Politica

di Roberto Signori

Sinistra europea impedisce il dibattito sui cristiani perseguitati

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’Intergruppo per la libertà religiosa del Parlamento europeo ha organizzato un incontro con i coniugi pakistani Shagufta Kausar e Shafqat Emmanuel, accusati ingiustamente di blasfemia nel 2013. La coppia cristiana ha trascorso 8 anni in carcere ed è stata rilasciata anche grazie alla risoluzione sostenuta dall’Intergruppo e approvata dal Parlamento europeo il 29 aprile 2021.

Tuttavia, né la loro storia né quella della studentessa nigeriana cristiana Deborah Samuel, lapidata e bruciata perché accusata di blasfemia, ha convinto la sinistra europea ad approvare una menzione sulla persecuzione dei cristiani un una risoluzione che aveva come tema proprio la difesa della libertà religiosa nel mondo. La denuncia è arrivata da Carlo Fidanza, eurodeputato di Fratelli d’Italia-Ecr e co-presidente dell’Intergruppo per la libertà religiosa del Parlamento europeo insieme al collega olandese Peter Van Dalen.

Le leggi sulla blasfemia sono un’infamia che colpisce molte persone in Pakistan, credenti e non credenti di tutte le fedi religiose. Purtroppo negli ultimi anni abbiamo assistito a una crescente radicalizzazione della società pakistana. Dal 1986 ad oggi, le vittime sono salite a oltre 4mila, soprattutto cristiani, e il dato è in continuo aumento”, ha detto il rappresentante in Europa del partito di Giorgia Meloni. Tra processi sommari che, spesso, si tramutano in vere e proprie vendette e atti persecutori contro le minoranze cattoliche di certi Paesi del pianeta, la situazione dei cristiani è sempre più “una tragedia mondiale, come ci dimostra la tragica notizia che abbiamo ricevuto dalla Nigeria dove Deborah Samuel, una studentessa cristiana, è stata accusata di blasfemia e lapidata. L’Europa deve continuare a battersi per difendere i diritti umani dei milioni di cristiani perseguitati in tutto il mondo”.

Eppure, nonostante questo, “la sinistra europea ha bocciato (244 a 231) la richiesta avanzata da un eurodeputato francese del gruppo Id, sostenuta da Ecr e Ppe, di inserire all’ordine del giorno della plenaria in corso a Bruxelles un dibattito sulla persecuzione dei cristiani nel mondo, a seguito del barbaro omicidio della studentessa nigeriana Deborah Samuel”. La denuncia della delegazione di Fratelli d’Italia-Ecr al Parlamento europeo ha acceso i riflettori su un atteggiamento inconcepibile, che ha portato a “un voto vergognoso, a cui ha largamente contribuito il Pd (con sole 3 eccezioni), che ancora una volta nega la dignità dovuta al genocidio quotidiano dei cristiani in ogni parte del mondo e in nome dell’estremismo relativista finisce per non condannare quello islamista”.

Raffaele Fitto, Carlo Fidanza, Nicola Procaccini, Raffaele Stancanelli, Pietro Fiocchi, Sergio Berlato, Vincenzo Sofo e Giuseppe Milazzo, firmatari della nota, proseguono: “È successa la stessa cosa pochi giorni fa a Strasburgo: anche in quell’occasione lo stesso schieramento di forze, che va dai liberali ai comunisti, ha impedito che il martirio dei cristiani venisse menzionato in una risoluzione che aveva come tema proprio la difesa della libertà religiosa nel mondo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/05/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Scuola e chiesa ora tocchiamo veramente i fondi

Gabriele Toccafondi è un fiorentino del ‘72, laureato in scienze politiche, ha fatto il consigliere all’università di Firenze, è stato membro di un sacco di commissioni e promotore di iniziative culturali e dal ‘99 ha messo i piedi in politica per poi non toglierli più. Ha militato tra le file di una lista civica, poi è passato a Forza Italia, poi è stato deputato PdL e nel 2013 ha indossato la casacca NCD, grazie alla quale ora siede sulla poltrona di Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Leggi tutto

Storie

A Lucca il restaurato Angelo Annunciante di San Gennaro in Lucchesia

Dal 18 settembre scorso e sino al 19 dicembre nella chiesa di San Franceschetto a Lucca è esposto, ad ingresso gratuito, l’Angelo Annunciante proveniente dalla Pieve di San Gennaro in Lucchesia, uno dei manufatti artistici più raffinati ed enigmatici del territorio lucchese. L’occasione è offerta dalla mostra “Se fosse un angelo di Leonardo… L’arcangelo Gabriele di San Gennaro in Lucchesia e il suo restauro.

Leggi tutto

Storie

L’ITALIA CHE RICORDA O CHE DOVREBBE

Oggi è il 12 Novembre, 18 anni fa subivamo la più grande strage terroristica per il nostro Paese: scattava il nostro “11 Settembre”. A Nassirya - Iraq morivano sotto la violenza suicida kamikaze, 19 italiani.

Leggi tutto

Società

Germania: cristianesimo in numeri

Attualmente, secondo gli esiti della ricerca, il 28% della popolazione dichiara di aderire alla Chiesa evangelica e il 27% a quella cattolica. Nel 1995 i dati davano il 37% per la prima e il 36% per la seconda. L’allontanamento personale del cristianesimo si è velocizzato negli ultimi anni, con la probabilità che nel giro di breve tempo l’appartenenza alle due grandi Chiese cristiane del paese non coprirà più la maggioranza della popolazione.

Leggi tutto

Storie

Pakistan, ucciso sacerdote in un agguato

La vittima è William Siraj, colpito da due proiettili all’addome e morto sul colpo. L’altro prete ferito è stato trasferito in ospedale e non è in pericolo di vita, Nessun gruppo ha rivendicato l’agguato.

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Arrestato per blasfemia un giovane musulmano

La polizia di Lahore ha incriminato per blasfemia Muhammad Bilal, giovane musulmano accusato di aver dissacrato la croce della “One in Christ Church”, chiesa di Lahore, dove si raduna una comunità di denominazione pentecostale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano