Storie

di Stefano Di Tomassi

Per le vie di Ostia la chiesa itinerante

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’appuntamento è fissato per questa sera in piazza Fiamme Gialle alle ore 20.30. Per vincere la solitudine e spezzare la chiusura nelle proprie realtà il parroco e prefetto di Ostia don Roberto Visier riunisce la sua comunità ecclesiale di San Nicola di Bari per pregare insieme il Rosario a Maria. Così un folto gruppo di ‘cittadini pellegrini’ si sposta tra le strade, nel mese dedicato a Maria, e raggiunge le piazzette all’interno del territorio della parrocchia. Dall’inizio del mese è stata la volta di piazza Alberto Alessio e piazza Vega. Infine l’ultimo venerdì ci si vedrà alla stessa ora in piazza Enrico Millo.

In piazza Vega è anche accaduto un curioso e splendido fatto che diventa anche un aneddoto; la preghiera del rosario ha attirato un incredulo Vescovo di Ostia mons. Dario Gervasi che in una via a centinaia di metri dalla piazza in questione ha sentito le parole del folto gruppo per poi raggiungerlo con la sua macchina, scendere e prima di tornare nei palazzi di San Giovanni in Roma, ha terminato la preghiera insieme a tutta la comunità.

La preghiera ha permesso quella inter connessione umana che neanche cellulari e computer riescono così pienamente a riprodurre.

E’ propria una chiesa in uscita come la desidera Papa Francesco, esempio pratico, semplice, coerente di quella prima comunità che si incontrava intorno a Gesù e si spostava di gente in gente.

E’ una preghiera che richiama le persone alle finestre e ai balconi, alcuni scendono e raggiungono il corteo. E’ anche una maniera per far incontrare i diversi gruppi della parrocchia perché ciascuno si preoccupa di un Venerdì: la comunità polacca, i gruppi di preghiera, i catechisti, i consacrati alla Madonna.

Da quando è in fase conclusiva l’emergenza pandemica sono tanti i gruppi che escono e si incontrano nelle strade, nelle piazze e parchi della città, per richiamare la gente a riunirsi e uscire. E così si vedono gruppi danzanti, sportivi etc; tuttavia pregare insieme è davvero il modo per essere insieme più semplice, affettivo, discreto adatto a tutti e che forse lascia il cuore più leggero a ciascuno.

Per questo i sacerdoti invitano a partecipare perché nessuno è escluso, ma anzi chi si sente fuori dal gioco della vita è veramente lui che è più indicato per la dolce preghiera a Maria.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/05/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Hadjadj: non scegliete il male minore

L’Italia è chiamata al referendum su una riforma costituzionale molto pervasiva; la Francia
vede prepararsi le elezioni con i cattolici che propendono (come avviene anche nel Belpaese) per il
centrodestra, diviso oggi tra liberalconservatori e nazionalisti duri e puri. Il filosofo Fabrice Hadjadj,
intervistato da Famille Chrétienne, invita a «tracciare un sentiero nel mezzo di Mordor»

Leggi tutto

Chiesa

Il caso Ladaria e gli errori di certa stampa

Per chi sappia come funzionano le trafile nella Curia Romana, la nomina di Luís Ladaria a prefetto dell’ex Sant’Uffizio è tutto fuorché una sorpresa: anche i giornalisti che avevano per tempo confezionato il pezzo con cui “impallinarlo” lo sapevano bene. In ogni critica però è presente un’autobiografia, e il tempismo con cui si stracciano certe vesti dice bene lo stile dell’“informazione”.

Leggi tutto

Media

Il manuale d’imperfezione e resistenza firmato Costanza Miriano

Spiritualità nell’era del web, comunione dei santi all’età della connessione perpetua, digiuno e preghiera. I temi dell’ennesimo libro della giornalista perugina cadono sul mercato come una doccia nel deserto, raccogliendo i lettori in quella grande famiglia che l’autrice stessa chiama “compagnia dell’Agnello”

Leggi tutto

Società

10 figli e molte famiglie guardano a Raffaella

È un’appassionata sostenitrice del ruolo del Consulente Familiare, è stata per sei anni presidente dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose e sa di cosa parla, avendo messo al mondo dieci figli. «Tutte le famiglie numerose vivono una sorta di riprovazione sociale – dice – e mancano sia riforme fiscali che incentivino la prolificità sia un giusto riconoscimento della maternità»

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Chiesa

La Quaresima e le Chiese Stazionali

Nel nostro secolo intendiamo con stazione un luogo di sosta lungo un percorso. Nel mondo romano la terminologia relativa alla viabilità era specializzata con termini specifici come mansio, mutatio e, appunto, statio che è perdurato fino a noi. Per statio si intendeva per lo più un posto di guardia militare, dislocato lungo le vie e i confini dell’Impero, ma nelle fonti il suo uso si riscontra flessibile e riguarda anche funzioni amministrative o di semplice sosta e ristoro.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano