Storie

di Roberto Signori

Disney presenta la nuova linea di abbigliamento LGBTQ per bambini

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

C’era una volta la Walt Disney delle fiabe amate da grandi e piccini, la fabbrica di sogni che intratteneva le famiglie di tutto il mondo. C’era una volta, ma ora non più. Infatti il colosso americano sembra essersi definitivamente trasformato in un centro di propaganda dell’ideologia Gender.

Già, perché dopo aver candidamente confessato la nuova “agenda gay” per i suoi cartoni animati la Disney lunedì ha rilasciato una nuova linea di abbigliamento a tema LGBTQ per bambini, con l’obiettivo di celebrare adeguatamente il mese del “Pride”.

I nuovi prodotti includono una varietà di capi di abbigliamento e accessori per bambini - come magliette, bracciali, maglioni, calzini e zaini, tutti decorati con i colori dell’arcobaleno della bandiera “Pride”, simbolo della comunità di lesbiche, gay, bisessuali e transgender. Molti articoli mescolano i colori della bandiera LGBT con Topolino e altri noti personaggi Disney o Marvel.

L’azienda produce questo tipo di linea di abbigliamento già dal 2018. Quest’anno, tuttavia, la linea di abbigliamento è stata ribattezzata “Disney Pride Collection” invece che “Rainbow Disney Collection”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/05/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Da Sanremo in lode di Mauro Coruzzi

Cantando al festival una canzone (brutta) pro ideologia gender, l’inventore di Platinette si è messo a nudo. Con risultati sorprendenti, forse pure per lui stesso.

Leggi tutto

Società

“Difendiamo i nostri figli”: «Pronti a tornare in piazza»

Il primo Congresso nazionale del Comitato “Difendiamo i nostri figli” si è chiuso con l’intervento del presidente Massimo Gandolfini che ha ribadito la contrarietà del soggetto che ha mobilitato la manifestazione del 20 giugno a piazza San Giovanni a qualsiasi ipotesi di legge sulle unioni civili e sui connessi diritti di filiazione. Interventi da sessantotto comitati locali

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Media

“La tragedia della Talidomide: aspetti medici, scientifici e giuridici”

Il 25 settembre prossimo verrà presentato un libro inerente gli Atti del Convegno che si è svolto a Montecatini Terme il 22 Febbraio del 2020; il libro sarà intitolato: “La tragedia della Talidomide: aspetti medici, scientifici e giuridici”» e sarà edito dalla Casa editrice Art Florence. Il tragico farmaco, somministrato negli anni “50\60” alle donne in gravidanza (per alleviare nausee e vomito), ha provocato migliaia e migliaia di aborti insieme ad un gran numero di bambini focomelici.

Leggi tutto

Società

Scuola, 9 prof su 10 contrari all’asterisco “gender free”

Non solo i docenti, ma anche genitori e studenti hanno espresso la loro contrarietà all’uso dello schwa nel sondaggio realizzato da La Tecnica della Scuola

Leggi tutto

Media

L’inquinamento acustico si misura con lo smartphone

Un esperimento di scienza partecipata ha permesso di misurare il rumore esterno che arriva nelle abitazioni degli italiani, grazie a un protocollo in grado di analizzare l’associazione tra i livelli sonori misurati, il comfort individuale e i fattori sociali e ambientali del contesto sonoro di riferimento. I risultati dello studio, firmato dall’Istituto nanoscienze e dall’Unità comunicazione e relazioni con il pubblico del Consiglio nazionale delle ricerche, dagli Istituti clinici scientifici “Maugeri” e da Arpa Piemonte, sono pubblicati su PlosOne

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano