Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa - Bisogna curare ed estirpare la distruttività umana

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Di fronte alla profonda crisi antropologica e di senso che il mondo sta attraversando, “la Chiesa ha il dovere di rispondere in modo adeguato ed efficace”. Lo scrive il Papa nel Messaggio inviato all’Istituto di Psicologia della Pontificia Università Gregoriana che, con il convegno internazionale e interdisciplinare “Adamo, dove sei? La questione antropologica oggi”, celebra il 50.mo anniversario dalla sua fondazione. L’evento intende analizzare in che modo le sfide di oggi - fra cui la globalizzazione, le nuove tecnologie, la crisi ecologica, il postumano - influenzano la persona umana e la sua dignità trascendente e se la Chiesa sarà in grado di rispondere in modo creativo e in vista del futuro. Tutto ciò dal punto di vista psicologico, filosofico, teologico e sociologico.

Analizzando il presente, nel suo Messaggio, Francesco allude a quanto sta accadendo in Ucraina, e definisce “l’immane tragedia della guerra che si sta consumando davanti ai nostri occhi, “la peggiore conseguenza della distruttività umana, individuale e sistemica, che non viene presa sufficientemente sul serio e non viene dovutamente curata ed estirpata alla radice”. Afferma che occorre “imparare a dire no al male”, “sollevare quanti sono feriti o offesi nella loro dignità” e “formare persone capaci a loro volta di forgiare formatori con una solida preparazione antropologica”. Per questo la Chiesa continua ad aspettarsi dall’Istituto “un servizio di qualità basato sulle conoscenze della psicologia con gli apporti della teologia e della filosofia”. “La vostra missione è a servizio della promozione della persona umana e del continuo processo di evangelizzazione - aggiunge il Pontefice - che si realizza traducendo nel concreto dell’esistenza umana il dono supremo della Redenzione compiuto dal Signore Gesù Cristo”.

Nel suo Messaggio Francesco ricorda che l’Istituto di Psicologia è nato “sull’onda dell’aggiornamento ecclesiale avviato dal Concilio Vaticano Il, che nella Gaudium et spes, esortava, nella cura pastorale, a far uso “non soltanto dei principi della teologia, ma anche delle scoperte delle scienze profane, in primo luogo della psicologia e della sociologia, cosicché i fedeli siano condotti a una più pura e più matura vita di fede”. Nei suoi 50 anni di storia, prosegue il Papa, l’Istituto ha portato avanti “con coraggio l’approccio interdisciplinare nella cura pastorale dei fedeli, sia ne1 campo della ricerca e delle numerose pubblicazioni, sia nella prassi pastorale e formativa”. E “seguendo il principio ignaziano della cura personalis”, ha “preparato specialisti capaci di integrare spiritualità e psicologia nelle attività apostoliche ed educative, in diversi contesti geografici e culturali della Chiesa”. Oltre mezzo migliaio di uomini e donne, di varie culture nei diversi continenti che poi, in collaborazione con l’Istituto, hanno dato origine a una quindicina di centri specializzati per formatori, in diverse regioni dell’Africa, del1’America Latina, de1l’Asia e in Europa.

Quindi il pontefice aggiunge: “nella situazione attuale del mondo risuona con grande forza, ci interroga, ci scuote e ci invita a un serio esame di coscienza e alla conversione”. Infine il Papa auspica che “le celebrazioni del 50.mo anniversario dell’Istituto di Psicologia della Gregoriana rinnovino “l’impegno della ricerca, dell’insegnamento e della cura per le persone”, perché docenti e studenti siano “al servizio della Chiesa in uscita verso le periferie esistenziali degli uomini e delle donne di oggi, nella diversità delle loro culture ma accomunati dal bisogno di sostegno e slancio per affrontare i disagi e le sfide della vita”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/05/2022
2911/2022
San Saturnino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ecco chi c’era al “sinodo-ombra” di maggio

Esce un libro in cui i “docenti di teologia” del conciliabolo in Gregoriana vengono allo scoperto, con nomi (sconosciuti),
numeri (risibili) e tesi (le solite). E le minacciose ombre proiettate sul cinematografo di Repubblica svaniscono d’incanto

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il populismo

Non mi sento un uomo eccezionale sono un peccatore, un uomo che fa quello che può, “comune”. Sento che “non mi fanno giustizia con le aspettative”, “esagerano. “Non si dimentichi - precisa - che l’idealizzazione di una persona è una forma sottile di aggressione” e “quando mi idealizzano mi sento aggredito”.
Dal momento che sono stato eletto Papa non ho perso la pace. Capisco che a qualcuno non piaccia il mio modo di agire, ma lo giustifico, ci sono tanti modi di pensare, è legittimo ed è anche umano, è una ricchezza.

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Politica

Una strada per liberi e forti

Nei giorni in cui c’è stato e c’è chi insistentemente afferma che il Popolo della Famiglia non serve più a niente non avendolo condotto immediatamente al seggio parlamentare, dunque meglio acconciarsi a sostenere i nuovi potenti e il governo del Trentennio, io resto sempre più convinto del progetto pidieffino e provo a delinearlo per quello che è, per quello per cui l’abbiamo fondato nel marzo 2016, per quello per cui credo che abbia ancora lo stesso inalterato senso ventotto mesi dopo e nel futuro a venire.

Leggi tutto

Società

LA FRANCIA MANIFESTA CONTRO IL DDL BIOETICO

600mila persone sono inopinatamente tornate a manifestare, per le strade d’Oltralpe, malgrado il tiepido sostegno dei Vescovi.

Leggi tutto

Società

Manco al cinema posso andare

29 milioni di italiani continuano a vivere regolarmente sposati, allevano 15 milioni di figli minorenni o maggiorenni non autosufficienti, si fanno carico di 3,8 milioni di disabili, degli anziani che non possono più vivere da soli. Questa è l’Italia, nella sua stragrande ottimizzato. Raccontarla, mai?

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano