogni luogo e in ogni tempo.

E inoltre vorrei ringraziare San Charles de Foucauld, perché la sua spiritualità mi ha fatto tanto bene quando studiavo la teologia, un tempo di maturazione e anche di crisi. Mi è arrivata tramite padre Paoli e tramite i libri di Voillaume, che io leggevo continuamente. Mi ha aiutato tanto a superare le crisi e a trovare una strada di vita cristiana più semplice, meno pelagiana, più vicina al Signore. Ringrazio il Santo e do testimonianza di questo, perché mi ha fatto tanto bene.

Buona missione! Vi benedico e vi chiedo, per favore, di continuare a pregare per me. Grazie!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/05/2022
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Francesco benedice la campana “La Voce dei Non Nati”

Donata dalla Fondazione “Sì alla vita” allo Zambia, sarà portata nella Cattedrale di Gesù Bambino a Lusaka e da lì partirà per molte altre città del Paese africano.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco, la Santa Sede: “Condizioni migliorano, prosegue le cure”

Quadro clinico in progressivo miglioramento per papa Francesco, da ieri ricoverato all’ospedale Gemelli di Roma.

Leggi tutto

Chiesa

PAPA - REGINA CAELI

Al Regina Caeli del Lunedì dell’Angelo, Francesco evidenzia che quando facciamo conoscere il Signore, Lui ci viene incontro. Come è successo alle donne discepole che, non scoraggiate da angosce e timori, si recano al sepolcro di Gesù e, trovatolo vuoto, corrono a riferire tutto agli apostoli e incontrano il Maestro. Il modo per stare vicini a Dio non è tenerlo per noi, dice il Pontefice, non parlandone per paura di giudizi e critiche, ma annunciarlo, senza però fare propaganda o proselitismo.

Leggi tutto

Storie

Il Premio Paolo VI assegnato al Presidente della Repubblica Mattarella

Sarà Papa Francesco a consegnarlo al Capo dello Stato il prossimo 29 maggio

Leggi tutto

Chiesa

Ungheria - Incontro del papa con i giovani a Budapest

Viaggio Apostolico in Ungheria: Incontro con i giovani

Leggi tutto

Società

Pakistan - Vedova cristiana vittima delle leggi sulla blasfemia

Mussarat Bibi, 46 anni, addetta alle pulizie in una scuola, è stata accusata di aver intenzionalmente bruciato delle pagine del Corano, nonostante sia analfabeta. Insieme a lei è stato accusato un giardiniere musulmano, mentre nei giorni scorsi un leader religioso è stato linciato da una folla. Gli attivisti per i diritti umani: “Evidenti gli abusi”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano