Storie

di Nathan Algren

Cina e tratta di matrimoni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Continua a crescere il numero di donne cambogiane vittime della tratta per essere date in sposa a uomini in Cina. A denunciarlo è un nuovo rapporto della Global Initiative Against Transnational Organized Crime (GI-TOC).

“Il numero di ragazze e donne che si spostano dalla Cambogia alla Cina per matrimoni forzati o combinati è aumentato dal 2016 e ha subito un’ulteriore impennata dall’inizio della pandemia da Covid-19 nel primo trimestre del 2020”. Pur essendo possibile che vi siamo situazioni in cui si tratta realmente di una scelta consensuale, il rapporto ha raccolto la testimonianza di un numero crescente di donne che hanno riferito di essersi trovate in ambienti violenti o pericolosi una volta in Cina.

Come in tutti i contesti di tratta, il traffico di spose verso la Cina è guidato dalla domanda, alimentata dalla famigerata politica del figlio unico rimasta in vigore in Cina fino al 2015: combinata con la pratica dell’aborto selettivo, ha creato uno squilibrio di genere in età oggi da matrimonio con una carenza di donne.

Il traffico di spose è in atto già dagli anni ‘80, ma ha registrato un aumento significativo a partire dal 2000, quando la prima generazione nata sotto questa politica è diventata maggiorenne. Secondo il rapporto della GI-TOC i trafficanti di spose sul mercato cinese riescono a guadagnare tra i 20mila e i 40mila dollari per ogni matrimonio. “Alcune donne - si legge nella denuncia - vengono ingannate promettendo loro un lavoro in Cina; ad altre viene detto che hanno bisogno di un certificato di matrimonio per poter accedere a lavori ben retribuiti (cosa che non avviene); altre ancora vengono ingannate e vendute da familiari, parenti e conoscenti in cambio di una somma forfettaria o della promessa di un buon matrimonio e di una vita migliore in Cina”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/05/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La povera famiglia italiana

I dati Istat certificano che le famiglie sono sempre più lasciate sole, in Italia e in Europa: una su quattro vive un forte disagio economico

Leggi tutto

Politica

PdF unica alternativa praticabile

Il Pd renziano prova a silurare il governo stesso con la speranza di veder tornare il proprio Napoleone dall’isola d’Elba. Direttamente da Sant’Elena fa capolino la voce di Berlusconi, al contempo
Napoleone del centrodestra disfatto e convitato di pietra che ripropone nei salotti italiani discorsi e slogan da 1992. La vera novità sostanziale si dà solo nel movimento che sorge dai Family Day

Leggi tutto

Politica

PDF le cinque cose da fare subito

L’assemblea nazionale ha incaricato due commissioni (presiedute da Nicola Di Matteo e Fabio Torriero) di indicare candidati e programma del Popolo della Famiglia per le prossime elezioni politiche

Leggi tutto

Società

Sposatevi e figliate… spieghiamolo bene

Uno scritto privato di una nostra autrice è diventato virale sui social (addirittura venendo spacciato per “omelia di Natale” di un sacerdote). La stessa s’interroga oggi sul contenuto di quel testo che ha innescato la viralità. Non si fanno classifiche tra le madri e le non-madri, o tra le casalinghe e le donne in carriera: però la vita esige un vero impegno per la fecondità.

Leggi tutto

Politica

Sul tema del voto dei cattolici

La questione che io pongo, però, è: se tutti si trovano concordi sulla necessità di questa benedetta “spinta dal basso”, perché nessuno si adopera per organizzarla sul serio? Guardate, sarei curioso persino di vedere all’opera i nuovi comitati civici “escludenti” di Fontana, sono convinto che sarebbero però più efficaci le “sardine bianche” in qualche modo evocate dalla Morresi, ma ormai mi sta bene tutto, purché io veda i cattolici fare qualcosa di politicamente decente e non solo lamentarsi fino alla prossima sconfitta, quando si lamenteranno di nuovo e ancora di più.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Slovacchia: l’importanza dell’integrazione

Papa Francesco è tornato a parlare di uno degli argomenti che gli stanno più a cuore con un richiamo all’integrazione, alla coesione e all’ospitalità. Tutto questo è avvenuto durante l’incontro, a Bratislava, con le Autorità, la Società Civile e il Corpo diplomatico

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano