Storie

di Nathan Algren

Cina e tratta di matrimoni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Continua a crescere il numero di donne cambogiane vittime della tratta per essere date in sposa a uomini in Cina. A denunciarlo è un nuovo rapporto della Global Initiative Against Transnational Organized Crime (GI-TOC).

“Il numero di ragazze e donne che si spostano dalla Cambogia alla Cina per matrimoni forzati o combinati è aumentato dal 2016 e ha subito un’ulteriore impennata dall’inizio della pandemia da Covid-19 nel primo trimestre del 2020”. Pur essendo possibile che vi siamo situazioni in cui si tratta realmente di una scelta consensuale, il rapporto ha raccolto la testimonianza di un numero crescente di donne che hanno riferito di essersi trovate in ambienti violenti o pericolosi una volta in Cina.

Come in tutti i contesti di tratta, il traffico di spose verso la Cina è guidato dalla domanda, alimentata dalla famigerata politica del figlio unico rimasta in vigore in Cina fino al 2015: combinata con la pratica dell’aborto selettivo, ha creato uno squilibrio di genere in età oggi da matrimonio con una carenza di donne.

Il traffico di spose è in atto già dagli anni ‘80, ma ha registrato un aumento significativo a partire dal 2000, quando la prima generazione nata sotto questa politica è diventata maggiorenne. Secondo il rapporto della GI-TOC i trafficanti di spose sul mercato cinese riescono a guadagnare tra i 20mila e i 40mila dollari per ogni matrimonio. “Alcune donne - si legge nella denuncia - vengono ingannate promettendo loro un lavoro in Cina; ad altre viene detto che hanno bisogno di un certificato di matrimonio per poter accedere a lavori ben retribuiti (cosa che non avviene); altre ancora vengono ingannate e vendute da familiari, parenti e conoscenti in cambio di una somma forfettaria o della promessa di un buon matrimonio e di una vita migliore in Cina”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/05/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Se le nozze le fissa il commercialista

Nel 2015 i matrimoni sono aumentati, ma i divorzi sono schizzati in su con un +57% rispetto al 2014, evidentemente a causa della novella legge sul divorzio breve. Gli ospiti, con la leggerezza che si addice ad uno studio televisivo come questo, hanno sparato in libertà diverse impressioni personali sul tema: si è detto che sposarsi giovani è un male, perché il matrimonio è un impegno serio, per cui l’aumento dell’età media per convolare a nozze è una cosa buona; bisogna sposarsi quando arriva il momento giusto, salvo poi che questo momento giusto non lo sa definire nessuno.

Leggi tutto

Politica

Gli sfregi di Laura Boldrini alla Conferenza sulla famiglia

A metà tra la spaesatezza e la provocazione, il surreale intervento della “Presidenta”

Leggi tutto

Politica

DEF: provare a leggere i numeri

Nel 2050 l’Italia avrà perduto il 17% della popolazione. In un trentennio accadrà quanto non è accaduto nel trentennio che andò dal 1915 al 1945, quando l’Italia fu squassata da due violentissime guerre mondiali e perse meno del 10% della sua popolazione. L’emergenza demografica, che si annuncia sicurissima all’orizzonte, non è un tema di nicchia: è la questione centrale italiana oggi.

Leggi tutto

Società

Rachele e Diana, ostetriche per la pelle

Un’ostetrica che si diede alla professione quando già aveva vissuto “il mestiere di partorire” dall’altra parte del lettino torna a incontrare in un’ampia intervista una delle sue storiche insegnanti, Diana Panfili (che oggi ha 81 splendidi anni ed è una vivacissima perugina). Il dialogo si riversa su molti fronti fra ricordi dei primi anni ’60 e prospettive per il futuro.

Leggi tutto

Politica

Al Paese serve la nostra lucida e visionaria follia

I prossimi quattro anni saranno per il Popolo della Famiglia i più impegnativi dalla sua nascita, perché saranno quelli in cui bisognerà porre le premesse operative per andare al governo del Paese.

Leggi tutto

Politica

Amministrative, l’esempio e il messaggio del PdF

Ci troviamo in un tempo in cui la sfiducia e l’incertezza del domani stanno distruggendo le nuove generazioni, ma a questo bisogna rispondere con l’impegno e la passione che ci contraddistingue. Nonostante tutto è forte il desiderio di mutare rotta, di essere testimoni di un popolo che punta al nuovo. Il quadro è chiaro: il Popolo della Famiglia, inizia, sempre di più, ad essere presente, ad essere radicato su tutto il territorio, concentrandosi sulla difesa e affermazione dei principi non negoziabili, la cultura della vita e della famiglia naturale, la difesa dei più deboli, degli ultimi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano