Storie

di Roberto Signori

Associazione medica trans e contenuti sadici e pedopornografici

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La World Professional Association for Transgender Health (WPATH), l’associazione medica internazionale che definisce le linee guida per la “transizione” medica dei bambini, ha collaborato con i partecipanti a un forum fetish che ospita e produce materiale pedopornografico fittizio e contenuti sadomaso estremi, che includono anche la castrazione.

Il 3 dicembre 2021, WPATH ha pubblicato una bozza di linee guida che includevano, per la prima volta, la categoria di “eunuco” come “identità di genere” protetta. L’ottava edizione aggiornata di WPATH dei loro Standards of Care (SOC), che raccomanda cure e servizi medici per coloro con un’“identità di genere” autodichiarata, descrive la relazione tra “persone che s’identificano come eunuche e altre persone transgender”.

Il documento afferma: “Le persone che s’identificano come eunuche possono condividere con altre persone di genere diverso il desiderio di riduzione o eliminazione delle caratteristiche fisiche maschili, dei genitali maschili o del funzionamento genitale”.

Questa bozza è stata prodotta con la collaborazione di uno degli amministratori di un Forum di eunuchi. l’“Archivio di narrativa” del Forum è direttamente riconosciuto e nominato. Ma il documento non menziona la grande quantità di storie all’interno dell’archivio che coinvolgono direttamente abusi sessuali sadici sui bambini.

Le storie si concentrano principalmente sull’erotizzazione della castrazione infantile. In alcune, i ragazzini richiedono loro stessi le procedure ed esprimono gratitudine agli adulti che eseguono le operazioni. In altri, i bambini vengono castrati con la forza in condizioni di estrema coercizione. Alcune narrazioni descrivono con dettagli raccapriccianti scene in cui dei bambini vengono violentati dai medici.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/05/2022
0510/2022
Ss. Placido e Mauro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Pakistan - Rischia il linciaggio per (falsa) accusa di blasfemia

Ashok Kumar, operatore sanitario pakistano di religione indù ha rischiato il linciaggio in base a una (falsa) accusa di blasfemia, per aver profanato il Corano

Leggi tutto

Storie

Il diritto di essere contro il divorzio

l 99% di chi contesta il mio diritto di essere contro il divorzio, mai contesterebbe a Sofri i pezzi che scriveva su Calabresi su Lotta Continua o a Scalfari gli articoli che scriveva su Roma Fascista.

Leggi tutto

Società

Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni

Parte la nuova edizione del Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni. La rilevazione proseguirà fino al mese di dicembre e coinvolgerà un campione di 1 milione 326.995 famiglie residenti in 2.531 comuni sparsi sull’intero territorio nazionale. Il Censimento permette di conoscere le principali caratteristiche strutturali e socio-economiche della popolazione che dimora abitualmente in Italia, a livello nazionale, regionale e locale e di confrontarle con quelle del passato e degli altri Paesi.

Leggi tutto

Società

Un’estate con Il Green Pass & Co

Una dei grandi pregi del Popolo della Famiglia è quella di unire persone legate dai valori ma con sensibilità diverse. Il Green Pass viaggia su diverse strade ma il bello è rispettare le idee di tutti. Paolo Nardon ci dice la sua…..,

Leggi tutto

Politica

Virus, vaccino e libertà

Eccovi un interessante osservazione di Mario Adinolfi sulla situazione della gestione pandemica in Italia.

Leggi tutto

Società

Gli atleti trans sempre in vantaggio

Le proteste non hanno vinto il politicamente corretto: «Più nuotatrici hanno sollevato il problema, più volte», ha raccontata un’atleta al DailyMail. «E’ decisamente imbarazzante perché Lia ha ancora parti del corpo maschili ed è ancora attratta dalle donne. Ma in pratica ci è stato detto che dobbiamo girarci e accettarlo, oppure non possiamo usare il nostro spogliatoio». Solo due o tre atlete supportano Thomas, la maggior parte ha paura di parlare e la scuola vieta agli studenti di parlare con i media.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano