Società

di Roberto Signori

Turchia - I danni alla ‘moschea’ Santa Sofia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Gli esperti di antichità avevano lanciato l’allarme e l’Unesco aveva minacciato di rimuovere Santa Sofia (e Chora) dai patrimoni dell’umanità, perché sotto il controllo del governo turco e convertendola in moschea avrebbe perso il suo valore universale. Rischiando, al tempo stesso, di venire danneggiate compromettendo in maniera irreparabile il loro valore storico, culturale e simbolico, perché elemento di unità per tutti gli abitanti della Turchia, a prescindere dall’appartenenza religiosa. Ora, i timori si sono avverati con le prime lesioni alla struttura.

Il danneggiamento di Santa Sofia risale al mese scorso e riguarda le porte imperiali (nella foto) della ex basilica cristiana, oggi luogo di culto musulmano per volere del presidente Recep Tayyip Erdogan in seguito a una campagna di progressiva “islamizzazione” della società turca. Secondo quanto riferiscono le cronache alcuni vandali avrebbero strappato alcuni pezzi da una imponente porta in quercia situata all’ingresso dell’edificio. A oggi l’identità dei vandali è sconosciuta e non risultano indagini adeguate per risalire agli autori e responsabili del gesto, mentre fin dall’inizio gli attuali custodi della struttura hanno cercato di minimizzare i danni e la gravità dell’episodio.

Il timore è che altri e più gravi episodi possano avvenire in un futuro prossimo. Serif Yasar, capo del sindacato turco che riunisce gli studiosi di Storia dell’arte, sottolinea che il danno alle porte “potrebbe essere il primo di molti disastri al sito patrimonio mondiale” a causa del crescente stato di “abbandono”. Egli avverte che “se non verranno prese misure precauzionali per proteggere” l’edificio patrimonio Unesco, la cupola di Hagia Sophia “rischia di crollare abbattendosi sui fedeli entro il 2050”.

In queste settimane esperti e attivisti hanno rilanciato le accuse alla leadership di Ankara e al presidente Erdogan, i quali starebbero “fallendo” nel compito di “proteggerne la storia, la bellezza e il valore” storico, culturale e architettonico. Critiche sostenute anche dall’Unesco, l’organismo Onu per l’educazione, la scienza e la cultura, secondo cui Ankara “non sta seguendo” le linee guida da usare per tutelare il patrimonio.

Da quando il luogo simbolo è stato sottratto al ministero turco della Cultura, per passare sotto il controllo del Dipartimento per gli affari religiosi “non vi è più un reale apprezzamento” e una adeguata tutela riguardo ai “rischi ambientali e strutturali” che corre

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/05/2022
2901/2023
San Valerio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Una risposta a Melloni, inquisitore dei laicisti

In un disinvolto corsivo comparso ieri sulle colonne di Repubblica, lo storico bolognese del cristianesimo ha raccolto sotto i suoi consueti strali l’ormai crivellato padre Cavalcoli, Antonio Socci, Radio Maria e noi del Family Day. A questo punto è opportuno mettere in chiaro alcuni concetti

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ringrazia per don Milani

Il vero motivo del viaggio a Barbiana, dalle parole stesse del Pontefice, è quello di dare finalmente una risposta alla richiesta di don Milani al suo vescovo, cui chiedeva «un qualsiasi atto solenne», perché altrimenti il suo apostolato sarebbe «apparso come un fatto privato». Sì, concede il Papa, dal Cardinale Silvano Piovanelli in poi, gli arcivescovi di Firenze hanno dato riconoscimento a don Lorenzo ma, ieri, lui lo ha fatto come vescovo di Roma e, questo, «non cancella le amarezze che hanno accompagnato la vita di don Milani – non si tratta di cancellare la storia o di negarla, bensì di comprenderne circostanze e umanità in gioco –, ma dice che la Chiesa riconosce in quella vita un modo esemplare di servire il Vangelo, i poveri e la Chiesa stessa».

Leggi tutto

Media

Il manuale d’imperfezione e resistenza firmato Costanza Miriano

Spiritualità nell’era del web, comunione dei santi all’età della connessione perpetua, digiuno e preghiera. I temi dell’ennesimo libro della giornalista perugina cadono sul mercato come una doccia nel deserto, raccogliendo i lettori in quella grande famiglia che l’autrice stessa chiama “compagnia dell’Agnello”

Leggi tutto

Società

Utero in affitto? No grazie!

Il bambino, che durante la propria gestazione viene cullato dal ventre materno e che impara a riconoscere i rumori che lo circondano (la voce della mamma sicuramente, ma anche la voce del papà e dei fratelli), i sapori che lo nutriranno (e che vengono filtrati grazie al liquido amniotico che ingerisce) e le emozioni che vive chi lo sta ospitando (il ruolo dei neurormoni è ritenuto fondamentale per lo sviluppo fetale), si lega moltissimo alla madre. Grazie agli studi che sono stati compiuti e che oramai danno per scontato tutto un mondo fatto di relazione tra madre e nascituro, è stata messa a punto tutta una serie di accorgimenti clinici che si basano sul “dialogo” e sulle interazioni fisiche che sono vitali per il nascituro.

Leggi tutto

Storie

HAPPY HOUR, L’EPIDEMIA DISTOPICA DI FERRUCCIO PARAZZOLI

Ci si sveglia un giorno a caso in una qualunque periferia dell’Occidente medicalizzato, l’Occidente iperconnesso del XXI secolo, e di colpo la bolla patinata d’onnipotenza transumanista è svanita: basta un ridicolo microrganismo, un miasma invisibile a seminare un panico atavico.

Leggi tutto

Società

Nuove vie di rinascita personale e sociale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano